Mercoledì 24 Aprile 2019 | 20:34

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
Botta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 
Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

Casa Leopold

Un orfanotrofio per il Burundi: nel progetto una famiglia di Canosa

Sabino e Roberta hanno già dato una casa a due piccoli: ora vogliono raccogliere fondi per finanziare il progetto

Un orfanotrofio per il Burundi: nel progetto una famiglia di Canosa

«Inzu» in lingua kirundi significa «casa». Proprio quella che vorrebbero dare ai bambini orfani di Gitega, la nuova capitale del Burundi, quattro coppie di italiani, tra cui i canosini Sabino e Roberta. Loro una casa l’hanno già data ai loro figli adottivi arrivati proprio dal Burundi. Ma questo è stato il primo passo verso un sogno molto più grande.
«Siamo quattro famiglie, tre pugliesi e una veneta, rimaste bloccate per quattro anni dalla burocrazia per adottare quattro bambini dal cuore dell'Africa - raccontano Sabino e Roberta - nel maggio 2017, tutti insieme riusciamo ad abbracciare i nostri figli che vivevano nello stesso orfanotrofio, conosciuti attraverso una foto su una scheda tecnica. Prima siamo passati davanti a un giudice davanti al quale abbiamo sperato di aver fatto una buona impressione, per poter ottenere “il bollino” di genitori. Quando è arrivato quel momento dell’incontro c’è stata la fusione immediata di tre cuori».


La rinascita di quei bambini ha segnato Sabino e Roberta, come i sei loro «compagni di viaggio», ed è stato allora che hanno incontrato con un piccolo grande uomo, Leopold, il direttore dell'orfanotrofio, il “padre” di tutti quei bambini. «Grazie al suo affetto hanno avuto un'altra chance di vita - continuano Sabino Roberta - Leopold, infatti, anche lui orfano, bambino di strada, a 18 anni ha iniziato a trovare un rifugio ai bambini abbandonati che incontrava. Ora ha quasi trent’anni e un orfanotrofio con 45 bambini da 0 a 15 anni, approvato anche dal governo burundese».


Accoglie piccoli orfani trovati per strada perché abbandonati o smarriti dai genitori mentre lavorano nei campi. «Li accoglie con lo stesso amore che ha dato ai nostri figli - dicono - e i suoi bambini sperano di essere anche loro, come i nostri, accolti in una famiglia. Questo ci ha spinto a realizzare una “casa vera” per Leopold. Così nasce la nostra Onlus 4Inzu. In appena sei mesi abbiamo raccolto il denaro per l'acquisto del terreno, circa 15mila euro, dove costruire l'orfanotrofio, progettato da Leonardo, ingegnere, uno dei fondatori. Grazie alla gente comune che ha creduto nel nostro sogno. Ora vogliamo raccogliere fondi per procedere alla costruzione dell’orfanotrofio: tutto ciò che raccogliamo viene destinato alla causa, non abbiamo spese di gestione e tutto viene svolto con forte spirito di volontariato. A gennaio tre genitori sono tornati in Burundi e, dopo aver fatto disboscare e livellare il terreno, è arrivato il momento di porre la prima pietra di “Casa Leopold” e dare dignità e speranza a questi bambini che sono stati privati del diritto di avere una mamma e un papà».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400