Martedì 10 Dicembre 2019 | 05:38

NEWS DALLA SEZIONE

nordbarese
Facevano motocross nel Parco dell'Alta Murgia: fuggono alla vista dei cc

Facevano motocross nel Parco dell'Alta Murgia: fuggono alla vista dei cc

 
Nuoto
La biscegliese Elena Di Liddo è argento europeo nei 100 farfalla

La biscegliese Elena Di Liddo è argento europeo nei 100 farfalla

 
Il caso
A Barletta la ruota panoramica c'è ma... non gira

A Barletta la ruota panoramica c'è ma... non gira

 
Il posto fisso
Barletta, diventerà netturbino con 110 e lode in ingegneria edile: la storia

Barletta, diventerà netturbino con 110 e lode in ingegneria edile: la storia

 
In zona Zagaria
Andria, scattano i sigilli a discarica abusiva di 23 mila metri quadri

Andria, scattano i sigilli a discarica abusiva di 23 mila metri quadri

 
Giustizia svenduta
«Sistema Trani», la Cassazione annulla custodia ex pm Nardi

«Sistema Trani», la Cassazione annulla custodia ex gip Nardi

 
Il grido d'aiuto
Bat, olivicoltori preoccupati per criminalità e prezzi: «Esercito nelle campagne»

Barletta, olivicoltori preoccupati per criminalità e prezzi: «Esercito nelle campagne»

 
Blitz dei Carabinieri
carabinieri andria

Andria, 2 chili di droga del clan in casa: arrestata intera famiglia

 
Il caso
Vigilessa arrestata mentre è in vacanza in Puglia: trovata con 50 grammi di eroina

Vigilessa arrestata mentre è in vacanza in Puglia: trovata con 50 grammi di eroina

 
I fondi
Barletta, il Coni pubblica bando da 2 mln per i lavori dello stadio

Barletta, il Coni pubblica bando da 2 mln per i lavori dello stadio

 
Giustizia svenduta
«Sistema Trani», in aula spuntano le registrazioni degli interrogatori

«Sistema Trani», in aula spuntano le registrazioni degli interrogatori

 

Il Biancorosso

Al San Nicola
Il Bari aggancia il Potenza: la partita giocata in casa finisce 2-1

Il Bari aggancia il Potenza: il match finisce 2-1. Rivedi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaSan Nicandro Garganico
Pestano due carabinieri nel Foggiano e fuggono: ricercati due uomini

Pestano due carabinieri nel Foggiano e fuggono: ricercati due uomini

 
BariLa sentenza
Lecce, condannato pm barese a 4 mesi: rivelò notizie a un prof.

Lecce, condannato pm barese a 4 mesi: rivelò notizie a un prof.

 
Tarantoè ai domiciliari
Taranto, strappa borsa a una vecchietta per strada: arrestata 28enne

Taranto, strappa borsa a un'anziana per strada: arrestata 28enne

 
PotenzaSanità
«San Carlo» Potenza, c'è la copertura finanziaria 2020 per tutto il personale

«San Carlo» Potenza, c'è la copertura finanziaria 2020 per tutto il personale

 
Leccecrolli nel salento
San Foca, mareggiata sgretola la falesia: divieto di avvicinamento

San Foca, mareggiata sgretola la falesia: divieto di avvicinamento

 
Batnordbarese
Facevano motocross nel Parco dell'Alta Murgia: fuggono alla vista dei cc

Facevano motocross nel Parco dell'Alta Murgia: fuggono alla vista dei cc

 
BrindisiPub Ciporti
Fasano, incendio a un pub: terzo attentato in pochi mesi

Fasano, incendio a un pub: terzo attentato in pochi mesi

 
MateraOperazione dei Cc
Pisticci, sorpresi in garage con 800 grammi di marijuana: in cella due 21enni

Pisticci, sorpresi in garage con 800 grammi di marijuana: in cella due 21enni

 

i più letti

La città che cambia

Nuova tangenziale di Andria tra ritardi, silenzi e dubbi

Oggi le associazione ambientaliste tengono una conferenza. Il Movimento 5 Stelle delinea la sua strategia

Nuova tangenziale di Andria tra ritardi, silenzi e dubbi

Foto Calvaresi

ANDRIA - «Nuova tangenziale di Andria-bretella sud»: per questo pomeriggio le associazioni ambientaliste e il comitato Difesa del Territorio ha promosso una conferenza stampa per capire a che punto la vicenda della cosiddetta tangenziale, dopo mesi di assordante silenzio, se qualcosa si è mosso o no e come, dopo l’atto di indirizzo votato all’unanimità dal consiglio comunale di Andria con cui si sanciva la netta contrarietà all’opera viaria.

In attesa di dettagli, sul caso il Movimento Cinque Stelle, per voce dell’onorevole Giuseppe D’Ambrosio, della consigliera regionale Grazia Di Bari e dell’esponente cittadino Michele Coratella rende nota la risposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri - dipartimento per la programmazione della politica economica, al quesito di D’Ambrosio circa l’iter da intraprendere per rimodulare l’utilizzo dei 27,5 milioni di euro fondi Cipe, stanziati per la realizzazione della “nuova tangenziale”.
La risposta del capo dipartimento l’avvocato Mario Antonio Scino non lo esclude: dell’eventuale istruttoria per la rimodulazione del progetto deve farsi carico la regione in quanto beneficiaria delle risorse. Qualora si renda necessaria la sottoposizione della progettualità al CIPE il dipartimento provvederà ad istruire la proposta che venisse formulata dal Ministro per il Sud e la coesione territoriale. Tutto questo per evitare che il finanziamento CIPE vada perso.

«Da diversi anni si attende che gli amministratori comunali deliberino in Consiglio una risposta chiara sul progetto. Un si o un no – riportano sottolineano i tre esponenti del M5S -. Ad oggi questo colpevolmente non è ancora avvenuto, mentre la Provincia ha comunque aggiudicato la gara per la realizzazione anche a seguito di pareri tecnici favorevoli, urbanistici ed ambientali sempre del comune di Andria. A seguito delle note prese di posizione di associazioni sull’opportunità di fare la variante o, in alternativa, di intervenire sul tracciato esistente ci fu un incontro, in verità tardivo, a marzo 2019 tra l’assessore regionale Giannini e l’ex sindaco di Andria Nicola Giorgino. Gli organi di informazione all’epoca riportarono, cito testualmente, che “ci sarà una fase interlocutoria tra Comune e Regione che segna fondamentalmente l’apertura di un dialogo tra i due enti per una valutazione più approfondita”, per cui in attesa di tali evoluzioni, con il consigliere regionale Grazia Di Bari e l’ex capogruppo Michele Coratella, ci eravamo messi inutilmente in paziente attesa, “sulle tracce” di tali annunciati sviluppi.

Intanto noi del MoVimento 5 Stelle abbiamo continuato a dialogare con le strutture dei ministeri e abbiamo chiesto al Capo del Dipartimento per la Programmazione ed il Coordinamento della Politica Economica presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, di indicarci formalmente la strada che dovrebbe essere intrapresa per poter eventualmente rimodulare l’utilizzo di questi 27,5 milioni di euro. Il ministero ci dice che la regione Puglia deve immediatamente avviare una richiesta di modifica del progetto affinché il ministero possa avviare tutte le procedure per la modifica del finanziamento.
Che dire, siamo riusciti ad ottenere in qualche mese quello che in tanti anni i politici locali non sono riusciti a fare».
Dalle informazioni raccolte con l’ausilio di esperti, tuttavia, risulterebbe che la Regione non potrebbe sottoporre un progetto di rimodulazione alcuno fino a che non si chiude preliminarmente il procedimento in corso: dunque, serve in ogni caso la pronuncia negativa ufficiale del comune di Andria sull’opera e solo dopo la Regione potrebbe avviare l’iter di spostamento del fondo CIPE. Dunque, la questione è di fatto nelle mani del Commissario Straordinario del comune di Andria a cui spetta di decidere con i poteri del consiglio comunale e della giunta. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie