Venerdì 03 Luglio 2020 | 15:40

NEWS DALLA SEZIONE

fase 3
Asl BAT, dopo 4 mesi accesso controllato negli ospedali

Asl BAT, dopo 4 mesi accesso controllato negli ospedali

 
Ambiente
Barletta, verde e rifiuti senza regola al villaggio turistico Fiumara

Barletta, verde e rifiuti senza regola al villaggio turistico Fiumara

 
il sindacato
BAT, cambio al vertice della Fp Cgil: Ileana Remini è la nuova segretaria generale

BAT, cambio al vertice della Fp Cgil: Ileana Remini è la nuova segretaria generale

 
Verso il voto
Andria, Nino Marmo ha deciso: si candida a sindaco Pastore

Andria, Nino Marmo ha deciso: si candida a sindaco. Forza Italia: «Si ritiri, deve rispettare i patti»

 
In aula
Strage treni Andria-Corato, tecnici a pm: «Ben 146 errori come nel giorno del disastro»

Strage treni Andria-Corato, tecnici a pm: «Disastro sfiorato altre 146 volte»

 
Cultura
Andria, oggi riapre ai turisti Castel del Monte

Fase 3, oggi riapre ai turisti Castel del Monte

 
Lieto fine
Rintracciati dalla Polfer nelle stazioni di Barletta e Taranto 2 individui scomparsi nei giorni scorsi

Rintracciati dalla Polfer nelle stazioni di Barletta e Taranto 2 individui scomparsi nei giorni scorsi

 
IL CASO
Trani, «Il sindaco verifichi la copertura in eternit»

Trani, «Il sindaco verifichi la copertura in eternit»

 
nel nordbarese
Bisceglie, pestarono 16enne per futili motivi: 7 giovani arrestati

Bisceglie, pestarono 16enne per futili motivi: 7 giovani arrestati

 
Infrastrutture
Barletta, ponte della strada statale «16 bis» preoccupa il degrado della struttura

Barletta, ponte della strada statale «16 bis»: preoccupa il degrado della struttura

 
La Polemica
Il caso Lasala scoppia in Consiglio comunale

Barletta, il caso Lasala scoppia in Consiglio comunale

 

GDM.TV

Il Biancorosso

calcio
Bari, Laribi carica i biancorossi: «Pronti a scrivere un pezzo di storia»

Bari, Laribi carica i biancorossi: «Pronti a scrivere un pezzo di storia»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantofase3
Taranto, uffici comunali: pronta ordinanza per riaprirli al pubblico

Taranto, uffici comunali: pronta ordinanza per riaprirli al pubblico

 
PotenzaVertenza Eni
Viggiano, indotto Eni, spiragli positivi per 2 aziende

Viggiano, indotto Eni, spiragli positivi per 2 aziende

 
Brindisinel brindisino
Fasano, sparò all'interno di un bar arrestato 32enne: era ricercato anche per traffico di droga

Fasano, sparò all'interno di un bar arrestato 32enne: era ricercato anche per traffico di droga

 
NewsweekSolidarietà tra animali
Bari, Zatlan cane antidroga salva un riccio alla stazione centrale

Bari, Zatlan cane antidroga salva piccolo riccio alla stazione centrale

 
FoggiaL'emergenza
Foggia, Task Force Caporalato: 11 arresti in 12 mesi

Foggia, task force Caporalato: 11 arresti in 12 mesi

 
Leccetragedia sfiorata
Lecce, bimbo di 4 anni azzannato per strada da cane: ferite profonde al volto

Lecce, bimbo di 4 anni azzannato per strada da cane: ferite profonde al volto

 
Batfase 3
Asl BAT, dopo 4 mesi accesso controllato negli ospedali

Asl BAT, dopo 4 mesi accesso controllato negli ospedali

 
Materapost-operazione
Bernalda, operazione «Paride», dopo gli arresti sequestrati soldi e droga

Bernalda, operazione «Paride», dopo gli arresti sequestrati soldi e droga

 

i più letti

L'episodio il 2 agosto

Canosa, branco picchia un disabile ad una festa: arrestato 19enne

Preso uno del branco del luna park, ricercato il complice

Canosa, picchiano un disabile ad una festa: arrestato 19enne

CANOSA - Una violenza senza senso, feroce, vigliacca e per questo ancora più oscena. Suscitò indignazione e rabbia lo scorso 2 agosto il pestaggio subito da due fratelli sordomuti di Cerignola (Francesco e Giuseppe di 26 e 29 anni), aggrediti e picchiati selvaggiamente da più individui durante i festeggiamenti del Santo Patrono, nell’area di Piano San Giovanni, dove erano sistemate le giostre.

Ieri, a distanza di una decina di giorni da quella notte di inaudita violenza, dopo serrate indagini e riscontri da parte degli uomini della squadra di polizia giudiziaria del commissariato di Canosa (ai comandi del vice questore aggiunto Raffaele Fiantanese), sono scattate le manette ai polsi di uno dei presunti picchiatori del branco. Si tratta del 19enne canosino Michele Lorusso anche se il provvedimento restrittivo firmato dal gip Lucia Anna Altamura del Tribunale di Trani su richiesta del sostituto procuratore Giuseppe Francesco Aiello avrebbe tra i destinatari anche un altro individuo al momento ricercato.

Dovranno rispondere di rapina impropria e lesioni aggravate.
Quanto accaduto in quella notte di festa a Canosa tra l’indifferenza di molti che essendosi accorti della rissa non intervennero, sa davvero dell’assurdo ed è di una gravità inaudita. All’origine del pestaggio, è stato accertato, ci fu il furto (poi diventata rapina impropria) di un telefono cellulare (un iPhone X dotato di una serie di funzioni per chi ha disabilità uditive) posseduto da uno dei due fratelli audiolesi che erano a Canosa per trascorrere qualche ora al parco divertimenti in piazza San Giovanni. Mentre era in fila per la giostra delle macchine da scontro, Francesco smarrì il telefonino che gli cadde per terra. Essendosi accorto che un ragazzo lo raccolse e lo nascose sotto la maglietta, lo stesso Francesco con il fratello Giuseppe, raggiunsero il presunto ladro per chiedergli la restituzione del cellulare. I due malcapitati però, circondati da un gruppo di ragazzi, furono dapprima strattonati. In quel momento, pare, sarebbe entrato in scena Michele Lorusso, giovane boxer di Canosa solito frequentare una palestra per pugili. Senza esitare il ragazzo cominciò a sferrare pugni con forza al viso sia di Francesco che di Giuseppe. Entrambi caddero. Sui malcapitati si accanirono anche gli altri, l’intero branco, colpendoli. Scene di inaudita ferocia furono quelle che passarono sotto gli occhi di molti presenti che, stranamente, preferirono non intervenire. Intervenne invece un vigilante della «Vegapol» nel tentativo di sottrarre i malcapitati all’ira del branco. Ad avere la peggio furono i due fratelli. Giuseppe rimediò la frattura del setto nasale e altre ferite giudicate guaribili in oltre trenta giorni. Entrambi furono soccorsi e portati al Pronto soccorso del «Mons. Dimiccoli» di Barletta.

I poliziotti del commissariato, giunti sul posto, sulla base delle informazioni raccolte e grazie anche anche ai filmati della videosorveglianza, sono riusciti non soltanto a identificare Lorusso (riconosciuto anche dal particolare tatuaggio sul dito della mano utilizzata per boxare) ma anche il responsabile della rapina impropria che è tuttora ricercato.
Sono in corso ulteriori accertamenti per identificare, infine, gli altri componenti del branco, protagonista dell’ennesima storia di ordinaria brutalità e impensabile violenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie