Martedì 02 Marzo 2021 | 03:28

NEWS DALLA SEZIONE

Nella Bat
Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

 
degrado
Trani, l’area del vecchio mattatoio trasformata in discarica a cielo aperto

Trani, l’area del vecchio mattatoio trasformata in discarica a cielo aperto

 
L'emergenza
Andria, vigile scrive alla sindaca: «Non ce la faccio più contro gli assembramenti»

Andria, vigile scrive alla sindaca: «Non ce la faccio più contro gli assembramenti»

 
L'episodio
Trani, a fuoco portone del sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

Trani, a fuoco portone sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

 
Nella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 
Il caso
Barletta, marito cancella l'identità della moglie per 20 anni: condannato

Barletta, marito cancella l'identità della moglie per 20 anni: condannato

 
la polemica
Bisceglie, lavori in corso sulla costa: «Sembra la muraglia biscegliese»

Bisceglie, lavori in corso sulla costa: «Sembra la muraglia biscegliese»

 
Nella Bat
Canosa, rapina a portavalori vicino alla posta: ferita guardia giurata

Canosa, rapina a portavalori vicino alla posta: ferite una guardia giurata

 
La sentenza d'appello
Barletta, Di Leo ucciso dopo lite per leadership sui frutti di mare: confermato ergastolo per sicario

Barletta, Di Leo ucciso dopo lite per leadership sui frutti di mare: confermato ergastolo per sicario

 
La fiction
Lolita Lobosco, parla Bianca Nappi: «Accanto alla Ranieri ho ritrovato Trani»

Lolita Lobosco, parla Bianca Nappi: «Accanto alla Ranieri ho ritrovato Trani»

 

Il Biancorosso

Serie C
Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

Nel derby di Puglia, il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiaa Lucera
Bracciante africano si suicida nel Foggiano: «Bisogna ascoltare il disagio»

Bracciante africano si suicida nel Foggiano: «Bisogna ascoltare il disagio»

 
BariLa richiesta
Vaccini anti Covid, l'appello dell'associazione disabili di Bari: «Inserirli tra priorità»

Vaccini anti Covid, l'appello dell'associazione disabili di Bari: «Inserirli tra priorità»

 
LecceLa decisione
Lecce, scomparsa 21 anni fa: il caso Martucci approda alla Camera

Lecce, scomparsa 21 anni fa: il caso Martucci approda alla Camera

 
TarantoLa novità
Msc farà rotta su Taranto: da maggio al via alle crociere

Msc farà rotta su Taranto: da maggio al via alle crociere

 
BrindisiIl caso
Brindisi, il sindaco Rossi azzera la giunta: verso nuove nomine

Brindisi, il sindaco Rossi azzera la giunta: verso nuove nomine

 
Potenzal'appello
Potenza, campagna vaccini: «Emodializzati non possono attendere tempi della politica»

Potenza, campagna vaccini: «Emodializzati non possono attendere tempi della politica»

 
MateraIl video
Matera, campagna vaccinale per 200 persone tra forze dell'ordine e personale scolastico

Matera, campagna vaccinale per 200 persone tra forze dell'ordine e personale scolastico

 
BatNella Bat
Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

 

i più letti

L'inchiesta

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

L’ex segretario generale del Comune, Carlo Casalino, ha reso dichiarazioni spontanee nel corso dell’udienza preliminare

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

TRANI - Ha reso dichiarazioni spontanee nel corso dell’udienza preliminare, per dichiarare la propria estraneità ai fatti contestati. Si tratta dell’ex segretario generale del Comune di Trani, Carlo Casalino, imputato altri nel procedimento «Chiavi della città», che ipotizza intrecci penalmente rilevanti fra calcio e politica per farti risalenti ad un periodo compreso fra 2017 e 2018.

IL SEGRETARIO - Uno dei capi di imputazione, vede al centro una delibera della giunta, per l’affidamento in concessione dello stadio comunale, «della quale sono stato semplicemente il segretario verbalizzante - ha chiarito Il funzionario in aula - senza entrare minimamente nel merito dei contenuti di quel provvedimento ». Il suo legale ha ovviamente chiesto il proscioglimento dell’assistito, così come i difensori di tutti gli altri imputati, a partire da quello sottoposto più degli altri alle misure cautelari all’esito dell’in - dagine, vale a dire l’ex presidente del Bari calcio, Cosmo Giancaspro. LE MEMORIE -Sempre sul caso stadio il difensore del sindaco Amedeo Bottaro, Mario Malcangi, ha richiamato le quattro memorie difensive depositate fino alla richiesta di rinvio a giudizio per tutti gli imputati, fondando il suo intervento soprattutto sull’equi - voco interpretativo nato, a suo dire, «dall’avere confuso un semplice e congruo rimborso spese rilasciato dal Comune in favore della società Vigor Trani e quella che invece la pubblica accusa inquadra come una munifica elargizione in cambio di servizi mai effettuati e che, invece, ci sono sempre stati».

LA NUOVA UDIENZA - Alla luce di questo scenario il giudice per l’udienza preliminare, Ivan Barlafante, ha aggiornato l’udienza al prossimo 12 febbraio per la replica del pubblico ministero, senza andare direttamente in camera di consiglio. La richiesta di rinvio a giudizio è nei confronti del già citato Giancaspro, dell’ex presidente del Trani, Michele Amato, dei dirigenti calcistici Michele Bellomo e Alberto Altieri, dell’imprenditore Emanuele Mosconi, del sindaco Bottaro, dell’ex consigliere comunale Diego Di Tondo, dei dirigenti e funzionari comunali Casalino, Leonardo Cuocci Martorano e Pasquale Ferrante. Titolare del fascicolo è il sostituto procuratore della Repubblica titolare presso il Tribunale di Trani, Francesco Aiello, subentrato alla collega Silvia Curione, trasferitasi a Bari.

L’INCHIESTA - L’inchiesta «Chiavi della città» avrebbe fatto emergere «l’esistenza di un comitato di affari illeciti, gestito da Giancaspro - è stato sottolineato all’epoca dell’ap - plicazione delle misure cautelari a carico di alcuni degli odierni imputati - finalizzato all’ottenimento di appalti pubblici a Trani, in cambio di una strumentale e occulta sponsorizzazione della locale squadra di calcio, realizzata con liquidità provenienti da distrazioni ai danni di altre società riconducibili al gruppo societario del medesimo Giancaspro, tra cui il Bari calcio ». Secondo la prospettazione accusatoria, Bottaro avrebbe dovuto favorire il gruppo Giancaspro in alcuni appalti che il Comune, però, non ha mai bandito. E poi quella delibera di giunta, dell’ottobre 2017 per l’affidamento in concessione dello stadio comunale proprio alla Vigor Trani, fino al giugno 2018. Le ipotesi, a vario titolo, sono associazione per delinquere, riciclaggio, autoriciclaggio, bancarotta, peculato falso e abuso di ufficio. A conferma di quanto anticipato ieri, il Comune di Trani non si è costituito parte civile per assenza dei presupposti giuridici dell’iter avviato dal vice sindaco, Fabrizio Ferrante: in particolare, per il rapporto fiduciario che intercorre tra sindaco e vice sindaco e per l’inesisten - za dei poteri in seno a quest’ultimo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie