Martedì 19 Marzo 2019 | 05:10

NEWS DALLA SEZIONE

In pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
Al rione Bozzano
Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

 
Denunciato
Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

 
Ordinanza del Questore
San Donaci, droga e pregiudicati: chiuso circolo per un mese

San Donaci, droga e pregiudicati: chiuso circolo per un mese

 
Indagano i Cc
Fasano, gli sparano mentre fa la pipì per strada: ferito 40enne

Fasano, gli sparano mentre fa la pipì per strada: ferito 40enne

 
Maltrattamento di animali
Brindisi, trovati 6 cani rinchiusi in auto abbandonata: una denuncia

Brindisi, trovati 6 cani rinchiusi in auto abbandonata: una denuncia

 
Il caso
Brindisi, polizze a prezzi di saldo: una truffa non un affare

Brindisi, polizze a prezzi di saldo: una truffa non un affare

 
Champions League
CR7, dopo la vittoria la festa nel locale del fasanese Ancona

CR7, dopo la vittoria la festa nel locale del fasanese Ancona

 
Nel Brindisino
Si addormenta sul bus ubriaco e rifiuta di scendere, nigeriano arrestato a Ceglie Messapica

Si addormenta sul bus ubriaco e rifiuta di scendere, nigeriano arrestato a Ceglie Messapica

 
Nel brindisino
La fortuna bacia Ceglie Messapica: vinti 2,5 mln di euro al 10 e Lotto

La fortuna bacia Ceglie Messapica: vinti 2,5 mln di euro al 10 e Lotto

 
La protesta
Francavilla, via dall'ospedale i distributori di snack abusivi

Francavilla, via dall'ospedale i distributori di snack abusivi

 

Il Biancorosso

LE PAGELLE
Iadaresta aumenta il peso offensivoPozzebon grigio: neanche un tiro

Iadaresta aumenta il peso offensivo
Pozzebon grigio: neanche un tiro

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa visita
Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

 
TarantoIncidente stradale
Scontro a Crispiano: muore una maestra di 46 anni, insegnava a Martina

Scontro a Crispiano: muore maestra di 46 anni. Altro incidente a Manduria: muore 78enne

 
HomeUdienza preliminare
Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

 
PotenzaI controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
BatL'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
BrindisiIn pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

la setta in azione

Vittima di una truffa: 150mila euro in quattro anni per avere il Paradiso

A processo a Bari per truffa una sedicente veggente brindisina, Paola Catanzaro, nota all’epoca come «Paolo il mistico»

Sveva Cardinale chiamata anche Paola Catanzaro

Paola Catanzaro, chiamata anche Sveva Cardinale

BARI - Paolo Catanzaro, a processo per truffa, «mi disse che un angelo gli aveva comunicato che io ero la prescelta per un progetto divino: finanziare croci in legno da inviare in posti disastrati della terra indicati da Dio, gesti di fede per aiutare questi popoli a liberarsi dalle afflizioni delle guerre e della fame». Così Isabella De Bellis si sarebbe fatta raggirare dal sedicente veggente (che ora si chiama Paola, dopo il cambio di sesso nel 2014), pagando 150mila euro in quattro anni per garantire il Paradiso al padre malato. Oggi la vittima del raggiro ha testimoniato dinanzi al Tribunale di Bari nel processo nel quale è costituita parte civile contro la 40enne brindisina Paola Catanzaro, nota all’epoca come «Paolo il mistico» e conosciuta anche come Sveva Cardinale, e la 51enne di Conversano, Lucia Borrelli, entrambe imputate per truffa aggravata in concorso.

Le due sono attualmente indagate per fatti simili anche dalla Procura di Brindisi, insieme con altre 7 persone, fra le quali l'attuale marito di Paola, Francesco Rizzo (tornato libero oggi dopo 3 mesi ai domiciliari, mentre l’ex mistico è ancora in carcere).

I fatti contestati a Bari si riferiscono agli anni 2007-2011. Nel processo è costituito parte civile anche il Gris, Gruppo di Ricerca e di Informazione sulle Sette. La vittima avrebbe iniziato a frequentare il gruppo di preghiera nell’estate 2007. La sua profonda fede e la fragilità emotiva per le condizioni di salute del padre, l’avrebbero indotta a credere ai raggiri.
Le due donne, infatti, l’avrebbero convinta a pagare 6mila euro al mese (dal novembre 2007 all’agosto 2009) per distribuire tre croci ogni 30 giorni realizzate da un falegname di Bassano del Grappa e inviate da tale suor Maria della Croce (risultata inesistente), più altro denaro per le spese della comunità fino a 60mila euro in un’unica soluzione (sempre pagati in contanti) fino al febbraio 2011. Questo, le dicevano, avrebbe fatto guarire il padre (poi deceduto a ottobre 2008) o comunque gli avrebbe assicurato il Paradiso.

Nella sua lunga testimonianza dinanzi al Tribunale monocratico di Bari, rispondendo alle domande del pm Larissa Catella e poi dei difensori degli imputati, Isabella De Bellis ha raccontato delle catechesi con «Paolo il mistico», delle visioni, dei messaggi inviatigli dalla Madonna e del sangue che gli colava dalla fronte, di essere stata convinta persino a lasciare il suo compagno e a sposare un uomo della comunità religiosa dal quale poi ha avuto un figlio.

«Era l’arcangelo Eris a dare a Paolo i messaggi per me» ha raccontato la donna, riferendo delle continue richieste di denaro per quello che chiamavano «il progetto dei doni» (la distribuzione delle croci nel mondo). Nel suo racconto la donna ha riferito anche che suo fratello, insospettito, si recò dall’allora vescovo di Brindisi, monsignor Rocco Talucci, il quale «gli assicurò che le esperienze mistiche di Paolo erano autentiche, addirittura portate all’attenzione del Vaticano».
Ma dopo essersi indebitata con amici e familiari e aver chiesto anche un mutuo in banca per finanziare la comunità, Isabella ha finalmente sospettato del raggiro nell’aprile 2012, si è allontanata dal marito (ha poi ottenuto anche l'annullamento del matrimonio) e dal sedicente mistico e ha denunciato la vicenda. «In un lampo - ha detto in udienza - presi coscienza che il progetto delle croci non esisteva e che ero stata vittima di una truffa». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400