Giovedì 18 Agosto 2022 | 09:21

In Puglia e Basilicata

Il caso

Fasano, nascosti in un trullo tre chili di esplosivo: al via le indagini

trullo distrutto

La scoperta nella giornata di venerdì, nei pressi di un rudere. Tutto il materiale è stato fatto brillare in sicurezza, su disposizione della procura

20 Aprile 2019

Redazione online

FASANO - Tre capsule detonanti in alluminio e quasi tre chili di esplosivo nascosti tra le pietre di un trullo nelle campagne di Fasano, nel Brindisino. La scoperta è stata fatta ieri, da parte degli agenti di polizia delle squadre mobili di Lecce e Brindisi.

Durante un controllo sul territorio il personale delle Squadre Mobili e l’unità cinofila dell’Ufficio di Frontiera brindisino, ha trovato dell’esplosivo nel rudere di un trullo in Contrada Cirasina, nel comune di Fasano. Era occultato tra le pietre di un muro, in un secchio in plastica, che conteneva anche tre capsule detonanti in alluminio, circa 70 centimetri di miccia a lenta combustione e quasi tre chilogrammi di materiale esplodente. Sono state chiamate la Polizia Scientifica e l’Unità Artificieri, che hanno fatto brillare l’esplosivo sul posto, informati il pm di turno e la Procura, che hanno dato il via alle indagini per accertarne la proprietà e la provenienza. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725