Domenica 25 Settembre 2022 | 00:48

In Puglia e Basilicata

IL FATTO

«Diritto di cronaca», la Procura di Brindisi rilascerà ai giornalisti copia atti giudiziari

«Diritto di cronaca», la Procura di Brindisi rilascerà ai giornalisti copia atti giudiziari

L'esterno del Tribunale di Brindisi

La direttiva diramata dal magistrato Donno sui documenti non coperti da segreto istruttorio: «A favore dell'esercizio dell'informazione»

15 Settembre 2022

Redazione online

La Procura di Brindisi, previa autorizzazione del procuratore della Repubblica, rilascerà ai giornalisti copia degli atti giudiziari non più coperti dal segreto istruttorio, compresi i provvedimenti cautelari, «al fine di garantire il corretto esercizio del diritto di cronaca». E' questo il contenuto della direttiva diramata dal procuratore della Repubblica di Brindisi, Antonio Donno, anche in ragione del provvedimento organizzativo del 10 marzo del 2022 del procuratore generale della Corte di Cassazione nel quale si è ritenuto configurabile «un legittimo interesse dei giornalisti ad ottenere copie di atti processuali non più coperti da segreto, sia pure utilizzando le necessarie cautele a tutela dei terzi interessati».

La possibilità di ricevere da parte dei giornalisti copie di atti giudiziari non più coperti da segreto è stata prevista e disciplinata già da altri uffici giudiziari, tra cui Perugia, Potenza e Napoli. La Procura di Brindisi ricorda inoltre che l’articolo 116 del Codice di procedura penale consente, durante il procedimento e dopo la sua definizione, a chiunque «vi abbia interesse di ottenere, a proprie spese, copie di singoli atti processuali». Soggetto legittimato a richiedere copie, viene specificato, è anche «chi non è, e non è stato, parte del procedimento penale, e l’interesse di cui deve essere portatore può essere di qualsivoglia natura, purché apprezzabile e giuridicamente tutelato».

Così «ogni giornalista può certamente rientrare fra i soggetti titolari di un interesse a richiedere copie di atti processuali non più segreti, onde consentirgli l’esercizio del diritto/dovere di informazione». Secondo quanto disposto dalla Procura di Brindisi le istanze di copia dovranno essere presentate personalmente «dal giornalista presso la segreteria unica del procuratore e del procuratore aggiunto ovvero inviata via Pec».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725