Domenica 17 Novembre 2019 | 02:43

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Giro di droga ad Andria: 23 condanne, confiscati campi da calcio e case

Giro di droga ad Andria: 23 condanne, confiscati campi da calcio e case

 
codice rosso
Maltrattamenti e stalking nei confronti di 3 donne: 3 arresti nel Foggiano e Nordbarese

Maltrattamenti e stalking nei confronti di 3 donne: 3 arresti nel Foggiano e Nordbarese

 
L'indagine del 2015
Minacce a testimoni, condannati due ex pm di Trani Ruggiero e Pesce

Minacce a testimoni, condannati due ex pm di Trani Ruggiero e Pesce

 
La storia
Andria, Ilaria guru dell'architettura e del design: «Resto nella mia terra fonte di ispirazione»

Andria, Ilaria guru dell'architettura e del design: «Resto nella mia terra fonte di ispirazione»

 
Fatture inesistenti
Barletta, società cartiere di fatture false: 53 indagati

Barletta, società cartiere di fatture false: 53 indagati

 
Il caso
Giustizia truccata a Trani, lo Stato non dovrà risarcire i danni

Giustizia truccata a Trani, lo Stato non dovrà risarcire i danni

 
Palazzo Della Marra
Maltempo a Barletta, si stacca pezzo di cornicione a Pinacoteca

Maltempo a Barletta, si stacca pezzo di cornicione a Pinacoteca

 
la tragedia nel 2016
Scontro treni Puglia, chiesta condanna ex dirigente Ministero Infrastrutture

Scontro treni Puglia, chiesta condanna ex dirigente Ministero Infrastrutture

 
il processo a Lecce
Giustizia svenduta a Trani, cento testimoni per Nardi, anche Conte e Lotti

Giustizia svenduta a Trani, cento testimoni per Nardi, anche Conte e Lotti

 
la denuncia
Barletta, tenta approcci sessuali con ragazzini, inchiesta delle Iene in tv

Barletta, tenta approcci sessuali con ragazzini, inchiesta delle Iene in tv

 
La denuncia
Andria, è allarme furti in ospedale

Andria, è allarme furti in ospedale

 

Il Biancorosso

verso il match
Bari, Sigarini ricorda la trasferta a Pagani

Bari, Sigarini ricorda la trasferta a Pagani

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl siderurgico
Caso Mittal, Peacelink Taranto: «Aiuti Stato vietati, sì a riconversione»

Caso Mittal, Peacelink Taranto: «Aiuti Stato vietati, sì a riconversione»

 
BariIl caso
Bari, venditore abusivo aggredisce agenti: arrestato

Bari, venditore abusivo aggredisce agenti: arrestato

 
Foggianel Foggiano
Lucera, figlio disabile escluso da corso di nuoto a scuola: mamma denuncia

Lucera, figlio disabile escluso da corso di nuoto a scuola: mamma denuncia

 
LecceL'appuntamento
Scorrano, torna il presepe di sabbia: vicino alla Natività anche Don Tonino Bello e Gandhi

Scorrano, torna il presepe di sabbia: vicino alla Natività anche Don Tonino Bello e Gandhi

 
Materaconta dei danni
Maltempo, serve un piano straordinario per Metaponto

Maltempo, serve un piano straordinario per Metaponto

 
BrindisiNel Brindisino
Oria, rifiuta il test antidroga e ha eroina negli slip: denunciata una 31enne

Oria, rifiuta il test antidroga e ha eroina negli slip: denunciata una 31enne

 
BatLa sentenza
Giro di droga ad Andria: 23 condanne, confiscati campi da calcio e case

Giro di droga ad Andria: 23 condanne, confiscati campi da calcio e case

 
Potenzal'indagine
Potenza, parrucchiere 58enne violenta giovane dipendente: ai domiciliari

Potenza, parrucchiere 58enne violenta giovane dipendente: ai domiciliari

 

i più letti

La sentenza

Trani, finì nel sottopasso allagato: automobilista risarcito a metà

Riconosciuta la responsabilità del Comune, per il giudice il pericolo non fu adeguatamente segnalato

Trani, finì nel sottopasso allagato: automobilista risarcito a metà

Un debito fuori bilancio di 6867,90 euro, in teoria, potrebbe non fare notizia. Infatti, l’importo della somma da liquidare è decisamente inferiore rispetto a tante altre, con uno o due zeri in più, che si sono finora pagate e, probabilmente, si continueranno a pagare. È un po’ la natura di questo fisiologico incedere di esecuzioni di sentenze emanate dall’autorità giudiziaria.

In questo caso, però, siamo in presenza del primo risarcimento danni che il Comune di Trani riconosce al proprietario di un veicolo rimasto bloccato nel sottovia di via Pozzo piano, allagatosi a causa di una delle abbondanti piogge che lo rendono impraticabile.

Il sinistro accadde il 16 maggio 2011 e l’avvocato Francesco Borgia, legale dell’automobilista, proponeva atto di citazione innanzi al Comune di Trani il 22 aprile 2014, con sentenza pubblicata il 9 maggio scorso e notificata il 3 giugno.
Il Tribunale di Trani ha accolto parzialmente la domanda del conducente, dichiarando la responsabilità del Comune di Trani nella misura del 50 per cento. La somma, fissata in 4134,70 euro è lievitata per via del pagamento e di spese legali e onorari.
Secondo quanto si legge nella sentenza, l’automobilista quel giorno era transitato lungo il sottovia rimanendovi bloccato poiché completamente allagato. Ma non vi era alcuna segnalazione, né visibilità e, all’improvviso, il signor Giuseppe si era ritrovato con la propria vettura sommersa dall’acqua, fino all’altezza degli sportelli, subendo danni constatati sul posto da Polizia locale, Vigili del fuoco, Guardia di finanza e soccorso stradale.

Il Comune, costituitosi in giudizio, ha variamente contestato la domanda di risarcimento, ritenendola infondata ed escludendo qualsiasi responsabilità dell’ente.
Il Tribunale, valutando le posizioni delle parti, ha chiarito che, «nello specifico, è incontestato il fatto storico denunciato dall’automobilista, ovvero l’affondamento con la propria vettura nella massa d’acqua formatasi nel sottopasso ferroviario e causata da un ristagno di acqua dovuto alla scarsa capacità di smaltimento delle pompe di sollevamento installate per l’allontanamento delle acque meteoriche». Il giudice dà anche atto del fatto che, «al momento del sinistro, non vi era apposita segnaletica del pericolo di allagamento in caso di piogge incessanti e di notevole intensità».

Nel dibattimento, però, si è anche dimostrato che, agli ingressi delle due corsie di marcia del sottopasso, è posizionato un semaforo che proietta luce rossa che inibisce il passaggio, e tale strumento è azionato automaticamente dai sensori di allarme del livello di acqua che si accumula in caso di precipitazioni intense».
L’automobilista non ha negato l’esistenza del semaforo, ma ha dichiarato che lo stesso è troppo piccolo e difficilmente visibile per chi, nel frattempo, è impegnato nella guida.

Da qui la conclusione del giudice onorario, Valerio Seclì, per cui il Comune ha sicuramente responsabilità omissive nella custodia del sito, ma l’automobilista «non ha valutato adeguatamente le condizioni del luogo sotto due profili: la perturbazione atmosferica rendeva prevedibile la possibilità di incontrare allagamenti più o meno profondi; nell’attraversare il sottopasso non ha tenuto una condotta adeguata e non ha prestato sufficiente attenzione a segnale luminoso rosso proiettato dal semaforo. È quindi chiaro - conclude - che la condotta colposa dell’attore ha concorso a cagionare il danno nella stessa misura della responsabilità da cosa in custodia del Comune».

Per questo motivo il preventivo di danno proposto dalla carrozzeria consultata dall’automobilista, determinato in 8269,40 euro, è stato dimezzato a 4134,70 rideterminato poi nella somma definitiva da liquidare entro il prossimo 1° ottobre, a seguito del riconoscimento del debito fuori bilancio da parte del consiglio comunale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie