Domenica 20 Gennaio 2019 | 01:24

NEWS DALLA SEZIONE

L'incidente
Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

Carambola auto moto a Bari, 70enne schiacciata contro impalcatura

 
Dal 10 al 13 marzo
Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

Splash Festival: a Bari in scena la cultura del bere

 
Nel barese
Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

Cane fiuta droga in un locale a Casamassima, arrestato 22enne

 
A Bari
Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

Tenta di rubare l'auto a pensionato: furto sventato da cc fuori servizio

 
A Bari
Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

Rubano occhiali da centro commerciale: 3 arresti

 
Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
L'aggressione
Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

Bari, beccato senza biglietto sul treno delle Sud Est: aggredisce capotreno

 

Bari

Assunzione del boss all'Amiu
il pm concoca due sindacalisti

Sentiti dalla Procura di Bari come persone informate sui fatti nell’ambito della vicenda relativa a Franco Diomede. Al centro dell’indagine c'è infatti un accordo sindacale che avrebbe consentito l’assunzione del boss pur in assenza dei requisiti richiesti

amiu bari

BARI - Due sindacalisti baresi sono stati sentiti dalla Procura di Bari come persone informate sui fatti nell’ambito della vicenda relativa all’assunzione nell’Amiu del boss di Carrassi Franco Diomede. Al centro dell’indagine della Polizia, coordinata dal pm Antimafia Roberto Rossi, c'è infatti un accordo sindacale che avrebbe consentito l’assunzione del boss pur in assenza dei requisiti richiesti.

Nell’ambito di questo procedimento, nato da un’indagine sulle estorsioni ai commercianti del quartiere Carrassi di Bari da parte di esponenti del clan Diomede, la Procura ha iscritto nel registro degli indagati il presidente della municipalizzata barese che gestisce i servizi di igiene urbana e di racconta rifiuti, Gianfranco Grandaliano. È indagato per falso in atto pubblico e truffa aggravata dall’articolo 7 (aver cioè favorito un’associazione mafiosa) per aver firmato l’assunzione del boss sulla base di un accordo sindacale di cui tuttavia fra i documenti acquisiti non c'è traccia. Per questo motivo, dopo aver interrogato Grandaliano già due volte, la Procura ha convocato i sindacalisti.

L’obiettivo degli inquirenti è quello di ricostruire i passaggi burocratici che hanno portato a quella assunzione, in particolare il dettaglio del presunto accordo sindacale che avrebbe consentito di derogare alla richiesta anzianità di servizio (almeno 4 mesi che tuttavia il boss non aveva) per essere assorbiti nell’organico della municipalizzata prima, e poi in quello della cooperativa a cui l’Amiu ha affidato il servizio di gestione dei bagni pubblici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400