Venerdì 18 Giugno 2021 | 22:16

NEWS DALLA SEZIONE

L'iniziativa
Bari, al via i lavori per il parchetto dei cani

Bari, al via i lavori per il parchetto dei cani

 
Giustizia svenduta
Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione.

Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione

 
l'appello
Bari, «I medici accanto a studenti e docenti»

Bari, «I medici accanto a studenti e docenti»

 
formazione
I giovani e il lavoro dopo la laurea: il Politecnico di Bari sopra la media Italia

I giovani e il lavoro dopo la laurea: il Politecnico di Bari sopra la media Italia

 
Il caso
Bari, ospedale in Fiera, 500 ricoveri in 3 mesi

Bari, ospedale in Fiera, 500 ricoveri in 3 mesi

 
L'arresto
Bari, maltratta la compagna: fugge ma viene arrestato

Bari, maltratta la compagna: fugge ma viene arrestato

 
Il fatto
Bitonto, sequestro ad imprenditore che imponeva a ditte edili lavori in subappalto

Lavori in subappalto ad imprese edili,  sequestro di beni ad imprenditore bitontino

 
Diritti
Bari si mobilita per la Giornata mondiale del Rifugiato

Bari si mobilita per la Giornata mondiale del Rifugiato

 
Il fatto
Monopoli, nasconde droga nel manichino ma i carabinieri lo arrestano

Monopoli, nasconde droga nel manichino ma i carabinieri lo arrestano

 
Formazione
UniSalento, Ingegneria Civile torna a respirare in cantiere

UniSalento, Ingegneria Civile torna a respirare in cantiere

 

Il Biancorosso

verso il futuro
Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeCovid
Puglia, riunione d'urgenza per fronteggiare la variante indiana

Puglia, riunione d'urgenza per fronteggiare la variante indiana

 
LecceIl blitz
Carmiano, Faider fiuta la droga e scattano due arresti

Carmiano, Faider fiuta la droga e scattano due arresti

 
PotenzaMobilità
Potenza, verifiche sul Ponte Musmeci, traffico deviato

Potenza, verifiche sul Ponte Musmeci, traffico deviato

 
BariL'iniziativa
Bari, al via i lavori per il parchetto dei cani

Bari, al via i lavori per il parchetto dei cani

 
PotenzaL'emergenza
Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

Basilicata zona bianca: Speranza telefona a Bardi

 
Foggiail processo
Ucciso durante una rapina: Regione Puglia e associazione Panunzio parti civili

Ucciso durante una rapina: Regione Puglia e associazione Panunzio parti civili - Il 17enne confessa: «Non volevo ucciderlo»

 
BatGiustizia svenduta
Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione.

Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione

 
TarantoMonitoraggio
Taranto, in carcere 34 positivi ma uno solo è ricoverato

Taranto, in carcere 34 positivi ma uno solo è ricoverato

 

i più letti

La protesta

Bari, è guerra sul prezzo delle ciliegie: si moltiplica per 23 volte

Un coltivatore mostra una foto scattata a Lugano: 34,9 euro il kg

ciliege

BARI - Più su. Sempre più in alto. La ciliegia «Ferrovia» di Terra di Bari, acquistata a prezzi oscillanti fra 1,20 e 1,50 euro il chilo dai produttori, viene venduta sulle bancarelle di frutta e verdura di Lugano, in Svizzera, a 34,90 euro.
Non è fantascienza, è la realtà, come documenta la foto mostrata da Stefano Nanna, cerasicoltore di Casamassima.
«Lo scorso inverno - racconta - abbiamo avuto giornate di gelo e siamo stati costretti a trascorrere nottate accanto alle ciliegie accendendo i falò, per evitare che le piante a primavera non dessero frutti. Dopo tutto questo lavoro - si sfoga - adesso i grandi commercianti svalutano la frutta. La varietà Ferrovia ieri era quotata a 1,50 euro ma stamattina è scesa a 1,30 il chilo».
È pochissimo, tenuto conto che questa è la varietà più pregiata in assoluto: le altre sono vendute a un prezzo che varia da 60 a 80 centesimi.

Chiediamo quanto valga in realtà la «Ferrovia». «Tenga conto - è la risposta- che l’altra sera con i colleghi abbiamo scoperto che alla borsa merci della Camera di commercio di Bari la ciliegia Ferrovia è quotata 5,50 euro il chilo. Siamo rimasti a bocca aperta». Quattro euro di differenza, senza considerare i mercati del Nord e stranieri. «Guardi che la ciliegia ferrovia nel Nord Italia costa così tanto che è diventata appannaggio dei ricchi, ormai. Sulla bancarella a Padova un chilo costa 15 euro. Non tutti se lo possono permettere. Mio cognato vive a Cremona e ogni volta che deve comprare le ciliegie baresi ne prende appena 100 o 200 grammi, solo per il figlio. Adesso provvederò a spedirgli una cassetta. Ogni volta gli amici del Nord - continua Nanna - restano sbalorditi e mi chiedono come sia possibile che la ciliegia Ferrovia sia davvero bella, lucida, rossa, turgida».

Già, perché al Nord, sempre a sentire Nanna, arrivano ciliegie non di primissima scelta. Insomma, la frutta che viene svalutata e pagata a prezzi stracciati nei nostri centri qui al Sud, al contrario viene venduta a peso d’oro nell’Italia settentrionale o in Europa.
Anzi, adesso le ciliegie migliori sarebbero vendute in Germania e Svizzera lasciando in qualche caso altre di minor pregio al Nord Italia.
Torniamo alla immagine scattata a Lugano, Svizzera italiana, un’ora di auto da MIlano: un chilo di «Ferrovia» costa 34,90 euro. Per gli amanti delle cifre, il prezzo d’acquisto al produttore moltiplicato per 23 volte.
«Quando porto le mie ciliegie dal grande commerciante mi sento dire “questo è il prezzo se me la vuoi lasciare altrimenti vai dove vuoi” - incalza Nanna -. Ogni mattina i grandi commercianti della provincia di Bari si mettono d’accordo sul prezzo da imporre a noi produttori: non dobbiamo superare 1,50 euro il chilogrammo. Se il frutto è di calibro piccolo si scende anche a 1,20 euro».

Il messaggio sarebbe trasmesso dai grandi commercianti ai mediatori di paese dove i produttori conferiscono le ciliegie raccolte dall’albero. «Il mediatore paga - spiega il coltivatore - e la sera i grandi signori del commercio arrivano a Casamassima, pagano il mediatore, caricano i camion e trasportano nei depositi dove le operaie lavorano alla calibratura». Dall’azienda commerciale partono dei tir destinati al Nord Italia o agli altri Paesi europei.
«Sulle ciliegie insomma “mangiano” quattro figure, cioè il mediatore, il grande commerciante, l’autotrasportatore e il mercato di destinazione che la vende al consumatore. L’autotrasportatore viene pagato dal signore del commercio. Gli anelli deboli di questa catena sono i produttori e gli stessi consumatori che non possono pagare così tanto per un chilo di ciliegie».
Frattanto, l’eco della protesta dei cerasicoltori è giunto in Regione. Lunedì, 7 giugno, l’assessore Donato Pentassuglia e il presidente della commissione Sviluppo economico, Francesco Paolicelli, saranno in Municipio a Casamassima, alle 13, per dare luogo a un tavolo tecnico nel corso del quale affrontare la questione. L’iniziativa è promossa dal sindaco Giuseppe Nitti, che ha invitato a partecipare gli omologhi di Conversano, Rutigliano, Castellana, Turi e Sammichele, oltre al presidente Anci Puglia Domenico Vitto e alle associazioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie