Domenica 21 Aprile 2019 | 18:03

NEWS DALLA SEZIONE

Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
BariL'intervento
Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

 
HomeIl messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

Droga e armi in centro

Trani, aggredito l'inviato di Striscia la Notizia Brumotti

Molti residenti hanno manifestato la loro solidarietà nei confronti dei sospettati di attività illecite

Trani, aggredito l'inviato di Striscia la Notizia Brumotti

La Procura della Repubblica presso il tribunale di Trani era stata informata già all’indomani della registrazione del pezzo (avvenuta lo scorso 18 marzo) di quanto accaduto in via Alvarez in occasione della discesa a Trani dell’inviato di Striscia la notizia Vittorio Brumotti.
L’ex campione bike trial si era recato in un locale nel quale, su segnalazione, si supponeva si spacciassero sostanze stupefacenti.
Non si è ancora a conoscenza se l’ufficio del procuratore Antonino Di Maio abbia formalmente aperto un fascicolo ed iscritto nel registro degli indagati uno o più soggetti, sia per la presunta aggressione ai danni dell’inviato, sia per quanto egli stesso ha documentato realizzando il servizio.


Il pezzo è andato in onda l’altra sera su Canale 5. Brumotti dapprima manda un complice presso quel locale, per un abboccamento con l’uomo ritenuto spacciatore, il quale gli prospetta una serie di proposte e relativi prezzi.
Oltre la droga, emerge anche una disponibilità di armi, grazie ad un amico che mostra una Smith & Wesson malridotta, ma dichiarata perfettamente funzionante.
Brumotti torna poi sul posto, dichiarandosi insieme con le telecamere, ed a quel punto lo scenario cambia: l’uomo sembra cadere dalle nuvole e l’amico tende a defilarsi per non essere inquadrato.


Il presunto spacciatore è una vecchia conoscenza delle forze dell’ordine, il fornitore della pistola è un’ex guardia giurata, rimasto senza lavoro con altri colleghi dopo che la cooperativa per cui prestava servizio ha perso un importante appalto.
Quanto alla presunta aggressione, di cui tutta Italia aveva parlato all’indomani della registrazione del pezzo, le immagini documentano che l’uomo sfila bruscamente il casco, sormontato da una telecamerina, dal capo di Brumotti, ma non gli sferra né schiaffi, né pugni, né calci: ciononostante, dopo l’arrivo dei carabinieri, Brumotti, non inquadrato dalle sue telecamere, viene condotto al Pronto soccorso dal 118, scortato dai carabinieri, per farsi refertare un trauma cranico.
Colpisce, al contrario, la reazione di molti residenti della zona e​ astanti nel frattempo​ radunatisi sul luogo: in molti solidarizzano con i responsabili, piuttosto che con l’inviato del Tg satirico e le forze dell’ordine.
I carabinieri mantengono il riserbo su quanto accaduto e successivi sviluppi, ma confermano che quel luogo, così come tutto il territorio, è regolarmente monitorato sia da loro, sia dalle altre forze dell’ordine.
Brumotti, quindi, più che scoprire qualcosa di inedito, ha rivelato in tutta Italia uno spaccato di malaffare di cui già l’autorità giudiziaria era perfettamente a conoscenza. Resta da comprendere dove finisca la cronaca e dove cominci la spettacolarizzazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400