Venerdì 26 Aprile 2019 | 08:03

NEWS DALLA SEZIONE

L'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
Lavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
Botta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 
Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceSalento
Melpignano, Francesco Guccini inaugura Palazzo Marchesale

Melpignano, Francesco Guccini nel giardino del palazzo Marchesale tra musica e parole

 
BariIl protocollo
Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa

Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa
Bagarre tra Sisto e Decaro

 
BrindisiIl concerto
Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

 
FoggiaOperazione dei Cc
Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

 
PotenzaLa situazione
Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

 
BatL'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

prove di raddoppio

Incubo nuova discarica
in contrada Tufarelle

Avviata la procedura per ampliare l'impianto nell'agro di Minervino

Incubo nuova discarica in contrada Tufarelle

di PAOLO PINNELLI

CANOSA - La «Bleu Srl», l’azienda proprietaria della discarica di contrada Tufarelle, nonostante le ultime sentenze «contrarie» alle sue richieste, non lascia. Anzi prova addirittura a raddoppiare.

All’indomani della sentenza del Consiglio di Stato che aveva bocciato, in via definitiva, la richiesta di ampliamento dell’impianto di rifiuti speciali di contrada Tufarelle, l’azienda di Francesco Maio e co. ha avviato una nuova «Procedura di Autorizzazione Integrata Ambientale» (Aia). La notizia, della quale si vociferava da tempo, è apparsa la scorsa settimana sul bollettino ufficiale della Regione.

Mancano ancora, sul sito della Regione, gli atti allegati ma alla prima lettura della richiesta non possono sfuggire particolari inquietanti che riaprono il capitolo della «megadiscarica» già bocciata, come detto, a luglio 2016 dal Consiglio di Stato.

La attuale richiesta infatti riguarda una serie di dodici particelle che, individuate sulla mappa catastale, disegnano l’intera zona adiacente l’attuale discarica, esclusa la famosa particella «12», in agro canosino, che interromperebbe la contiguità dell’impianto. Ma tant’è.

La «Bleu srl» non si è scoraggiata ed ha chiesto di realizzare la discarica “solo” nella parte dell’agro di Minervino. Nel bollettino si legge, infatti che la società Bleu ha avviato la «Procedura di Autorizzazione Integrata Ambientale» (Aia). Poi spiega: «La procedura è relativa ad un’istanza di ampliamento dell’attività di discarica gestita in forza di Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata dalla Regione Puglia». L’istanza è stata presentata il 10 ottobre scorso ed il progetto è indicato come «Piattaforma Integrata per il deposito controllato di rifiuti non pericolosi - Ampliamento della discarica per rifiuti non pericolosi della Bleu Srl in Canosa di Puglia».

Poi la localizzazione: «Il progetto è localizzato nella Provincia di Barletta Andria Trani, nel Comune di Minervino Murge in Località Tufarelle foglio di mappa n. 14, particelle 500, 501 (parte), 502, 254 (parte), 255, 256, 257, 258, 175, 185, 194 (parte), 516 (parte)»: cioè dodici particelle che, mappa alla mano, corrispondono né più né meno, a tutta la zona adiacente (e confinante) alla attuale discarica, ma nel territorio minervinese. E la particella «12», in agro di Canosa, che aveva impedito l’allargamento bocciato in via definitiva dal Consiglio di Stato?

Non è più «il problema»: viene saltata a piè pari, anche se fisicamente rappresenta una parte dell’intera cavità (infatti non è un terreno ma una parte della cava). Un «buco» insomma che la «Bleu srl» ha pensato di ignorare chiedendo l’impianto al di là del confine canosino.

Il termine di sessanta giorni dalla pubblicazione decorre dal 13 ottobre, e «chiunque abbia interesse può prendere visione della documentazione presentata e presentare proprie osservazioni presso i competenti uffici dell’autorità competente Regione Puglia».

L’«avvio della procedura» coinvolge tutti gli enti, ma soprattutto i comuni di Canosa e di Minervino. Anzi, in primis Minervino Murge, le cui amministrazioni, tempo fa, si erano espresse in modo negativo a nuove discariche nel proprio territorio.

Ma questa linea (se pur la zona è più vicina a Canosa che alla cittadina murgiana) resterà ferma anche con la nuova amministrazione, per salvaguardare il territorio dal nuovo ennesimo assalto del «business dei rifiuti»?

paolo.pinnelli@gazzettamezzogiorno.it 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400