Lunedì 27 Gennaio 2020 | 22:05

NEWS DALLA SEZIONE

L'accusa
«Mio fratello pestato in cella»: la denuncia della sorella dell'andriese Filippo Griner

«Mio fratello pestato in cella»: la denuncia della sorella dell'andriese Filippo Griner

 
Cultura
Andria, Castel del Monte nella top 30 dei monumenti più visitati d'Italia

Andria, Castel del Monte nella top 30 dei monumenti più visitati d'Italia

 
ESERCITO
Barletta, tutti di corsa per la "Toro Ten"1.300 partecipano alla gara con le stellette

Barletta, tutti di corsa per la «Toro Ten» 1.300 partecipano alla gara con le stellette

 
La storia
Barletta, Antonella e il suo giro per il mondo a piedi e in bici: il viaggio nel sangue

Barletta, Antonella e il suo giro per il mondo a piedi e in bici: il viaggio nel sangue

 
Nel Nordbarese
Barletta, tragedia in casa: 62enne muore schiacciato da lastra di ferro

Barletta, tragedia in casa: 62enne muore schiacciato da lastra di ferro

 
Nel Nordbarese
Trinitapoli, si nasconde in un armadio per sfuggire ai cc: arrestato per droga

Trinitapoli, si nasconde in un armadio per sfuggire ai cc: arrestato per droga

 
nel nordbarese
Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

 
nel nordbarese
Andria, svastica sulla Cattedrale, vescovo: «Preoccupa l'ideologia»

Andria, svastica sulla Cattedrale, vescovo: «Preoccupa l'ideologia»

 
Bat
La vicepresidente della Provincia eletta con zero voti

La vicepresidente della Provincia eletta con zero voti

 
il caso
Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

 
l'ultimo saluto
Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Perrotta salva il Bari al Granillo: 1-1 in casa della Reggina. La diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatL'accusa
«Mio fratello pestato in cella»: la denuncia della sorella dell'andriese Filippo Griner

«Mio fratello pestato in cella»: la denuncia della sorella dell'andriese Filippo Griner

 
Potenzaregione basilicata
Potenza, manca il numero legale, sciolta riunione del consiglio regionale

Potenza, manca il numero legale, sciolta riunione del consiglio regionale

 
FoggiaL'intervento
San Severo, riprende la raccolta rifuti dopo l'incendio dei mezzi della Buttol

San Severo, riprende la raccolta rifuti dopo l'incendio dei mezzi della Buttol

 
HomeIl giallo
Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio

Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio (FOTO)

 
TarantoIl caso
Omicidio in sala giochi: 3 condanne a 30 anni a Taranto

Omicidio in sala giochi: 3 condanne a 30 anni a Taranto

 
BrindisiIl salvataggio
Brindisi, cucciolo di foca spiaggiato a Torre San Gennaro: ha bisogno di cure

Brindisi, cucciolo di foca spiaggiato a Torre San Gennaro: ha bisogno di cure

 
MateraIl caso
Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

 
LecceNel centro storico
Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

 

i più letti

L'inchiesta

Padre Renzi indagato: «Soldi da D'Agostino per presentarlo a politici pugliesi»

L'ex re degli outlet pugliese pagò per conoscere i renziani della regione

Traffico di influenze, padre Renzi indagato: soldi da imprenditore barlettano D'Agostino

I 160mila euro che l’imprenditore barlettano Gigi D’Agostino bonificò a Tiziano Renzi sulla base di due fatture ritenute false, sarebbero stati «il prezzo della mediazione illecita» del padre dell’ex premier: anche nei confronti di alcuni personaggi pugliesi. È questa, per quanto emerge dal decreto di perquisizione notificato a inizio ottobre a Renzi senior, il motivo per cui la Procura di Firenze accusa entrambi di traffico di influenze. Ovvero di corruzione tra privati.

La storia, anticipata da «La Verità», è un rivolo dell’indagine che ha già portato alla condanna dei due (e della madre di Renzi) per le fatture false. I pm toscani hanno valorizzato - sempre in base al decreto della pm Christine von Borries - una informativa della Finanza dell’8 maggio, in cui emergerebbero indizi «in ordine all'attività di mediazione illecita, operata dall’indagato (cioè Tiziano Renzi, ndr) nell’interesse di D’Agostino». Renzi - dice sempre il provvedimento - avrebbe insomma introdotto l’imprenditore di Barletta ad almeno tre persone, tutti pubblici ufficiali: «Luca Lotti, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Filippo Caracciolo, consigliere della Regione Puglia, Francesco Zaccaria, sindaco del Comune di Fasano».

L’incontro con Lotti è noto anche perché figura nelle carte dell’inchiesta di Lecce: D’Agostino portò a Roma l’ormai ex pm Antonio Savasta, che indagava a Trani su un giro di fatture false e - dice l’accusa leccese - in cambio di quell’incontro e di soldi non coinvolse D’Agostino. Anche l’incontro con Caracciolo, che peraltro D’Agostino sicuramente già conosceva, era già emerso grazie alle agende sequestrate all’imprenditore: avvenne a cena il 2 luglio 2015. Anche dell’incontro con Zaccaria c’è più di una traccia, e per vari motivi. D’Agostino voleva infatti aprire anche a Fasano un outlet del lusso, per il quale nel 2017 il Comune ha predisposto la variante urbanistica. E - in un procedimento parallelo a quello di Firenze - ci sono le intercettazioni tra Tiziano Renzi e D’Agostino due giorni dopo l’elezione di Zaccaria. Volendo intendere - è questa l’interpretazione di chi indaga - che con Zaccaria il progetto si sarebbe sbloccato. Dell’outlet esisteva il nome («Egnatia shopping mall»), erano stati individuati i terreni (un’area non lontana dalla statale 16) ed era stato ipotizzato un investimento da 20 milioni di euro. Ma ormai sembra che non se ne farà nulla.

La tesi dell’accusa è che insomma D’Agostino aveva individuato in Tiziano Renzi la chiave per entrare nel giro del Pd (all’epoca, 2015, erano quasi tutti renziani). Va detto che nessuno dei tre pubblici ufficiali citati (Caracciolo, Lotti e Zaccaria) è al momento indagato. Ma la Procura di Firenze vuole capire per quale motivo D’Agostino, imprenditore esperto, abbia pagato le due fatture da circa 160mila euro, emesse a fronte di due studi di fattibilità che per l’accusa sarebbero falsi e inesistenti. Lui si è difeso dicendo di essersi sentito in soggezione, perché anche se il lavoro di consulenza valeva meno di quanto richiesto aveva deciso di pagare comunque («Non si può dire no al padre del presidente del Consiglio», è più o meno la versione fornita al pm). Una linea che non ha convinto la Procura di Firenze, anche perché D’Agostino ha confermato che l’incontro con Lotti fu fissato «tramite Tiziano Renzi». E una delle due fatture fu pagata proprio il giorno dell’appuntamento a Palazzo Chigi. Le indagini vanno avanti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie