Domenica 19 Gennaio 2020 | 20:08

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Brindisino
Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

 
La tragedia
Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

 
Buon compleanno
Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

 
Nel Brindisino
S.Vito dei Normanni, 79enne abbandona in strada 4 cagnolini di pochi giorni, denunciato

S.Vito dei Normanni, 79enne abbandona in strada 4 cagnolini di pochi giorni, denunciato

 
Il caso
Mesagne, villa con piscina e carrozzerie allacciate abusivamente a rete elettrica: 3 indagati

Mesagne, villa con piscina e carrozzerie allacciate abusivamente a rete elettrica: 3 indagati

 
La storia
Torre Guaceto, Cohiba tartaruga con gli occhi chiusi: il sogno di ridarle la vista

Torre Guaceto, Cohiba tartaruga con gli occhi chiusi: il sogno di ridarle la vista

 
Abusivismo
Ceglie Messapica, case popolari occupate: 26 denunce

Ceglie Messapica, case popolari occupate: 26 denunce

 
Un 26enne
Ceglie Messapica, guida l'auto dopo aver bevuto e si scontra con un furgone: denunciato

Ceglie Messapica, guida l'auto dopo aver bevuto e si scontra con un furgone: denunciato

 
I funerali
Fasano, a migliaia per l'addio al «guerriero» Custodero

Fasano, a migliaia per l'addio al «guerriero» Custodero

 
Scarcerato
Ostuni, torna libero l'imprenditore che ha ucciso per sbaglio la moglie

Ostuni, torna libero l'imprenditore che ha ucciso per sbaglio la moglie

 

Il Biancorosso

Serie C
Goleada del Bari contro il fanalino di coda Rieti: il videocommento

Goleada del Bari contro il fanalino di coda Rieti: il videocommento

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa protesta
Bai, un presidio per dire no agli animali nel circo

Bai, un presidio per dire no agli animali nel circo

 
FoggiaL'operazione dei cc
Cerignola, beccati 4 giovanissimi ladri di moto: arrestati

Cerignola, beccati 4 giovanissimi ladri di moto: arrestati

 
TarantoIl caso
Capitale della Cultura italiana 2021: prove di sintesi fra Taranto e Grecìa Salentina

Capitale della Cultura italiana 2021: prove di sintesi fra Taranto e Grecìa Salentina

 
BrindisiNel Brindisino
Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

 
Materaarte
Matera, boom dei musei: presenze salgono del 28,98%

Matera, boom dei musei: presenze salgono del 28,98%

 
Leccenel Salento
S.M. al Bagno, il campanile cade a pezzi: è allarme

S.M. al Bagno, il campanile cade a pezzi: è allarme

 
Batl'ultimo saluto
Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

 

i più letti

Il caso

Brindisi, padre abbandonò figlia dopo nascita: condannato a 60mila euro

Il giudice civile di Brindisi accoglie il ricorso della ragazza ora 20enne alla quale il genitore ha rifiutato assistenza materiale e morale sin dalla nascita

Brindisi, padre abbandonò figlia dopo nascita: condannato a 60mila euro

BRINDISI - Abbandona la figlia dopo la nascita, nonostante l'avesse riconosciuta: per il giudice si tratta di danno esistenziale. Per questo motivo un padre brindisino sarà costretto a pagare 60mila euro di risarcimento per disagio morale e materiale alla figlia ora 20enne. A stabilirlo è il giudice civile di Brindisi a cui la ragazza si è rivolta per il riconoscimento del lungo periodo di sofferenza patito nell’arco della sua vita a causa dell'assenza del genitore. 

Con ordinanza esecutiva, il giudice Antonio Ivan Natali, ha ordinato il pagamento della somma complessiva di 60.000 in favore di una ragazza ventenne di Brindisi, assistita dagli avvocati Felice Grassi e Maurizio Salerno, per il grave danno esistenziale subito in conseguenza del disinteresse mostrato dal padre nei suoi confronti.

L’uomo, pochi mesi dopo la nascita della figlia arrivata, abbandonava sia la compagna che la bambina. Per ottenere la corresponsione dell’assegno alimentare per la figlia, la madre era costretta a rivolgersi al Tribunale di Brindisi: il padre della bambina, a partire dalla data del suo allontanamento, si disinteressava infatti totalmente delle necessità della piccola, e pur abitando nella stressa città non l’ha mai voluta incontrare o conoscere.

Gli avvocati della ragazza hanno sostenuto e dimostrato che durante tutta la fase dello sviluppo e della crescita della bambina, oggi giovane donna, sono risultati gravi i danni psicologici e di autostima patiti della stessa, che ha accumulato insicurezze ed ansie, con ripercussioni sul rendimento scolastico oltre che sulla vita di relazione con i coetanei.

Non hanno ottenuto alcun risultato, negli anni, i tentativi della madre di creare un minimo rapporto tra la figlia ed il genitore naturale, a causa della condotta dell’uomo il quale – hanno rilevato gli avvocati - ha brillato per la sua assenza anche in tutti i momenti importanti della giovane vita della figlia.

Il manifesto, esplicito e continuo rifiuto da parte del padre hanno causato alla figlia attacchi di panico con i quali ha dovuto convivere. Una lunga sofferenza, dicono i suoi avvocati, che hanno determinato la decisione di rivolgersi al giudice, che ha accolto la sua istanza, assegnando alla ragazza un risarcimento di 40mila euro per gli anni dalla nascita ai 16 anni, e di ulteriori 20mila euro per il periodo sino all’avvio del giudizio.

Nel provvedimento, il giudice Natali ha considerato dimostrata e provata la «verosimile inosservanza dei doveri di assistenza morale che conformano i rapporti tra genitori e figli e che costituiscono, non solo inderogabili doveri morali ma obblighi civilistici di rilevanza costituzionale», applicando «massime di comune esperienza di non agevole smentita» e citando la giurisprudenza recente in tema di danno esistenziale, «da intendersi come peggioramento della qualità della vita in virtù della compromissione del fare areddituale della vittima ma anche come mancato sviluppo di una personalità secondo le aspettative che le peculiari condizioni del soggetto rendevano esigibili al momento del verificarsi del fatto illecito».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie