Martedì 22 Gennaio 2019 | 23:50

NEWS DALLA SEZIONE

Per le attività commerciali
Andria, caso gazebo: manca il parere della Sovrintendenza

Andria, caso gazebo: manca il parere della Sovrintendenza

 
Truffa aggravata
Barletta: chiedeva soldi per riviste del corpo, arrestato falso finanziere

Barletta: chiedeva soldi per riviste del corpo, arrestato falso finanziere

 
problemi alla viabilità
Trani, le strade cittadine tra degrado e incuria

Trani, le strade cittadine tra degrado e incuria

 
Nel Nordbarese
Trinitapoli, duello a colpi di pistola in strada, un morto e un ferito

Trinitapoli, sparatoria da Far West in strada, un morto e un ferito

 
Agricoltura beffata
Canosa, così si spreca l'acqua della diga Capaciotti

Canosa, così si spreca l'acqua della diga Capaciotti

 
Inchiesta da Lecce
Trani, arrestati due magistrati per corruzione e falso ideologico

Trani, arrestati due magistrati: processi venduti per soldi e diamanti. 
Imprenditore: così pagai milioni

 
Dalla Regione
Trani, fondi per il recupero del giardino Antonacci-Telesio

Trani, fondi per il recupero del giardino Antonacci-Telesio

 
Ambiente
Barletta, strani picchi di biossido d'azoto nell'aria

Barletta, strani picchi di biossido d'azoto nell'aria

 
Monitoraggio Caritas
Trani, padri separati non arrivano a fine mese

Trani, padri separati non arrivano a fine mese

 
Sulla SS16 bis
Corriere della droga fermato dai cc a Trani: hashish nascosto nel parafango

Corriere della droga fermato dai cc a Trani: hashish nascosto nel parafango

 
A Barletta
Donò rene al genero per salvarlo: il gesto compie 20 anni

Donò rene al genero per salvarlo: il gesto compie 20 anni

 

A S.Ferdinando di Puglia

Gli sparano in faccia mentre guida: ucciso camionista nella Bat, forse rapina

L'uomo stava trasportando finocchi al mercato di Molfetta (Ba)

ambulanza notte

Un uomo, Luigi Bruno Battipaglia, di 48 anni, autotrasportatore di Nocera Inferiore, incensurato, è stato ucciso da persone non ancora identificate, con un colpo d’arma da fuoco. L’agguato è avvenuto, forse a scopo di rapina, ieri sera a tarda ora sulla SS16, all’altezza di San Ferdinando di Puglia in direzione Bari. Stando alla ricostruzione dell’accaduto, la vittima viaggiava a bordo di un furgone Iveco, che trasportava finocchi ed era in viaggio verso il mercato di Molfetta (Bari). Sarebbe stato affiancato da un’auto a bordo della quale vi erano alcune persone che hanno sparato un colpo di fucile caricato a pallettoni probabilmente nel tentativo di rapina. L’uomo è stato colpito in pieno al volto. Le indagini sono affidate agli investigatori dell’arma che nel corso della notte hanno ascoltato alcune persone per cercare di ricostruire la dinamica dell’accaduto.

Gli investigatori hanno trovato mille euro nelle tasche di Luigi Bruno Battipaglia, il 48enne incensurato di Nocera Inferiore ucciso ieri sera con un colpo di fucile mentre viaggiava a bordo del suo furgone Iveco carico di verdura, sulla strada statale 16, nelle vicinanze di San Ferdinando di Puglia. Secondo gli inquirenti l’uomo sarebbe stato ucciso durante un tentativo di rapina.
Stando ad una prima ricostruzione dell’accaduto, il mezzo della vittima sarebbe stato affiancato e speronato da un altro veicolo che ha inseguito il furgone per un centinaio di metri. Poi - ricostruiscono gli inquirenti - i sicari sarebbero scesi dal veicolo e avrebbero esploso un solo colpo di fucile caricato a pallettoni. Il colpo ha infranto il parabrezza del furgone prima di raggiungere il volto del 48enne. Sull'asfalto è stata ritrovata una cartuccia.

Numerose persone sono state ascoltate e circa 20 perquisizioni sono state eseguite nella notte dai carabinieri che indagano sull'omicidio di Luigi Bruno Battipaglia, il 48enne autotrasportatore incensurato di Nocera Inferiore, ucciso ieri sera con un colpo di fucile in pieno volto, probabilmente durante una rapina, mentre trasportava verdura col suo furgone Iveco.
I militari hanno eseguito le perquisizioni nei confronti di una ventina di persone della zona, con precedenti penali. A quanto si apprende, non sono ancora stati effettuati esami dello stub, e sul luogo dell’agguato non ci sono telecamere di videosorveglianza.
Secondo la ricostruzione dell’accaduto degli investigatori, poco prima delle 22 al centralino delle forze di polizia è arrivata la segnalazione di un furgone Iveco che ostruiva la corsia della strada statale 16, nelle vicinanze di San Ferdinando di Puglia, in direzione Bari.
Quando i carabinieri sono arrivati sul posto hanno trovato il corpo della vittima riverso sul volante del suo furgone. L’uomo era diretto ai 'Mercati Generalì di Molfetta dove avrebbe dovuto consegnare la verdura.

"UNA BRAVISSIMA PERSONA" - Viene descritto da tutti come una «bravissima persona» Luigi Bruno Battipaglia, l’autotrasportatore 48enne di Nocera Inferiore ucciso ieri sera con un colpo di fucile al volto, probabilmente durante una rapina, mentre trasportava verdura con il suo furgone sulla strada statale 16, nelle vicinanze di San Ferdinando di Puglia. «Luigi Bruno Battipaglia era un uomo che si spaccava la schiena dalla mattina alla sera. Non c'è alcuna ombra nel suo passato», riferiscono gli inquirenti.
In passato l’uomo ha lavorato anche al mercato di Andria dove si recava ogni lunedì, mercoledì venerdì. A quanto si apprende ieri sera, due ore prima di essere ucciso, era partito dalla Campania diretto ai 'Mercati Generalì di Molfetta. Durante il percorso non si sarebbe fermato da alcun grossista pugliese.

ISTITUITA SQUADRA INVESTIGATIVA ANTIRAPINA - «Sarà istituita una squadra investigativa antirapina per fronteggiare questo momento di forte emergenza sul territorio di Cerignola e in tutto il basso Tavoliere». Lo ha detto parlando con i giornalisti il comandante provinciale dei carabinieri di Foggia, il colonnello Marco Aquilio, interpellato in merito alle indagini in corso per far luce sull'omicidio di Luigi Bruno Battipaglia, il 48enne di Nocera Inferiore ucciso con un colpo di fucile calibro 12 che lo ha raggiunto in pieno volto mentre percorreva la statale 16, nelle vicinanze di San Ferdinando di Puglia (BAT).
«Siamo sempre più certi che si sia trattato di una rapina finita male. - afferma il colonnello Aquilio - Motivo per cui abbiamo pensato di istituire nei prossimi giorni una squadra anti rapina composta da dieci unità tra ufficiali esperti di polizia giudiziaria e carabinieri. Questa nuova squadra investigativa sarà presente all’interno della Compagnia Carabinieri di Cerignola. Inoltre - aggiunge Aquilio - saranno dislocate sul territorio ofantino due squadre dei 'Cacciatori di Puglià, per un totale di dieci carabinieri impegnanti ai posti di blocco lungo la statale 16»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400