Venerdì 22 Marzo 2019 | 14:58

NEWS DALLA SEZIONE

L'operazione della Gdf
Molfetta, vendeva in casa abbigliamento «tarocco»: fermato falsario

Molfetta, vendeva in casa abbigliamento «tarocco»: fermato falsario

 
L'operazione oro nero
Bari, blitz della Gdf contro gasolio di contrabbando: sequestrate 260 tonnellate

Bari, blitz della Gdf contro gasolio di contrabbando: sequestrate 260 tonnellate

 
Musica
Sziget Festival: a Bari le selezioni per suonare a Budapest

Sziget Festival: a Bari le selezioni per suonare a Budapest

 
I numeri
Scuolabus a Bari, gps su tutti i mezzi: studenti più sicuri

Scuolabus a Bari, gps su tutti i mezzi: studenti più sicuri

 
Comune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
Il caso
Teatro Petruzzelli, Corte d'Appello rigetta ricorso di Regione e Comune di Bari

Teatro Petruzzelli, Corte d'Appello rigetta ricorso di Regione e Comune di Bari

 
Subentra a Carmine Esposito
Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

 
È diretto a Gerusalemme
Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

 
Il confronto
Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

 
L'aggressione
Monopoli, lancia scrivania contro i medici del pronto soccorso: arrestato 44enne

Monopoli, lancia scrivania contro i medici del pronto soccorso: arrestato 44enne

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'operazione della Gdf
Molfetta, vendeva in casa abbigliamento «tarocco»: fermato falsario

Molfetta, vendeva in casa abbigliamento «tarocco»: fermato falsario

 
LecceIl caso
Lecce, truffe ad Inps e Agenzie delle entrate: due indagati

Lecce, truffe ad Inps e Agenzie delle entrate: due professionisti salentini arrestati

 
TarantoIl caso
Mottola, nascondeva in casa pistola e proiettili: arrestato 32enne

Mottola, nascondeva in casa pistola e proiettili: arrestato 32enne

 
FoggiaIl rito religioso
Foggia si stringe intorno all’Iconavetere: in migliaia alla Festa Patronale

Foggia si stringe intorno all’Iconavetere: in migliaia alla Festa Patronale

 
PotenzaEnergia e polemiche
Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

 
BatIl caso
Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

 
BrindisiA brindisi
In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

 

la storia

Angela, da 27 anni malata
di sclerosi multipla
ma autosufficiente per la Asl

sclerosi multipla

di Rita Schena

La condanna Angela l'ha ricevuta quando aveva 32 anni con una diagnosi da far ghiacciare le vene: sclerosi multipla, una malattia neurodegenerativa senza appello che l'ha progressivamente resa incapace di badare a se stessa. Angela C. da quel momento non ha vissuto in tranquillità la stagione più bella della sua vita, si è persa le corse con i suoi figli, anche le più piccole gioie con il marito, non sa cosa significhi prendere in braccio i suoi nipotini, oggi 27 anni dopo quella diagnosi è completamente allettata e dipendente dagli altri.

«La situazione è molto pesante – spiega la figlia Grazia che vive a Bari vicino ai genitori – mia madre è gestita completamente da papà e me, ma è difficile. Certo, è destinataria della pensione di invalidità, ma tra medicine, ausili, quel poco di assistenza che riusciamo ad avere, la pensione non è sufficiente, ecco perché gli assegni di cura che la Regione Puglia eroga ai malati non autosufficienti sarebbero stati un respiro in più».

Invece Angela ne è stata esclusa. Dopo Natale è stata sottoposta a visita medica da parte della Asl e la dottoressa l'ha giudicata “idonea”, non nel senso di aver diritto all'assegno, ma “idonea” ad una vita autosufficiente.

«La conclusione del medico è qualcosa che ci ha spiazzati – sottolinea quasi con rabbia la figlia – ma come è possibile? Cinque anni fa mia madre si è rotta il femore, nonostante sia stata sottoposta ad intervento, da quel momento non si è più mossa. Passa dal letto alla sedia a rotelle, e bisogna alzarla per metterla a sedere perchè non è in grado di alzarsi neanche con le maniglie. Il suo corpo trema tutto, non riesce ad alimentarsi da sola e bisogna imboccarla, come si fa a definire una persona in questo stato “idonea autosufficiente”? La dottoressa non è riuscita neanche a farla firmare, per i tremori che ha, è dovuto intervenire papà».

Grazia freme di rabbia nel raccontare, di sottofondo il cinguettio dei suoi due gemelli di appena un anno, mentre il padre, autista di autobus in pensione, imbocca la moglie: «Dalla graduatoria noi sappiamo che l'assegno è stato riconosciuto a persone che si muovono con il bastone, invece mamma è “idonea” ed esclusa. Ora faremo ricorso, ma dovremo nominare un nostro avvocato, altre spese. Al danno, la beffa».

Angela ha ottenuto gli assegni di cura per due anni nel 2014 e nel 2015, un sostegno economico che è servito al marito per avere qualche terapista in più, per affittare una vettura speciale per poterla portare fuori a vedere il mare, per regalarle qualche attimo di sollievo. Poi più nulla.
«L'anno scorso i finanziamenti sono stati destinati ai malati di Sla, quest'anno con l'incremento dei fondi ci speravamo anche noi e invece la doccia fredda l'altra settimana al Caf: la nostra domanda era stata respinta. Ci sentiamo abbandonati e presi in giro. Mia madre nonostante tutte le nostre cure è in uno stato terribile, e noi con lei».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dmimmo

    24 Marzo 2018 - 07:07

    Questi dottori vanno radiati dall'albo dei medici.

    Rispondi