Sabato 25 Maggio 2019 | 05:19

NEWS DALLA SEZIONE

Nella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 
La sentenza
Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

 
La decisione
Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

 
La sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
La bomba
Barletta, paura per ordigno bellico in mare

Barletta, paura per ordigno bellico in mare

 
Dopo la scossa
Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

 
Sanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 
Sanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
L'indagine
Arresto Giancaspro, legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

Bancarotta, l'ex patron del Bari Giancaspro interrogato per 6 ore
Legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

 
I danni
Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Speciale Elezioni 2019Verso il voto
Comunali, Decaro: «La nostra è una storia straordinaria: Bari è più moderna e europea»

Comunali, Decaro: «La nostra è una storia straordinaria: Bari è più moderna e europea»

 
PotenzaAuto e motori
Melgi, record in Fca: è stata prodotta la 500millesima Fiat 500 X

Melfi, record in Fca: è stata prodotta la 500millesima Fiat 500 X

 
TarantoA Grottaglie
Non si ferma all'alt e investe un poliziotto: arrestato 46enne

Non si ferma all'alt e investe un poliziotto: arrestato 46enne

 
LecceL'episodio domenica scorsa
Lecce, assalto a gazebo Lega: denunciati 5 uomini e 2 donne di area anarchica

Lecce, assalto a gazebo Lega: denunciati 5 uomini e 2 donne di area anarchica

 
BatNella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 
BrindisiLa segnalazione
Brindisi: cous-cous a mensa, i genitori protestano

Brindisi: cous-cous a mensa, i genitori protestano

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 

i più letti

I controlli nelle zone calde

Barletta, 22 prostitute romene
espulse dalle Polizia

Controlli in via Callano, lungo la ss16 nei pressi del bivio Canne della Battaglia e via Canosa, ed hanno sorpreso le lucciole mentre attendevano i clienti sul margine della strada

Barletta, 22 prostitute romeneespulse dalle Polizia

Ventidue prostitute romene, di età compresa fra i 18 e i 34 anni, sono state identificate ed espulse nell'ambito di controlli mirati della Polizia a Barletta. Gli agenti del Commissariato, in collaborazione con personale dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Bari, dopo quanto emerso nel corso della riunione del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica un mese fa, circa il degrado in alcune zone della città a causa del fenomeno della prostituzione, hanno effettuato numerosi e costanti controlli in via Callano, lungo la ss16 nei pressi del bivio Canne della Battaglia e via Canosa, ed hanno sorpreso le giovani cittadine rumene mentre attendevano i propri clienti sul margine della strada.

Le ragazze sono state quindi condotte presso gli Uffici di Polizia e sottoposte a foto segnalamento; in considerazione del fatto che, trascorsi 90 giorni dall’arrivo in Italia, non avevano provveduto ad iscriversi all’anagrafe comunale del luogo di residenza, non avevano dimostrato di essere in possesso di mezzi di sostentamento e di svolgere un’attività lavorativa subordinata o autonoma, e non avevano documentato di possedere risorse economiche sufficienti per il proprio sostentamento, quello dei familiari e per garantire una assicurazione sanitaria, dovranno lasciare il territorio nazionale entro 30 giorni dalla data della notifica del provvedimento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400