Domenica 21 Aprile 2019 | 18:50

NEWS DALLA SEZIONE

Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
BariL'intervento
Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

 
HomeIl messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

Inchiesta Off Shore

Barletta, yacht preso beffando
il Fisco: nessun colpevole

Prescritto il reato per l'imprenditore accusato di aver intascato soldi a nero dalla vendita di appartamenti. L'indagine della Gdf

Barletta,  yacht preso beffandoil fisco: nessun colpevole

TRANI - Nessuna condanna a conclusione del processo di primo grado “Offshore” celebratosi davanti al Tribunale di Trani. Il collegio presieduto da Giulia Pavese ha dichiarato estinto per prescrizione il reato di “trasferimento fraudolento di valori” contestato all’imprenditore edile barlettano Antonio Chiarazzo (70enne) ed assolto dall’accusa di concorso in riciclaggio “perché il fatto non sussiste”, il suo commercialista Raffaele Palmieri, 58enne barlettano, ed il 60enne faccendiere milanese, ma residente a Londra, Marco Acquistapace. Dunque, nessuna pena ed il conseguente svincolo delle somme sequestrate in via cautelare.

Tra 90 giorni le motivazioni della sentenza che chiude, di fatto, l’echeggiante inchiesta che nel 2013 accese i riflettori su una serie di rapporti contabili e sul lussuoso panfilo di 23 metri “Nadara”: di qui il nome dell’operazione, battezzata “Offshore”
Secondo l’accusa che nel 2014 portò al rinvio a giudizio, gli imputati avrebbero, a vario titolo, occultato le ingenti somme a nero non dichiarate nei rogiti notarili per la vendita di immobili.

L’indagine “Offshore” rappresentò, infatti, una costola dell’inchiesta “Paradisi Perduti” sui molti quattrini sfuggiti ad imposizione fiscale in occasione di compravendite immobiliari. In quell’indagine fu coinvolto pure Chiarazzo, che anche in quel caso, in grado appello, sentì dichiarata prescritta della sua contestazione.

Per quanto ricostruì l’inchiesta condotta dall’allora comandante della Guardia di Finanza di Barletta, Giulio Leo, cui subentrò il col. Giuseppe Cardellicchio, la presunta «lavatrice» Acquistapace sarebbe stato la cosiddetta “lavatrice”, attraverso la società ad hoc Silver Trend Ltd, di cospicui guadagni a nero di Chiarazzo per l’acquisto, almeno nelle intenzioni, di una nuova barca: “Nadara 78”, un panfilo di 23 metri di lunghezza commissionato ad un cantiere di Massa.

Il 20 giugno 2013 l’inchiesta sfociò nel decreto di sequestro preventivo per 1 milione e 120mila euro del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani, Luca Buonvino. All’effettivo atto del sequestro la Guardia di Finanza riuscì a bloccare una somma inferiore sui conti correnti bancari riconducibili all’imprenditore edile: circa 300mila euro. Secondo l’originaria accusa Palmieri (difeso dall’avvocato Rinaldo Alvisi) ed Acquistapace (difeso dall’avv. Salvatore Achenza) avrebbero compiuto operazioni “volte a sostituire denaro provento di evasione fiscale di Chiarazzo (difeso dall’avvocato Vincenzo Papeo) con un nuovo bene (la lussuosa barca, per l’appunto) intestato fittiziamente alla società inglese; ostacolando così l’identificazione della provenienza delittuosa delle somme di denaro impiegate nell’acquisto del bene di lusso”.

Come fu evidenziato dalla Procura in occasione della conferenza stampa successiva al sequestro, il “nero” costituito dalle maggiori somme non indicate nei rogiti sarebbe dovuto pur finire da qualche parte ma occorreva fare le cose per bene ed avvalersi di gente “qualificata”. Perché il lusso andava goduto ma non intestato. Per non destare facili sospetti e far immediatamente emergere cioè che nei rogiti delle vendite immobiliari era stato abilmente sommerso, facendosi versare in contanti, ed a nero, il maggior prezzo imposto agli acquirenti.

Al cuore di Londra a società del “faccendiere italiano” il cui core-business sarebbe stato “ripulire il nero” occultando e proteggendo l’effettivo proprietario del bene di lusso, provento dei guadagni non dichiarati e dunque non tassati.
Ora, però, giunge la sentenza di primo grado che assolve il commercialista ed il faccendiere e salva con la prescrizione l’imprenditore Chiarazzo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400