Sabato 12 Giugno 2021 | 14:03

NEWS DALLA SEZIONE

la campagna
Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

 
Ambiente
Brindisi carrubo secolare

Brindisi, danneggiato il carrubo secolare: Sos al Comune

 
Nel Brindisino
Torre S.Susanna, estorcono denaro a un 13enne per due anni: arrestati

Torre S.Susanna, estorcono denaro a un 13enne per due anni: arrestati

 
Erano amiche da oltre 30 anni
Brindisi, l'amicizia tra due donne stroncata dal Covid: rissa e lite su chi sia stata a infettare l'altra

Brindisi, l'amicizia tra due donne stroncata dal Covid: rissa e lite su chi sia stata a infettare l'altra

 
Il caso
Per pulire spiaggia danneggiano duna costiera, 3 denunciati a Ostuni

Per pulire spiaggia danneggiano duna costiera, 3 denunciati a Ostuni

 
Il caso
Brindisi, malore improvviso per Fitto al gate per Roma: trasportato al Perrino

Brindisi, malore improvviso per Fitto al gate per Roma: trasportato al Perrino. È stato dimesso

 
Il caso
Brindisi, maxi sequestro di scarpe Eytys e Converse contraffatte in arrivo dalla Grecia

Brindisi, maxi sequestro di scarpe Eytys e Converse contraffatte in arrivo dalla Grecia

 
Covid 19
Brindisi, le analisi confermano la variante indiana

Brindisi, le analisi confermano la variante indiana

 
L'operazione
Brindisi, sequestrato ingente carico di abbigliamento contraffatto

Brindisi, sequestrato ingente carico di abbigliamento contraffatto

 
I rischi
Dopo i 4 intossicati di Brindisi è allarme per il tonno troppo «colorato»

Dopo i 4 intossicati di Brindisi è allarme per il tonno troppo «colorato»

 
Spiagge
A Rosa Marina il notaio per sorteggiare gli ombrelloni

A Rosa Marina il notaio per sorteggiare gli ombrelloni

 

Il Biancorosso

La novità
Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barigiustizia svenduta
Bari, «Il milione nascosto negli zainetti? Erano gli onorari del mio lavoro»

Bari, avvocato Chiariello: «Il milione nascosto negli zainetti? Erano gli onorari del mio lavoro»

 
Potenzalavori pubblici
Potenza, Ponte Musmeci, restauro alla Fhecor Ingenieros

Potenza, Ponte Musmeci, restauro alla Fhecor Ingenieros

 
MateraVaccini
Matera, immediata sospensione Astrazeneca sugli under 60

Matera, immediata sospensione Astrazeneca sugli under 60 Il bollettino odierno

 
TarantoLa tragedia
Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

 
Brindisila campagna
Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

 
LecceLa novità
Lecce, festa di Sant’Oronzo non si farà la processione

Lecce, festa di Sant’Oronzo non si farà la processione

 

i più letti

Centrale Enel

Polveri di carbone da Cerano, Corte d'appello: «Sì a risarcimento a provincia Brindisi»

Il processo d’appello si era concluso con la conferma delle due condanne inflitte in primo grado ai manager Enel

«Brindisi, centrale Cerano a rischio per la salute»

La Corte d’appello di Lecce ha corretto un errore materiale contenuto nel dispositivo della sentenza emessa l’8 febbraio scorso al termine del processo di secondo grado nei confronti di dirigenti Enel e della società per la diffusione di polveri di carbone dal carbonile e dal nastro trasportatore della centrale di Cerano (Brindisi) nei terreni degli agricoltori. I giudici, con la correzione, hanno previsto un risarcimento, da liquidarsi in separata sede, nei confronti della Provincia di Brindisi che aveva invocato un risarcimento per 500 milioni di euro. I giudici hanno tuttavia escluso il danno ambientale, che poteva eventualmente essere chiesto solo dal ministero.

Enel Produzione ha annunciato di voler impugnare la correzione dinanzi alla Corte di Cassazione.
Il processo d’appello si era concluso con la conferma delle due condanne inflitte in primo grado ai manager Enel, con l'estensione dei risarcimenti anche ad altri agricoltori proprietari di terreni vicini al nastro trasportatore della centrale Enel di Cerano. Per Antonino Ascione e Calogero Sanfilippo era stata confermata la pena (sospesa) a nove mesi di reclusione. Per altri due, Sandro Valery e Luciano Mirko Pistillo, i reati erano stati dichiarati prescritti. Due i reati contestati: getto pericoloso di cose e danneggiamento aggravato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie