Lunedì 25 Marzo 2019 | 02:09

NEWS DALLA SEZIONE

La storia
Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

 
Il caso
Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

 
Parla un imprenditore
Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

 
Il caso
Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

 
Analisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 
È intervenuta la polizia
Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

 
Nel nordbarese
Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

 
Casa Leopold
Un orfanotrofio per il Burundi: nel progetto una famiglia di Canosa

Un orfanotrofio per il Burundi: nel progetto una famiglia di Canosa

 
Il Puttilli
Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

 
L'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
Le dichiarazioni
Barletta, sciopero clima, le parole di Don Serio: «Giovani sognatori e profetici»

Barletta, sciopero clima, le parole di Don Serio: «Giovani sognatori e profetici»

 

Il Biancorosso

DOPO I 5 ANNI DI DASPO
La difesa dello steward della Turris"False accuse e tanta cattiveria"

La difesa dello steward della Turris
"False accuse e tanta cattiveria"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa storia
Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

 
Lecce
Leuca, intercettata da Gdf barca a vela con 25 migranti

Leuca, intercettata da Gdf barca a vela con 25 migranti

 
TarantoAmbiente
Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

 
FoggiaAnche lei premiata da Mattarella
È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

 
MateraDroga
Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

 
BrindisiIl caso
Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

 
Altre notizie HomeTra sacro e profano
Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

 

Periferie dimenticate

Andria, degrado in via Togliatti per impianto ridotto a rudere

Occupato da abusivi il distributore mai aperto perché vicino al cimitero

Andria, degrado in via Togliatti per l'impianto ridotto a rudere

ANDRIA - È a pochi passi dal cimitero, in via Togliatti. Quello che avrebbe dovuto essere un nuovo distributore di benzina (quindi un luogo di lavoro) su un’arteria esterna tra le più trafficate della città, sia in direzione centro cittadino sia in direzione città limitrofe, oggi è quella che si vede dalle foto: un rudere abbandonato, vandalizzato, distrutto circondato da erba altissima, sporcizia.
Non solo: notizia di questi giorni, la porta d’ingresso della struttura è stata abbattuta e la struttura è occupata abusivamente da persone senza fissa dimora. Lo testimoniano persino i panni sciorinati al sole, scorti in qualche passaggio fortuito nella zona.
È in via Palmiro Togliatti, dicevamo, nella zona che seppure vicinissima al cimitero in realtà è attorniata da servizi, pizzerie, bar, fioristi, rivenditori di pavimenti e di marmi, vivai… Insomma, una serie di attività che rendono questa parte di Andria molto trafficata. In questa situazione, il degrado offerto da quella struttura abbandonata, aggravato come dall’occupazione abusiva, è oggetto di forti lamentele da parte dei residenti della zona, che peraltro è a forte densità abitativa.
«Lo schifo di questa erba selvaggia, la sporcizia, il degrado, imbruttisce questa zona. Non siamo più disposti a tollerarlo. Sono anni che questa struttura è in evidente e forte stato di abbandono. Ma ora la situazione è davvero peggiorata. C’è un viavai continuo di persone che entra ed esce da quel capannone, ci vive abusivamente!». Dalle informazioni in nostro possesso, risulta che la società proprietaria dell’impianto cioè l’Api - Anonima Petroli Italiana Spa- (il fondo su cui insiste appartiene ad un proprietario differente a cui la società versa regolarmente i canoni di locazioni da anni) ha segnalato i fatti accaduti alle forze dell’ordine.
l’inghippoSecondo quanto si apprende dai più informati, la struttura è stata terminata nel lontano 2010: aveva tutte le carte in regola per poter cominciare la sua attività di distribuzione, avendo ottenuto regolare autorizzazione dall’amministrazione Zaccaro tra il 2005 ed il 2008: il sindaco, infatti, allora autorizzò la costruzione dell’impianto, ritenendo superato il limite dei 250 metri di distanza dell’impianto dai servizi cimiteriali. Ma dal 2010, col cambio dell’amministrazione la società non è mai più venuta a capo della questione: un evidente, fastidioso, insuperabile empasse burocratico ha paralizzato la vicenda, con conseguente e innegabile degrado per il quartiere oltre che un danno per l’azienda. Il problema: la distanza dei 250 metri dai servizi cimiteriali non sono rispettati. A questo va aggiunto però che, a poche centinaia di metri c’è un altro distributore che, nonostante le iniziali difficoltà, da ormai un triennio è perfettamente funzionante.
limiti superati Il limite dei 250 metri dal cimitero deve (o dovrebbe essere) rispettato da ogni attività presente in zona per motivi igienico sanitari. Ma è di tutta evidenza che così non è per tutti: da servizi per la ristorazione, a sale scommesse, a tutt’altro genere di attività commerciali, la zona cimiteriale è “ben servita”.
L’ultimo atto amministrativo certo, fino a questo momento, è la risposta da parte del «Servizio di piano e pianificazione strategica» (nota a firma del dirigente Piscitelli, ora licenziato) alla richiesta di riduzione della fascia di rispetto cimiteriale da 250 a 145 metri, prerogativa questa che è in capo esclusivamente al sindaco, per poi passare dal consiglio comunale.
Nella nota si oppone che “la deroga al vincolo cimiteriale sarebbe ammissibile solo per interventi pubblici o di interesse pubblico”, “giammai per interessi, seppur socialmente rilevanti (come nel caso di un impianto di carburanti n.d.r.) ma di carattere privato. Il vincolo cimiteriale, dunque, rappresenta una situazione di inedificabilità assoluta”, sempre giustificata per motivi igienico-sanitari.
Questa, dunque, la situazione: due amministrazioni che hanno dato due disposizioni differenti. In mezzo un’attività mai partita, posti di lavoro non dati, degrado e sporcizia, e nemmeno (a questo punto) un ordine di smantellamento.
Un monumento a imperitura memoria della malaburocrazia. Intorno, intanto, continuano ad inaugurare attività. Di ogni genere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400