Martedì 02 Marzo 2021 | 02:42

NEWS DALLA SEZIONE

Nella Bat
Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

 
degrado
Trani, l’area del vecchio mattatoio trasformata in discarica a cielo aperto

Trani, l’area del vecchio mattatoio trasformata in discarica a cielo aperto

 
L'emergenza
Andria, vigile scrive alla sindaca: «Non ce la faccio più contro gli assembramenti»

Andria, vigile scrive alla sindaca: «Non ce la faccio più contro gli assembramenti»

 
L'episodio
Trani, a fuoco portone del sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

Trani, a fuoco portone sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

 
Nella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 
Il caso
Barletta, marito cancella l'identità della moglie per 20 anni: condannato

Barletta, marito cancella l'identità della moglie per 20 anni: condannato

 
la polemica
Bisceglie, lavori in corso sulla costa: «Sembra la muraglia biscegliese»

Bisceglie, lavori in corso sulla costa: «Sembra la muraglia biscegliese»

 
Nella Bat
Canosa, rapina a portavalori vicino alla posta: ferita guardia giurata

Canosa, rapina a portavalori vicino alla posta: ferite una guardia giurata

 
La sentenza d'appello
Barletta, Di Leo ucciso dopo lite per leadership sui frutti di mare: confermato ergastolo per sicario

Barletta, Di Leo ucciso dopo lite per leadership sui frutti di mare: confermato ergastolo per sicario

 
La fiction
Lolita Lobosco, parla Bianca Nappi: «Accanto alla Ranieri ho ritrovato Trani»

Lolita Lobosco, parla Bianca Nappi: «Accanto alla Ranieri ho ritrovato Trani»

 

Il Biancorosso

Serie C
Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

Nel derby di Puglia, il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiaa Lucera
Bracciante africano si suicida nel Foggiano: «Bisogna ascoltare il disagio»

Bracciante africano si suicida nel Foggiano: «Bisogna ascoltare il disagio»

 
BariLa richiesta
Vaccini anti Covid, l'appello dell'associazione disabili di Bari: «Inserirli tra priorità»

Vaccini anti Covid, l'appello dell'associazione disabili di Bari: «Inserirli tra priorità»

 
LecceLa decisione
Lecce, scomparsa 21 anni fa: il caso Martucci approda alla Camera

Lecce, scomparsa 21 anni fa: il caso Martucci approda alla Camera

 
TarantoLa novità
Msc farà rotta su Taranto: da maggio al via alle crociere

Msc farà rotta su Taranto: da maggio al via alle crociere

 
BrindisiIl caso
Brindisi, il sindaco Rossi azzera la giunta: verso nuove nomine

Brindisi, il sindaco Rossi azzera la giunta: verso nuove nomine

 
Potenzal'appello
Potenza, campagna vaccini: «Emodializzati non possono attendere tempi della politica»

Potenza, campagna vaccini: «Emodializzati non possono attendere tempi della politica»

 
MateraIl video
Matera, campagna vaccinale per 200 persone tra forze dell'ordine e personale scolastico

Matera, campagna vaccinale per 200 persone tra forze dell'ordine e personale scolastico

 
BatNella Bat
Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

 

i più letti

La disgrazia

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni una transessuale vittima di insulti

La sindaca Bruno: «Ha subìto troppe discriminazioni durante la sua vita, nessuno le voleva fare un contratto d’affitto»

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

ANDRIA - Non si sa se per percosse o se per una brutta caduta, ma la difficile esistenza di Gianna si è conclusa in solitudine, così come era stata la sua vita. Gianna era un’esistenza fragile. Giovanni all’anagrafe, era per tutti Gianna per via della sua indole di donna. Ma lei voleva farsi chiamare Mery. E come nell’omonimo film, la sua era una storia amara. Era nota in città, spesso destinatario di dileggio, offese, atti violenti e pregiudizio: viveva di piccoli espedienti, si prostituiva per racimolare degli spiccioli.

Una vita difficile Aveva 49 anni ed era sola. Nessuno intorno a lei, né della sua famiglia di origine, né affetti acquisiti. Dimorava in una casa diroccata del centro storico. Ed è lì che è stata trovata domenica in condizioni disperate. L’ambulanza l’ha trasportata al Pronto Soccorso, ma non c’è stato nulla da fare. Finisce così la sua parentesi di vita di-sperata, vissuta ai margini di una comunità distratta e disinteressata. Da anni frequentava casa accoglienza “Santa Maria Goretti” della diocesi: «Nell’ordinario e nel silenzio abbiamo condiviso tanti momenti soprattutto di sofferenza, dolore e affanno – ricorda don Geremia Acri, responsabile della struttura che aiutava Gianna - Insieme abbiamo camminato per capire quale fosse la via giusta da intraprendere e vincere i pregiudizi, i luoghi comuni e l’esclusione. Insieme abbiamo cercato di capire perché la vita a volte si mostra così cruda, ingiusta e sbagliata. Insieme abbiamo fatto tanto davvero tanto, ma questo non ci assolve dall’indifferenza che ogni giorno acceca i nostri occhi, i nostri cuori e le nostre menti. Abbiamo cercato in tutti i modi di trovarti una casa più accogliente, più dignitosa, ma nessuno voleva sottoscrivere un contratto con te. Ed è finita così, nella solitudine di quella che tu chiamavi casa».

Le fragilità di una città «La nostra città ha tante e diverse fragilità – è il commenta della sindaca Giovanna Bruno - con storie che vengono anche da lontano. Storie molto diverse tra loro ma spesso con un denominatore comune: sofferenza, solitudine, tristezza, precarietà sociale o fisica. La città di fronte a ciò a volte si indigna, a volte respinge. In alcuni casi è solidale, in altri si fa giudice. Storie di vita, su cui in tanti si arrogano il diritto di intervenire per sentenziare, per creare tifoserie o per strumentalizzare. Apprendo con tristezza che una di queste fragilità cittadine non c’è più: Gianna. Apprendo dai suoi vicini, che in silenzio tante volte l’hanno aiutata, che una brutta caduta le ha stroncato l’esistenza. Con la sua dipartita cade il muro di pregiudizi nei suoi confronti, cade la cultura dello scarto. Ma che ce ne facciamo ora che non c’è più? Quante altre Gianna la nostra comunità conosce, di cui deve farsi carico a partire dalle istituzioni? Gianna mi ha fermato qualche giorno dopo il mio insediamento. Cercava un alloggio ma mi ha raccontato che nessuno voleva farle il contratto. Aveva un sostegno economico dai servizi sociali ma il suo cruccio era la casa. Questo ho saputo di lei, dal suo racconto. Mi sarebbe venuta a trovare. Voleva parlare, essere ascoltata. Ora non serve più».

La caduta fatale Un pensiero giunge anche dall’ex parlamentare Vladimir Luxuria che l’aveva incontrata durante la campagna elettorale a sindaco di Andria di Laura Di Pilato nell’estate scorsa: «Gianna, ti ho conosciuta ad Andria grazie a Laura Di Pilato. I tuoi occhi erano di rimmel impastato di lacrime, solo perché eri transessuale ti hanno insultata e scartata, ti hanno fatta cadere tante volte e ti sei rialzata, ma adesso per una caduta fatale non ce l’hai fatta». E la stessa Laura Di Pilato lancia un messaggio pieno di sdegno verso l’accaduto: «Mi vergogno per questa società falsa ed ipocrita. Sono sdegnata. Gianna ha chiesto sempre aiuto, ma come sempre ci ricordiamo della gente che soffre ed ha bisogno d’aiuto solo quando muore. Gianna è stata vittima di video e foto dove l’unico scopo era quello di deriderla. Venne un pomeriggio nel mio studio e mi disse di voler partecipare all’incontro con Luxuria. Mi disse anche che aveva voglia di intervenire, io non esitai un secondo e le diedi la mia disponibilità. Ma fummo tutti derisi: io Gianna e Luxuria. Addirittura crearono dei santini elettorali col viso di Gianna ed il simbolo della mia lista ed il mio fu sdegno autentico. Ora tutti si dispiacciono. Bene, vi dico che ad Andria di Gianna c’è ne sono tantissime, quindi datevi da fare se veramente volete aiutare». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie