Venerdì 15 Febbraio 2019 | 20:47

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità
Andria, uomo di 67 anni dona rene e cornee

Andria, uomo di 67 anni dona rene e cornee

 
giustizia
Trani, il Csm conferma: per procuratore Di Maio investitura bis

Trani, il Csm conferma procuratore Di Maio 

 
L'operazione della Gdf
Andria, «zuccheraggio» del vino: sequestrati migliaia di ettolitri e stabilimento abusivo

Andria, «zuccheraggio» del vino: sequestrati migliaia di ettolitri e stabilimento abusivo VD

 
Trend positivo nella BAT
Donazioni di organi, tra le eccellenze adesso c'è anche Andria

Donazioni di organi, tra le eccellenze adesso c'è anche Andria

 
La manifestazione
Mezza maratona a Barletta, 2000 podisti non solo dall'Italia

Mezza maratona a Barletta, 2000 podisti non solo dall'Italia

 
Sport
Barletta, nuovi fondi dal Coni per la ristrutturazione dello stadio Puttilli

Barletta, nuovi fondi dal Coni per la ristrutturazione dello stadio

 
L'operazione della polizia
Estorsione e spaccio di stupefacenti, tre arresti a Barletta

Estorsione e spaccio di stupefacenti, tre arresti a Barletta

 
Dai Cc
Andria, chiede il pizzo per restituire auto rubata: preso 40enne

Andria, chiede il pizzo per restituire auto rubata: preso 40enne

 
Il provvedimento
Andria, occupazione abusiva, fruttivendolo sospeso

Andria, occupazione abusiva, fruttivendolo sospeso

 
Colti in flagrante
Andria, cc scoprono base per riciclaggio auto rubate: 2 arresti

Andria, cc scoprono base per riciclaggio auto rubate: 2 arresti

 
Lo spettacolo
Trani, Syria e l'omaggio a Gabriella Ferri

Trani, Syria e l'omaggio a Gabriella Ferri

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraNel 2009
Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

 
FoggiaIn via Manfredonia
Foggia, auto contro pilone, 76enne muore sul colpo

Foggia, auto contro pilone, 76enne muore sul colpo

 
TarantoDenunce
Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

 
PotenzaNel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
BrindisiProvoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
LecceNuove accuse
Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

 
BatSanità
Andria, uomo di 67 anni dona rene e cornee

Andria, uomo di 67 anni dona rene e cornee

 

Il caso a Barletta

Ascensore non collaudato, 78enne recluso in casa da 6 mesi

L'uomo, Domenico, è malato di Alzheimer e non può curarsi

Ascensore non collaudato, 78enne recluso in casa da 6 mesi

Una storia di segregazione umana in casa.
Avete letto bene. E non sembri una esagerazione. Chi dovesse pensarlo pensi al dolore di un 78enne gravemente ammalato di Alzahimer e di tutta la sua famiglia che non hanno la possibilità di muoversi da casa. Il paradosso è che l’ascensore è presente ma da «solo» sei mesi si attende il collaudo. Avete letto bene nuovamente. Una protesta che merita attenzione. A raccontare la assurda vicenda la signora Angela figlia di Domenico che vive questo calvario essendo residente in una delle palazzina dell’Arca, Agenzia Regionale per la Casa e l'Abitare, di via Prascina 162.
Purtroppo, per il fatto che l’ascensore non sia funzionante, di fatto il signor Domenico - al pari degli altri anziani residenti nella palazzina - non può nemmeno pensare di prendere una boccata d’ossigeno.


Ma tanto dall’Arca quanto dall’installatore dell’ascensore la questione non è proprio in evidenza della loro agenda. Ad oggi nessuno intervento risolutivo è stato realizzato. L’ascensore continua ad essere fermo. Tante parole e rimpalli.
«Purtroppo, nonostante le svariate telefonate e richieste di spiegazioni, tutto è fermo. A nome di papà mio e mio personale sono costretta a denunciare questa grave discriminazione in seguito al fatto che nella palazzina dei miei genitori di fatto manca non essendo utilizzabile - ha dichiarato disperata la figlia Angela -. Mio padre è gravemente ammalato e la sua malattia degenera sempre più anche perchè non possiamo portarlo nei centri di riabilitazione. Il quadro clinico è peggiorativo e ci sentiamo inutili. Aggiungo che recentemente i lavori realizzati per la rampa di accesso sono stai realizzati in maniera discutibile essendo già l’intonaco per terra con grave pericolo per tutti. Vorrei chiedere al prefetto Dario Sensi, al presidente della Regione Michele Emiliano, al sindaco Cosimo Cannito e ai consiglieri regionali Filippo Caracciolo e Ruggiero Mennea di farsi garanti della soluzione di questa problematica. Non posso pensare che proprio che sia impossibile trovare una soluzione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400