Martedì 04 Agosto 2020 | 16:34

NEWS DALLA SEZIONE

VANDALISMO
Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

 
L'incidente
Brindisi, aggredito con l'acido dalla moglie: grave uomo di 52 anni

Brindisi, aggredito con l'acido: 52enne lotta tra la vita e la morte, arrestata moglie

 
l'episodio
Brindisi, scippa una 64enne e viene arrestato dai Carabinieri

Brindisi, scippa una 64enne e viene arrestato dai Carabinieri

 
la visita
Premier Conte atteso a Ceglie Messapica per il 9 agosto

Premier Conte atteso a Ceglie Messapica per il 9 agosto

 
ll fatto
San Pietro Vernotico, minaccia compagna con lungo coltello: bloccato dai cc

San Pietro Vernotico, minaccia compagna con lungo coltello: bloccato dai cc

 
Oria, banca condannata a restituire 100mila euro

Oria, banca condannata a restituire 100mila euro

 
ABUSIVISMO
A Rosa Marina una spiaggia libera trasformata in lido, tutto sequestrato

A Rosa Marina una spiaggia libera trasformata in lido, tutto sequestrato

 
caldo
Riscaldamento globale: a Brindisi l'incremento maggiore d'Italia

Riscaldamento globale: a Brindisi l'incremento maggiore d'Italia

 
VERSO LE ELEZIONI
S. Vito dei Normanni: il sindaco si dimette e si candida alle Regionali

S. Vito dei Normanni: il sindaco si dimette e si candida alle Regionali

 
il 2 agosto
«Per un'ora d'amore... o forse due»: Oria ricorda i grandi della musica italiana con una serata-evento

«Per un'ora d'amore... o forse due»: Oria ricorda i grandi della musica italiana con una serata-evento

 
LE INDAGINI
Carne avariata sul litorale di Brindisi, padre e figlio intossicati

Carne avariata sul litorale di Brindisi, padre e figlio intossicati

 

Il Biancorosso

SERIE C

Bari, una panchina per 4: Vivarini in pole position

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIL MISTERO
Caso Orlandi, l'Unisalento studia gli ultimi reperti

Caso Orlandi, l'Unisalento studia gli ultimi reperti

 
BariIL VERTICE
Bari, scuole in crisi ma dalla ministra solo promesse

Bari, scuole in crisi ma dalla ministra solo promesse

 
PotenzaINFRASTRUTTURE
Genzano di Lucania, distretto G: al via lavori da 50 milioni

Genzano di Lucania, distretto G: al via lavori da 50 milioni

 
Batl'operazione
Spinazzola, braccianti sfruttati a 4 euro l'ora: 60enne arrestato, denunciati 2 imprenditori

Spinazzola, braccianti sfruttati a 4 euro l'ora: 60enne arrestato, denunciati 2 imprenditori

 
MateraMIGRAZIONE
I migranti all'Old West di Ferrandina: chi scappa dalla fame chi dalla Siria

I migranti all'Old West di Ferrandina: chi scappa dalla fame, chi dalla Siria

 
TarantoL'INCHIESTA
Taranto, gruista morto: riparte l'indagine

Taranto, gruista morto: riparte l'indagine

 
Foggianel foggiano
Cerignola, auto fuori strada nella notte: muore 21enne, salvi due amici

Cerignola, auto fuori strada nella notte: muore 21enne, salvi due amici

 
BrindisiVANDALISMO
Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

Brindisi, brucia rifiuti illegalmente: denunciato dai Forestali

 

i più letti

Il caso

Brindisi, padre abbandonò figlia dopo nascita: condannato a 60mila euro

Il giudice civile di Brindisi accoglie il ricorso della ragazza ora 20enne alla quale il genitore ha rifiutato assistenza materiale e morale sin dalla nascita

Brindisi, padre abbandonò figlia dopo nascita: condannato a 60mila euro

BRINDISI - Abbandona la figlia dopo la nascita, nonostante l'avesse riconosciuta: per il giudice si tratta di danno esistenziale. Per questo motivo un padre brindisino sarà costretto a pagare 60mila euro di risarcimento per disagio morale e materiale alla figlia ora 20enne. A stabilirlo è il giudice civile di Brindisi a cui la ragazza si è rivolta per il riconoscimento del lungo periodo di sofferenza patito nell’arco della sua vita a causa dell'assenza del genitore. 

Con ordinanza esecutiva, il giudice Antonio Ivan Natali, ha ordinato il pagamento della somma complessiva di 60.000 in favore di una ragazza ventenne di Brindisi, assistita dagli avvocati Felice Grassi e Maurizio Salerno, per il grave danno esistenziale subito in conseguenza del disinteresse mostrato dal padre nei suoi confronti.

L’uomo, pochi mesi dopo la nascita della figlia arrivata, abbandonava sia la compagna che la bambina. Per ottenere la corresponsione dell’assegno alimentare per la figlia, la madre era costretta a rivolgersi al Tribunale di Brindisi: il padre della bambina, a partire dalla data del suo allontanamento, si disinteressava infatti totalmente delle necessità della piccola, e pur abitando nella stressa città non l’ha mai voluta incontrare o conoscere.

Gli avvocati della ragazza hanno sostenuto e dimostrato che durante tutta la fase dello sviluppo e della crescita della bambina, oggi giovane donna, sono risultati gravi i danni psicologici e di autostima patiti della stessa, che ha accumulato insicurezze ed ansie, con ripercussioni sul rendimento scolastico oltre che sulla vita di relazione con i coetanei.

Non hanno ottenuto alcun risultato, negli anni, i tentativi della madre di creare un minimo rapporto tra la figlia ed il genitore naturale, a causa della condotta dell’uomo il quale – hanno rilevato gli avvocati - ha brillato per la sua assenza anche in tutti i momenti importanti della giovane vita della figlia.

Il manifesto, esplicito e continuo rifiuto da parte del padre hanno causato alla figlia attacchi di panico con i quali ha dovuto convivere. Una lunga sofferenza, dicono i suoi avvocati, che hanno determinato la decisione di rivolgersi al giudice, che ha accolto la sua istanza, assegnando alla ragazza un risarcimento di 40mila euro per gli anni dalla nascita ai 16 anni, e di ulteriori 20mila euro per il periodo sino all’avvio del giudizio.

Nel provvedimento, il giudice Natali ha considerato dimostrata e provata la «verosimile inosservanza dei doveri di assistenza morale che conformano i rapporti tra genitori e figli e che costituiscono, non solo inderogabili doveri morali ma obblighi civilistici di rilevanza costituzionale», applicando «massime di comune esperienza di non agevole smentita» e citando la giurisprudenza recente in tema di danno esistenziale, «da intendersi come peggioramento della qualità della vita in virtù della compromissione del fare areddituale della vittima ma anche come mancato sviluppo di una personalità secondo le aspettative che le peculiari condizioni del soggetto rendevano esigibili al momento del verificarsi del fatto illecito».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie