Martedì 25 Settembre 2018 | 13:10

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

A Trani

Lampade votive, il Comune
a Confraternite: ridate i soldi

A sei anni di distanza di una sentenza del Tar favorevole all'amministrazione si apre un nuovo caso. Ma gli interessati contestano la richiesta (avallata dai giudici)

Lampade votive, Comune diffidale Conraternite: restituite i soldi

NICO AURORA

TRANI - Il Comune diffida e mette in mora quindici confraternite, ma queste rispondono di non avere operato alcuna indebita percezione di somme. E così, dopo sei anni da una sentenza del Tar favorevole al Comune e sfavorevole alle confraternite, resta aperta la vicenda delle lampade votive nelle cappelle del cimitero di Trani.

SENTENZA IGNORATA - Tutto nasce da una nota che l’Ufficio legale del Comune ha trasmesso a tutte le confraternite richiamando loro la circostanza per cui, il 25 febbraio 2012, la Terza sezione del Tar Puglia depositava la sentenza con la quale veniva rigettato il ricorso, da loro proposto, per l’annullamento della delibera di consiglio comunale del 2005 avente per oggetto l’approvazione del Regolamento del servizio di illuminazione votiva.
La sentenza, passata in giudicato, «ha confermato la titolarità del comune a introitare le somme relative al servizio - si legge testualmente nella missiva firmata dal dirigente del Settore contenzioso, Carlo Casalino, e dal responsabile dell’Ufficio legale, Michele Capurso -. La circostanza per cui le confraternite hanno continuato ad introitare senza titolo le suddette somme costituisce una indebita percezione pecuniaria in danno del Comune».

MESSA IN MORA - Pertanto, attraverso la lettera inviata a tutte le confraternite, valevole anche per l’interruzione del termine di prescrizione, il Comune di Trani le informa del fatto che «questa amministrazione diffida e mette in mora formalmente ciascuna confraternita a provvedere alla restituzione, in favore dell’ente, di tutte le somme indebitamente percepite, per il servizio di gestione delle lampade votive, a decorrere dall’entrata in vigore del regolamento comunale». L’Ufficio legale richiedeva a confraternite, entro cinque giorni dalla ricezione della nota, un contatto per concordare termini e modalità di restituzione delle somme.
La risposta è arrivata, puntuale, a firma del responsabile del Servizio per i problemi giuridici dell’Arcidiocesi di Trani-Barletta-Bisceglie, l’avvocato Nicola Ulisse: «Le arciconfraternite e confraternite sono associazioni pubbliche di fedeli soggette all’autorità ecclesiastica diocesana - scrive il legale -, regolata nelle sue attività dallo Statuto delle confraternite di questa Arcidiocesi e dalle norme del Codice di diritto canonico, riconosciute dall’ordinamento giuridico italiano». Secondo quanto precisa il consulente legale della diocesi, le confraternite «svolgono esclusivamente iniziative di carattere spirituale ed attività finalizzate a incrementare il culto religioso, il tutto senza conseguire alcuno scopo di lucro come espressamente ed esplicitamente confermato nei singoli statuti».

«SOLO CONTRIBUTI» - «In considerazione di ciò - prosegue Ulisse -, il servizio di illuminazione votiva, presso le cappelle cimiteriali in concessione ai vari sodalizi, non può prevedere e non prevede il pagamento di un corrispettivo, bensì il mero rimborso di un contributo che copre esclusivamente i vari costi di gestione e manutenzione, nonché le spese relative all’erogazione di energia elettrica sostenute nel corso dell’anno, di cui peraltro ciascuna confraternita è titolare di contratto per la relativa fornitura». In altre parole, «le arciconfraternite e confraternite non hanno operato alcuna indebita percezione di somme relative all’illuminazione votiva - conclude Ulisse - e non possono fornire alcun seguito alle pretese del Comune».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Mare giallo a Barletta: spettro inquinamento

Mare giallo a Barletta: spettro inquinamento

 
Cattedrale Trani

Trani, fuori dalla Cattedrale regnano degrado e sporcizia

 
Canosa, ampliamento statale 93 è polemica sullo stallo

Canosa, ampliamento statale 93: è polemica tra Morra e Ventola

 
Andria, degrado in via Togliatti per l'impianto ridotto a rudere

Andria, degrado in via Togliatti per impianto ridotto a rudere

 
Barletta, processo inquinamentodella cementeria: tutti assolti

Barletta, processo inquinamento
della cementeria: tutti assolti

 
Bonafede a Trani: «Stiamo procedendo nella continuità col mio predecessore»

Bonafede a Trani: «Stiamo procedendo nella continuità col mio predecessore»

 
Barletta, «Ancora rifiuti da bruciare, adesso basta»

Barletta, «Ancora rifiuti da bruciare, adesso basta»

 
Duplice omicidio a Barletta, madre e figlio assolti: «Non hanno commesso il fatto»

Duplice omicidio a Barletta, madre e figlio assolti: «Non hanno commesso il fatto»

 

GDM.TV

Arresti a Foggia e Bari per furti mezzi agricoli: l'operazione

Arresti a Foggia e Bari per furti mezzi agricoli: l'operazione

 
Bari, il coro dei 10mila che cantano: «Bari grande amore»

Stadio San Nicola, il coro dei 10mila canta: «Bari grande amore»

 
Bari, viale Traiano: è cominciata la demolizione del ponte

Viale Traiano a Bari: al via la demolizione del ponte

 
La Sancataldese in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

La Sancataldese (illusa) in hotel: «Oggi col Bari vittoria secca»

 
Corteo anrtisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

Corteo antisalvini a Bari, i momenti di tensione con la Polizia

 
Acquaviva, rapinatore di marketincastrato dalla ruggine dell'auto

Acquaviva, rapinatore di market incastrato dalla ruggine dell'auto

 
Razzismo, mazze e cinghie in scontri corteo: ferita eurodeputata

Razzismo, mazze e cinghie in scontri a corteo: ferita eurodeputata

 
Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale VD

 

PHOTONEWS