Lunedì 21 Ottobre 2019 | 16:40

NEWS DALLA SEZIONE

il caso
Barletta, la mostra sulla luna «vietata» ai disabili

Barletta, la mostra sulla luna «vietata» ai disabili

 
Alla stazione
Trani, indagini su denuncia 12enne: «Molestata da un anziano»

Trani, indagini su denuncia 12enne: «Molestata da un anziano»

 
L'incidente
Crolla parte di una palazzina ad Andria: il video del ferimento del vvf

Crolla parte di una palazzina ad Andria: il video del ferimento del vvf

 
Il caso
Barletta, campo di gioco non omologato: chiuso lo stadio «Simeone»

Barletta, campo di gioco non omologato: chiuso lo stadio «Simeone»

 
L'inchiesta
Trani, rifiuti da cava cammuffati come inerti: indagini su laboratorio analisi a Corato

Trani, rifiuti da cava cammuffati come inerti: indagini su laboratorio analisi a Corato

 
La viabilità in centro
Barletta, nessun beneficio con la chiusura di piazza Caduti

Barletta, nessun beneficio con la chiusura di piazza Caduti

 
Danza
«Libero Corpo»: a Bisceglie Regione Puglia finanzia corso di formazione per danzatori professionisti

«Libero Corpo»: a Bisceglie Regione Puglia finanzia corso di formazione per danzatori professionisti

 
nel nordbarese
Bisceglie, spaccia cocaina sul lungomare: 28enne arrestato

Bisceglie, spaccia cocaina sul lungomare: 28enne arrestato

 
l'iniziativa
«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

 

Il Biancorosso

la partita
Il Bari fa indietro tutta: è un punto guadagnato

Il Bari fa indietro tutta: è un punto guadagnato

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl Riesame
Ginosa, truffa comunitaria: Tribunale annulla sequestro azienda imballaggi

Ginosa, truffa comunitaria: Tribunale annulla sequestro azienda imballaggi

 
Barila tragedia nel 2017
Bari, fece uccidere ex amante davanti all'Amiu: chiesto ergastolo per imprenditrice

Bari, fece uccidere ex amante davanti all'Amiu: chiesto ergastolo per imprenditrice

 
Leccenel Salento
Slot gestite da banda vicina alla Scu: GdF sequestra beni per 12mln di euro a 3 fratelli

Slot gestite da banda vicina alla Scu: GdF sequestra beni per 12mln di euro

 
Potenzale polemiche
Potenza, parcheggi all'ospedale San Carlo: scatta un'indagine

Potenza, parcheggi all'ospedale San Carlo: scatta un'indagine

 
Foggianel Foggiano
San Severo, forzano silos in cantina sociale e disperdono mosto: indaga la polizia

San Severo, forzano silos in cantina sociale e disperdono mosto: danni per 1,5 mln di euro

 
Brindisidai carabinieri
Brindisi, 37enne eritreo tenta di rapinare uomo in stazione: arrestato

Brindisi, 37enne eritreo tenta di rapinare uomo in stazione: arrestato

 
Batil caso
Barletta, la mostra sulla luna «vietata» ai disabili

Barletta, la mostra sulla luna «vietata» ai disabili

 

i più letti

L'inchiesta

Padre Renzi indagato: «Soldi da D'Agostino per presentarlo a politici pugliesi»

L'ex re degli outlet pugliese pagò per conoscere i renziani della regione

Traffico di influenze, padre Renzi indagato: soldi da imprenditore barlettano D'Agostino

I 160mila euro che l’imprenditore barlettano Gigi D’Agostino bonificò a Tiziano Renzi sulla base di due fatture ritenute false, sarebbero stati «il prezzo della mediazione illecita» del padre dell’ex premier: anche nei confronti di alcuni personaggi pugliesi. È questa, per quanto emerge dal decreto di perquisizione notificato a inizio ottobre a Renzi senior, il motivo per cui la Procura di Firenze accusa entrambi di traffico di influenze. Ovvero di corruzione tra privati.

La storia, anticipata da «La Verità», è un rivolo dell’indagine che ha già portato alla condanna dei due (e della madre di Renzi) per le fatture false. I pm toscani hanno valorizzato - sempre in base al decreto della pm Christine von Borries - una informativa della Finanza dell’8 maggio, in cui emergerebbero indizi «in ordine all'attività di mediazione illecita, operata dall’indagato (cioè Tiziano Renzi, ndr) nell’interesse di D’Agostino». Renzi - dice sempre il provvedimento - avrebbe insomma introdotto l’imprenditore di Barletta ad almeno tre persone, tutti pubblici ufficiali: «Luca Lotti, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Filippo Caracciolo, consigliere della Regione Puglia, Francesco Zaccaria, sindaco del Comune di Fasano».

L’incontro con Lotti è noto anche perché figura nelle carte dell’inchiesta di Lecce: D’Agostino portò a Roma l’ormai ex pm Antonio Savasta, che indagava a Trani su un giro di fatture false e - dice l’accusa leccese - in cambio di quell’incontro e di soldi non coinvolse D’Agostino. Anche l’incontro con Caracciolo, che peraltro D’Agostino sicuramente già conosceva, era già emerso grazie alle agende sequestrate all’imprenditore: avvenne a cena il 2 luglio 2015. Anche dell’incontro con Zaccaria c’è più di una traccia, e per vari motivi. D’Agostino voleva infatti aprire anche a Fasano un outlet del lusso, per il quale nel 2017 il Comune ha predisposto la variante urbanistica. E - in un procedimento parallelo a quello di Firenze - ci sono le intercettazioni tra Tiziano Renzi e D’Agostino due giorni dopo l’elezione di Zaccaria. Volendo intendere - è questa l’interpretazione di chi indaga - che con Zaccaria il progetto si sarebbe sbloccato. Dell’outlet esisteva il nome («Egnatia shopping mall»), erano stati individuati i terreni (un’area non lontana dalla statale 16) ed era stato ipotizzato un investimento da 20 milioni di euro. Ma ormai sembra che non se ne farà nulla.

La tesi dell’accusa è che insomma D’Agostino aveva individuato in Tiziano Renzi la chiave per entrare nel giro del Pd (all’epoca, 2015, erano quasi tutti renziani). Va detto che nessuno dei tre pubblici ufficiali citati (Caracciolo, Lotti e Zaccaria) è al momento indagato. Ma la Procura di Firenze vuole capire per quale motivo D’Agostino, imprenditore esperto, abbia pagato le due fatture da circa 160mila euro, emesse a fronte di due studi di fattibilità che per l’accusa sarebbero falsi e inesistenti. Lui si è difeso dicendo di essersi sentito in soggezione, perché anche se il lavoro di consulenza valeva meno di quanto richiesto aveva deciso di pagare comunque («Non si può dire no al padre del presidente del Consiglio», è più o meno la versione fornita al pm). Una linea che non ha convinto la Procura di Firenze, anche perché D’Agostino ha confermato che l’incontro con Lotti fu fissato «tramite Tiziano Renzi». E una delle due fatture fu pagata proprio il giorno dell’appuntamento a Palazzo Chigi. Le indagini vanno avanti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie