Sabato 18 Gennaio 2020 | 07:51

NEWS DALLA SEZIONE

La tragedia
Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

 
Buon compleanno
Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

 
Nel Brindisino
S.Vito dei Normanni, 79enne abbandona in strada 4 cagnolini di pochi giorni, denunciato

S.Vito dei Normanni, 79enne abbandona in strada 4 cagnolini di pochi giorni, denunciato

 
Il caso
Mesagne, villa con piscina e carrozzerie allacciate abusivamente a rete elettrica: 3 indagati

Mesagne, villa con piscina e carrozzerie allacciate abusivamente a rete elettrica: 3 indagati

 
La storia
Torre Guaceto, Cohiba tartaruga con gli occhi chiusi: il sogno di ridarle la vista

Torre Guaceto, Cohiba tartaruga con gli occhi chiusi: il sogno di ridarle la vista

 
Abusivismo
Ceglie Messapica, case popolari occupate: 26 denunce

Ceglie Messapica, case popolari occupate: 26 denunce

 
Un 26enne
Ceglie Messapica, guida l'auto dopo aver bevuto e si scontra con un furgone: denunciato

Ceglie Messapica, guida l'auto dopo aver bevuto e si scontra con un furgone: denunciato

 
I funerali
Fasano, a migliaia per l'addio al «guerriero» Custodero

Fasano, a migliaia per l'addio al «guerriero» Custodero

 
Scarcerato
Ostuni, torna libero l'imprenditore che ha ucciso per sbaglio la moglie

Ostuni, torna libero l'imprenditore che ha ucciso per sbaglio la moglie

 
Il video
Tap, Castoro Sei arriva a Brindisi: a breve la posa della sezione sottomarina del gasdotto

Brindisi, arriva la nave Castoro Sei: a breve la posa della sezione sottomarina per Tap

 
La rissa
Fasano, espulso da centro di accoglienza: migrante aggredisce direttrice e carabinieri

Fasano, espulso da centro di accoglienza: migrante aggredisce direttrice e carabinieri

 

Il Biancorosso

mercato
Ancora nessun botto: il Bari col freno tirato

Ancora nessun botto: il Bari col freno tirato

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiLa tragedia
Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

 
TarantoA Taranto
«ArcelorMittal», monta la protesta degli autotrasportatori

«ArcelorMittal», monta la protesta degli autotrasportatori

 
PotenzaLa relazione Dia
In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

 
Leccenel Leccese
Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

 
Barila procura
Bari, chiesto processo per ex giudice Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

Bari, chiesto processo per Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

 
Batnel nordbarese
Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare Silvestris: si indaga

Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare: si indaga

 
MateraIl caso
Metaponto, nel portafogli aveva 53 pasticche «da stupro»: denunciato

Metaponto, nel portafogli aveva 53 pasticche «da stupro»: denunciato

 

i più letti

la setta in azione

Vittima di una truffa: 150mila euro in quattro anni per avere il Paradiso

A processo a Bari per truffa una sedicente veggente brindisina, Paola Catanzaro, nota all’epoca come «Paolo il mistico»

Sveva Cardinale chiamata anche Paola Catanzaro

Paola Catanzaro, chiamata anche Sveva Cardinale

BARI - Paolo Catanzaro, a processo per truffa, «mi disse che un angelo gli aveva comunicato che io ero la prescelta per un progetto divino: finanziare croci in legno da inviare in posti disastrati della terra indicati da Dio, gesti di fede per aiutare questi popoli a liberarsi dalle afflizioni delle guerre e della fame». Così Isabella De Bellis si sarebbe fatta raggirare dal sedicente veggente (che ora si chiama Paola, dopo il cambio di sesso nel 2014), pagando 150mila euro in quattro anni per garantire il Paradiso al padre malato. Oggi la vittima del raggiro ha testimoniato dinanzi al Tribunale di Bari nel processo nel quale è costituita parte civile contro la 40enne brindisina Paola Catanzaro, nota all’epoca come «Paolo il mistico» e conosciuta anche come Sveva Cardinale, e la 51enne di Conversano, Lucia Borrelli, entrambe imputate per truffa aggravata in concorso.

Le due sono attualmente indagate per fatti simili anche dalla Procura di Brindisi, insieme con altre 7 persone, fra le quali l'attuale marito di Paola, Francesco Rizzo (tornato libero oggi dopo 3 mesi ai domiciliari, mentre l’ex mistico è ancora in carcere).

I fatti contestati a Bari si riferiscono agli anni 2007-2011. Nel processo è costituito parte civile anche il Gris, Gruppo di Ricerca e di Informazione sulle Sette. La vittima avrebbe iniziato a frequentare il gruppo di preghiera nell’estate 2007. La sua profonda fede e la fragilità emotiva per le condizioni di salute del padre, l’avrebbero indotta a credere ai raggiri.
Le due donne, infatti, l’avrebbero convinta a pagare 6mila euro al mese (dal novembre 2007 all’agosto 2009) per distribuire tre croci ogni 30 giorni realizzate da un falegname di Bassano del Grappa e inviate da tale suor Maria della Croce (risultata inesistente), più altro denaro per le spese della comunità fino a 60mila euro in un’unica soluzione (sempre pagati in contanti) fino al febbraio 2011. Questo, le dicevano, avrebbe fatto guarire il padre (poi deceduto a ottobre 2008) o comunque gli avrebbe assicurato il Paradiso.

Nella sua lunga testimonianza dinanzi al Tribunale monocratico di Bari, rispondendo alle domande del pm Larissa Catella e poi dei difensori degli imputati, Isabella De Bellis ha raccontato delle catechesi con «Paolo il mistico», delle visioni, dei messaggi inviatigli dalla Madonna e del sangue che gli colava dalla fronte, di essere stata convinta persino a lasciare il suo compagno e a sposare un uomo della comunità religiosa dal quale poi ha avuto un figlio.

«Era l’arcangelo Eris a dare a Paolo i messaggi per me» ha raccontato la donna, riferendo delle continue richieste di denaro per quello che chiamavano «il progetto dei doni» (la distribuzione delle croci nel mondo). Nel suo racconto la donna ha riferito anche che suo fratello, insospettito, si recò dall’allora vescovo di Brindisi, monsignor Rocco Talucci, il quale «gli assicurò che le esperienze mistiche di Paolo erano autentiche, addirittura portate all’attenzione del Vaticano».
Ma dopo essersi indebitata con amici e familiari e aver chiesto anche un mutuo in banca per finanziare la comunità, Isabella ha finalmente sospettato del raggiro nell’aprile 2012, si è allontanata dal marito (ha poi ottenuto anche l'annullamento del matrimonio) e dal sedicente mistico e ha denunciato la vicenda. «In un lampo - ha detto in udienza - presi coscienza che il progetto delle croci non esisteva e che ero stata vittima di una truffa». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie