Mercoledì 23 Giugno 2021 | 13:15

NEWS DALLA SEZIONE

Spaccio
Davanti al Politecnico di Bari con la coca nascosta nella leva del cambio: arrestato

Davanti al Politecnico di Bari con la coca nascosta nella leva del cambio: arrestato

 
carabinieri
Braccianti sfruttati nei campi, operazione nel Barese

Braccianti sfruttati nei campi, operazione nel Barese

 
Orgoglio pugliese
Conversano, i giovani ingegneri di Nextome vincono il Mirabilia top of the Pid 2020

Conversano, i giovani ingegneri di Nextome vincono il Mirabilia top of the Pid 2020

 
economia
Bari e la super zona franca doganale: la grande scommessa

Bari e la super zona franca doganale: la grande scommessa

 
L'appuntamento
Città e futuro, Med 2021 sceglie Bari

Città e futuro, Med 2021 sceglie Bari

 
Il caso
Sospetta legionella all'Università: chiusa facoltà di Giurisprudenza Bari per analisi

Sospetta legionella all'Università: chiusa facoltà di Giurisprudenza Bari per analisi

 
La polemica
Chiusura della scuola «Del Prete»: adesso è scontro politico a Bari

Chiusura della scuola «Del Prete»: adesso è scontro politico a Bari

 
Il ritrovamento
Caduti dal nido, salvati dall’«angelo»: ad Adelfia tre uccelli superfortunati

Caduti dal nido, salvati dall’«angelo»: ad Adelfia tre uccelli superfortunati

 
Il gemellaggio
Putignano, i giganti di cartapesta incantano gli ospiti greci

Putignano, i giganti di cartapesta incantano gli ospiti greci

 
Il caso
Quegli esami per mio figlio con la sclerosi multipla

Quegli esami per mio figlio con la sclerosi multipla

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari in ritiro a Storo dal 16 al 30 luglio

Bari in ritiro a Storo dal 16 al 30 luglio

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceAttentato
Galatone, bomba carta danneggia un'abitazione disabitata

Galatone, bomba carta danneggia un'abitazione disabitata

 
PotenzaIl rapporto della Banca d'Italia
Potenza, economia in ginocchio per colpa del covid

Potenza, economia in ginocchio per colpa del covid

 
BariSpaccio
Davanti al Politecnico di Bari con la coca nascosta nella leva del cambio: arrestato

Davanti al Politecnico di Bari con la coca nascosta nella leva del cambio: arrestato

 
FoggiaClima torrido
Puglia bollente, a Loconia è record: 43,7 gradi. Foggia città più calda d’Italia con 41,3 gradi

Puglia bollente, a Loconia è record: 43,7 gradi. Foggia città più calda d’Italia con 41,3 gradi

 
TarantoIl caso
Ex Ilva: a Potenza l'avvocato Amara parla con i pm

Ex Ilva: a Potenza l'avvocato Amara parla con i pm

 
FoggiaLa sentenza
Foggia, estorsione all'imprenditore agricolo: quattro condanne in Appello

Foggia, estorsione all'imprenditore agricolo: quattro condanne in Appello

 
Brindisitask force anti-caporalato
Brindisi, imprenditore nei guai: extracomunitari assunti irregolarmente

Brindisi, imprenditore nei guai: extracomunitari assunti irregolarmente

 
MateraSport
Hockey, titolo italiano alle ragazze della Roller Matera

Hockey, titolo italiano alle ragazze della Roller Matera

 

i più letti

La spiaggia cittadina

Ricorso blocca assegnazione del bando per Torre Quetta, Decaro: «Ora nuove leggi». La replica degli ex gestori

Il sindaco: "Un nuovo ricorso del vecchio concessionario decaduto contro la gara ci impedisce di procedere serenamente all'aggiudicazione dei servizi"

Bari, dopo l'interdittiva antimafia un nuovo gestore per  Torre Quetta

Decaro a Torre Quetta

BARI - «Questo Paese, senza rinunciare a tutelare i soggetti privati e le imprese anche con meccanismi risarcitori, deve con urgenza individuare un compromesso con gli opportuni strumenti legislativi, in cui a prevalere sia l'interesse pubblico». Lo dichiara il sindaco di Bari e presidente Anci, Antonio Decaro, commentando la vicenda relativa alla concessione di una spiaggia barese, Torre Quetta, con riferimento alla quale gli uffici comunali hanno sospeso la procedura di aggiudicazione della concessione della spiaggia barese, prevista per oggi, dopo il ricorso presentato al Tar dal vecchio gestore, la società «Il Veliero». «Su Torre Quetta - dice Decaro - si sta consumando una vicenda assurda, che vede l’atteggiamento ostruzionistico di chi non si vuole rassegnare al fatto che la città deve andare avanti». Decaro spiega che il vecchio gestore «dopo essere decaduto dalla concessione per provate negligenze rispetto al contratto stipulato, dopo aver perso il giudizio con sentenza passata in giudicato, dopo essere stato raggiunto da una misura di interdittiva antimafia disposta dalla Prefettura, dopo non aver prestato la minima collaborazione nell’eliminare gli arredi installati, facendo così anticipare centinaia di migliaia di euro alla collettività, propone un ennesimo ostacolo giudiziario». «Attenderemo, con rispetto e fiducia, anche questo ennesimo giudizio su cui il Tar si esprimerà a breve nella fase cautelare - continua Decaro - . Però, devo confessare da amministratore una grande amarezza. Sento il dovere di consegnare ai miei cittadini la spiaggia più amata ma un privato, peraltro attinto da una misura interdittiva, ostacola, seppure con gli strumenti dell’ordinamento, questo dovere civile. In questo conflitto fatto di carte bollate, purtroppo a rimetterci sono i cittadini».

LA REPLICA - «La scomposta reazione del sindaco, di fronte al legittimo esercizio di un diritto e nell’evidente tentativo di condizionare le decisioni dei giudici, mi induce a rompere il silenzio nel quale mi ero finora sempre attenuta, nel profondo rispetto delle istituzioni e di tutti i provvedimenti sinora adottati dalla magistratura, ivi compresi quelli che l'amministrazione comunale continua pervicacemente ad ignorare». Lo dichiara in una nota Rosa Di Modugno, titolare della società "Il Veliero», replicando alle dichiarazioni del sindaco di Bari Antonio Decaro sulla vicenda relativa al bando per la gestione della spiaggia di Torre Quetta, che la società ha impugnato dinanzi al Tar. L'imprenditrice parla di «vicenda assurda» perché «tutte le pretese inadempienze strumentalmente contestate dal Comune di Bari sono state ritenute insussistenti e comunque inidonee a giustificare la decadenza della concessione di Torre Quetta» e perché «sono stata costretta a subire l’onta di una misura interdittiva, immediatamente utilizzata dall’amministrazione comunale per imbastire ulteriori provvedimenti di revoca delle concessioni demaniali». Interdittiva antimafia i cui effetti, ricorda la titolare, sono «stati sospesi dal Tribunale di Bari" con ammissione della società al controllo giudiziario. Inoltre «nel bando di gara per l’affidamento della nuova concessione di Torre Quetta - continua Rosa Di Modugno - è stata inserita una clausola destinata appositamente ad impedire la partecipazione alla mia impresa». «Nonostante l’intervento a gamba tesa del sindaco - conclude - , attenderò serenamente tutte le successive decisioni della magistratura e continuo a confidare nell’avvio di un dialogo costruttivo con l'amministrazione, nell’interesse dei miei dipendenti e di tutti i cittadini».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie