Venerdì 25 Giugno 2021 | 02:23

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
«Offro la mia musica per aiutare chi soffre»: al TedxBarletta Pietro Morello, pianista e influencer

«Offro la mia musica per aiutare chi soffre»: al TedxBarletta Pietro Morello, pianista e influencer

 
Bat
Bisceglie, spaccia cocaina, eroina e hashish nascoste nei palloncini: arrestato

Bisceglie, spaccia cocaina, eroina e hashish nascoste nei palloncini: arrestato

 
Nella Bat
Margherita di Savoia, trovata pistola in uno stabile abbandonato, forse usata per un omicidio

Margherita di Savoia, trovata pistola in uno stabile abbandonato, forse usata per un omicidio

 
Clima torrido
Puglia bollente, a Loconia è record: 43,7 gradi. Foggia città più calda d’Italia con 41,3 gradi

Puglia bollente, a Loconia è record: 43,7 gradi. Foggia città più calda d’Italia con 41,3 gradi

 
Il caso
Giustizia svenduta: libero dopo due anni e mezzo l'ex gip tranese Nardi

Giustizia svenduta: libero dopo due anni e mezzo l'ex gip tranese Nardi

 
il caso nella Bat
Andria, sicurezza, agricoltori nel mirino

Andria, sicurezza, agricoltori nel mirino

 
La curiosità
Barletta, concerto all'alba sul bastione del Castello

Barletta, concerto all'alba sul bastione del Castello

 
la curiosità
Barletta,  le campane suonano l'inno d'Italia per gli azzurri in campo

Barletta, le campane suonano l'inno d'Italia per gli azzurri in campo

 
Covid
Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi i

Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi - Stabile al 3% occupazione terapie intensive

 
Il fatto
Barletta, polemiche sull’interruzione dei lavori allo Stadio Puttilli

Barletta, polemiche sull’interruzione dei lavori allo Stadio Puttilli

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari e il mercato: Polito studia una serie di mosse

Bari e il mercato: Polito studia una serie di mosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceL'allarme
Lecce, due vigili del fuoco ricoverati dopo gli incendi nel Magliese

Lecce, due vigili del fuoco ricoverati dopo gli incendi nel Magliese

 
PotenzaCalcio
Caiata cede 15% quote ad associazione Potenza 1919

Caiata cede 15% quote ad associazione Potenza 1919

 
Barigli effetti del caldo
Treni, Fal: nessun pericolo nel Barese

Treni, Fal: nessun pericolo nel Barese

 
PotenzaCovid
Basilicata, vuote le terapie intensive

Basilicata, vuote le terapie intensive

 
Tarantosanità
Taranto, asportato tumore al rene con crioablazione

Taranto, asportato tumore al rene con crioablazione

 
BrindisiIl caso
Brindisi, liberi giudice Galiano, ex moglie e consulente

Brindisi, liberi giudice Galiano, ex moglie e consulente

 
FoggiaLa tragedia a gennaio
Foggia, giovane vittima di bulli fu trovato morto sui binari: 6 indagati

Foggia, giovane vittima di bulli fu trovato morto sui binari: 6 indagati

 
BatL'intervista
«Offro la mia musica per aiutare chi soffre»: al TedxBarletta Pietro Morello, pianista e influencer

«Offro la mia musica per aiutare chi soffre»: al TedxBarletta Pietro Morello, pianista e influencer

 

i più letti

Il caso

Barletta, per il pasticcio delle liste la Provincia Bat pagherà 25mila euro

Amministrative 2018 atto di precetto anche nei confronti dei sei consiglieri eletti nella lista Insieme per la Bat

 Barletta, per il pasticcio delle liste la Provincia Bat pagherà 25mila euro

Andria - Alla fine (per ora e per chissà quanto tempo), paga Pantalone, cioè le casse pubbliche, per il «pasticciaccio brutto» della lista «Insieme per la Bat», ammessa illegittimamente alle elezioni provinciale di Barletta, Andria, Trani nell’ottobre 2018. «Pecunia doloris» complessiva: 25mila euro.

Con già avvenuto riconoscimento della somma come debito fuori bilancio da parte del consiglio provinciale, in attesa di rivalsa della Provincia medesima nei confronti dei consiglieri la cui candidatura e quindi successiva elezione è stata annullata dalla Corte d’Appello di Bari e contro la quale sentenza la Provincia ha presentato ricorso (tuttora pendente) in Cassazione. Ma procediamo con ordine.

La domanda nei giorni scorsi l’ha posta il consigliere provinciale Michele Lamacchia (Pd), già sindaco di San Ferdinando: «Ma come fanno ad essere ancora convocati i consiglieri eletti nella lista Insieme per la Bat, se vanno considerati decaduti?». Lo ha chiesto al presidente della provincia, Bernardo Lodispoto, e al segretario generale Floriana Gallucci. E ha inviato tutto, per conoscenza, al ministero dell’Interno e al prefetto della Bat, Maurizio Valiante.

Sottolinea Lamacchia: «Con nota del 28 maggio scorso, inviata per pec, il presidente della Provincia ha convocato il Consiglio provinciale per martedì 1° giugno, invitando, quali già consiglieri provinciali, i signori Dipaola Giuseppe Arcangelo, Antonucci Luigi Rosario, Pedone Pierpaolo, Bevilacqua Massimiliano, De Toma Pasquale, eletti nella lista “Insieme per la Bat” nelle elezioni dell’ottobre 2018».

Cosa eccepisce il rappresentante pd? «La Corte di Appello di Bari con sentenza pubblicata il 16 ottobre 2020 ha dichiarato la falsità materiale della lista dei candidati “Insieme per la Bat”, composta dai modelli depositati l’11 ottobre 2018 presso l’ufficio elettorale della Provincia e ha condannato gli appellati, in solido fra loro ed in favore dell’appellante (Giuseppe Bufo, candidato non eletto di Fronte democratico, ndr), alla refusione delle spese processuali del doppio grado di giudizio».

Di più. La Provincia ha proposto ricorso in Cassazione (tuttora pendente), ma nel frattempo le «parti soccombenti» (Provincia e candidati eletti in Insieme per la Bat) hanno ricevuto un atto di precetto da parte del ricorrente avv. Giuseppe Bufo. E così, ricostruisce ancora Lamacchia, «il consiglio provinciale lo scorso 27 maggio ha provveduto a deliberare il pagamento per intero delle spese processuali, comprese quelle dovute dai consiglieri eletti in Insieme per la Bat (Albore Cosimo Damiano, Antonucci Luigi Rosario, Bevilacqua Massimiliano, De Toma Pasquale, Lorusso Gennaro Savino, Pedone Pierpaolo) condannati in solido, con riserva di agire in rivalsa nei confronti di ciascuno, dando esecuzione alla sentenza».

«È di tutta evidenza - conclude Lamacchia - che i consiglieri ancora in carica eletti nella lista “Insieme per la Bat” (Dipaola Giuseppe Arcangelo, Antonucci Luigi Rosario, Pedone Pierpaolo, Bevilacqua Massimiliano, De Toma Pasquale) sono decaduti dalla carica in quanto la loro lista, gravata di falsità materiale, non doveva essere ammessa alle elezioni».
E la seduta del 1° giugno? Non s’è più celebrata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie