Martedì 18 Dicembre 2018 | 21:51

NEWS DALLA SEZIONE

Il fermo
Neonazista francese bloccato da polizia a Ostuni: su di lui mandato di cattura internazionale

Neonazista francese bloccato da polizia a Ostuni:
su di lui mandato di cattura internazionale

 
L'intervista
Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese per me è un orgoglio»

Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese? Un orgoglio»

 
L'aggressione
Brindisi, aggredisce i cc con una zappa: fermato con spray al peperoncino

Brindisi, aggredisce i cc con una zappa: fermato con spray al peperoncino

 
Il dossier del Sole 24 Ore
Qualità della vita: Brindisi risale 8 posizioni ma resta nei bassifondi

Qualità della vita: Brindisi risale 8 posizioni ma resta nei bassifondi

 
Refezione
Brindisi, caos mensa scolastica sulla carne polacca. Comune: non sappiamo nulla

Brindisi, caos mensa scolastica sulla carne polacca. Comune: non sappiamo nulla

 
Dopo la polemica
S.Pancrazio, la scuola decide per la settimana corta

S.Pancrazio, la scuola decide per la settimana corta

 
Nel Brindisino
Aggredisce genitori in un bar e minaccia il proprietario: arrestato 22enne a Carovigno

Aggredisce genitori in un bar e minaccia il proprietario: arrestato 22enne a Carovigno

 
Operazione del Nas
Brindisi, carne polacca al posto di quella italiana alla mensa scolastica: 3 denunce

Brindisi, carne polacca al posto di quella italiana alla mensa scolastica: 3 denunce

 
A Mesagne
Prosciugano il conto di una 86enne dopo averle preso il bancomat

Prosciugano il conto di una 86enne dopo averle preso il bancomat

 
L'operazione
Brindisi, GdF sequestra al porto 3mila paia di scarpe contraffatte

Brindisi, GdF sequestra al porto 3mila paia di scarpe contraffatte

 
A Mesagne (Br)
Viaggi e smartphone per 17mila euro con il bancomat di un'anziana, indagata una coppia

Viaggi e smartphone per 17mila euro con il bancomat di un'anziana, indagata una coppia

 

Al rione Sant'Elia

Brindisi, picchia e deruba la madre poi tenta furto in chiesa: arrestato

A fermare il 44enne brindisino i Nibbio e le volanti della polizia

Brindisi, bimbo di tre anni sparisce da casa: ritrovato dai Nibbio

BRINDISI - Prima picchia la madre e la sbatte per terra per appropriarsi di alcuni oggetti della donna in casa, poi tenta il furto del motore del condizionatore della chiesa di San Lorenzo al rione Sant’Elia, ma il parroco se ne accorge e avverte la Polizia.
Scatta l’intervento di Nibbio e Volanti che, su disposizione del pm di turno Raffaele Casto mettono le manette ai polsi al 44enne brindisino. L’uomo, che è un volto arcinoto alle forze dell’ordine è finito nel carcere di via Appia non solo per il reato di furto aggravato ma anche per quello di maltrattamenti in famiglia ai danni della madre ultrasessantenne.

Una storia di vessazioni pesanti a carico della donna quella emersa subito dopo il primo intervento della Polizia di Stato in una nota piazza del rione Sant’Elia. Gli agenti - guidati dal vice questore Vincenzo Maruzzella - hanno rilevato che la lite era solo una delle tante che nel tempo si erano susseguite. L’ultima si è verificata nella mattinata di martedì. Da quanto emerso le pressanti richieste del figlio erano sfociate in una nuova aggressione al termine della quale la donna sarebbe stata sbattuta sul pavimento. Prima di andarsene e far perdere momentaneamente le tracce il figlio le avrebbe poi sottratto alcuni oggetti presenti in casa. La donna, sconvolta, avrebbe rifiutato in prima battuta di farsi medicare le ferite riportate poi, dopo essersi aperta ai poliziotti e raccontato la sua triste vicenda, avrebbe accettato di farsi visitare dall’equipe del 118 nel frattempo giunta sul posto.

Passa qualche ora. Nel primo pomeriggio la Polizia è costretta a ritornare a Sant’Elia. Questa volta a chiamare è il parroco della chiesa di San Lorenzo, qualcuno stava tentando di rubare il motore del condizionatore dell’edificio di culto. Ma il presule non si è perso d’animo fermando l’uomo e riconoscendolo. Sul posto sono arrivati i motociclisti del Nibbio e poi le Volanti che hanno fermato il 44enne e su disposizione del magistrato di turno lo hanno ammanettato. L’uomo che ha alle spalle numerosi precedenti risponde ora di altri due reati particolarmente pesanti. Nelle prossime ore si terrà l’udienza di convalida al termine della quale il gip deciderà di confermare l’arresto in carcere per il 44enne brindisino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400