Domenica 21 Aprile 2019 | 10:30

NEWS DALLA SEZIONE

Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaUn 23enne
Cerignola, spacciatore ingoia dosi di coca: è in Rianimazione

Cerignola, spacciatore ingoia dosi di cocaina: finisce in Rianimazione

 
LecceInchiesta Favori & giustizia
Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 
BariVerso il voto
Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

 
TarantoA taranto
Ex Ilva, ambientalisti Taranto: «Il 24 aprile presidio per arrivo Di Maio»

Ex Ilva, ambientalisti Taranto: «Il 24 aprile presidio per arrivo Di Maio»

 
HomeLe festività pasquali
Pasqua, previsto a Matera un lungo ponte da tutto esaurito

Pasqua, previsto a Matera un lungo ponte da tutto esaurito

 
BatLotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
PotenzaElezioni del 26 maggio
Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

 

A Trani

Lampade votive, il Comune
a Confraternite: ridate i soldi

A sei anni di distanza di una sentenza del Tar favorevole all'amministrazione si apre un nuovo caso. Ma gli interessati contestano la richiesta (avallata dai giudici)

Lampade votive, Comune diffidale Conraternite: restituite i soldi

NICO AURORA

TRANI - Il Comune diffida e mette in mora quindici confraternite, ma queste rispondono di non avere operato alcuna indebita percezione di somme. E così, dopo sei anni da una sentenza del Tar favorevole al Comune e sfavorevole alle confraternite, resta aperta la vicenda delle lampade votive nelle cappelle del cimitero di Trani.

SENTENZA IGNORATA - Tutto nasce da una nota che l’Ufficio legale del Comune ha trasmesso a tutte le confraternite richiamando loro la circostanza per cui, il 25 febbraio 2012, la Terza sezione del Tar Puglia depositava la sentenza con la quale veniva rigettato il ricorso, da loro proposto, per l’annullamento della delibera di consiglio comunale del 2005 avente per oggetto l’approvazione del Regolamento del servizio di illuminazione votiva.
La sentenza, passata in giudicato, «ha confermato la titolarità del comune a introitare le somme relative al servizio - si legge testualmente nella missiva firmata dal dirigente del Settore contenzioso, Carlo Casalino, e dal responsabile dell’Ufficio legale, Michele Capurso -. La circostanza per cui le confraternite hanno continuato ad introitare senza titolo le suddette somme costituisce una indebita percezione pecuniaria in danno del Comune».

MESSA IN MORA - Pertanto, attraverso la lettera inviata a tutte le confraternite, valevole anche per l’interruzione del termine di prescrizione, il Comune di Trani le informa del fatto che «questa amministrazione diffida e mette in mora formalmente ciascuna confraternita a provvedere alla restituzione, in favore dell’ente, di tutte le somme indebitamente percepite, per il servizio di gestione delle lampade votive, a decorrere dall’entrata in vigore del regolamento comunale». L’Ufficio legale richiedeva a confraternite, entro cinque giorni dalla ricezione della nota, un contatto per concordare termini e modalità di restituzione delle somme.
La risposta è arrivata, puntuale, a firma del responsabile del Servizio per i problemi giuridici dell’Arcidiocesi di Trani-Barletta-Bisceglie, l’avvocato Nicola Ulisse: «Le arciconfraternite e confraternite sono associazioni pubbliche di fedeli soggette all’autorità ecclesiastica diocesana - scrive il legale -, regolata nelle sue attività dallo Statuto delle confraternite di questa Arcidiocesi e dalle norme del Codice di diritto canonico, riconosciute dall’ordinamento giuridico italiano». Secondo quanto precisa il consulente legale della diocesi, le confraternite «svolgono esclusivamente iniziative di carattere spirituale ed attività finalizzate a incrementare il culto religioso, il tutto senza conseguire alcuno scopo di lucro come espressamente ed esplicitamente confermato nei singoli statuti».

«SOLO CONTRIBUTI» - «In considerazione di ciò - prosegue Ulisse -, il servizio di illuminazione votiva, presso le cappelle cimiteriali in concessione ai vari sodalizi, non può prevedere e non prevede il pagamento di un corrispettivo, bensì il mero rimborso di un contributo che copre esclusivamente i vari costi di gestione e manutenzione, nonché le spese relative all’erogazione di energia elettrica sostenute nel corso dell’anno, di cui peraltro ciascuna confraternita è titolare di contratto per la relativa fornitura». In altre parole, «le arciconfraternite e confraternite non hanno operato alcuna indebita percezione di somme relative all’illuminazione votiva - conclude Ulisse - e non possono fornire alcun seguito alle pretese del Comune».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400