Venerdì 30 Ottobre 2020 | 18:43

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Bari, scuole chiuse: appello da primaria «Non abbiamo fondi per pc e tablet»

Bari, scuole chiuse: appello da primaria «Non abbiamo fondi per pc e tablet»

 
Giustizia
Bari, sentenze tributarie pilotate: Corte d'Appello assolve commercialista

Bari, sentenze tributarie pilotate: Corte d'Appello assolve commercialista

 
nel Barese
Bitonto, migrante 21enne morì annegato: sepolto dopo un anno

Bitonto, migrante 21enne morì annegato: sepolto dopo un anno

 
nel Barese
Altamura, arriva il contapersone al cimitero: massimo 2000 ingressi in contemporanea

Altamura, arriva il contapersone al cimitero: massimo 2000 ingressi in contemporanea

 
La testimonianza
Ristoratore barese a Shanghai: «Il mio locale è pieno. In Cina virus domato»

Ristoratore barese a Shanghai: «Il mio locale è pieno. In Cina virus domato»

 
Indaga la Locale
Bari, frontale fra 2 auto: muore giovane papà, un ferito grave

Bari, frontale fra 2 auto: muore giovane papà, un ferito grave

 
attentato terroristico
Procura Bari collabora a indagine su attentatore tunisino di Nizza: sarebbe sbarcato da nave Rhapsody

Strage di Nizza, attentatore tunisino giunto su nave Rhapsody: Procura Bari apre inchiesta

 
Tragedia sfiorata
Bari follia in centro, donna ferita con un coltello: fermato presunto aggressore

Bari follia in centro, donna campana ferita col coltello: arrestato l'aggressore 32enne con problemi psichici

 
Giustizia
Bari, causa pandemia stop a tutti i processi con testimoni

Bari, causa pandemia stop a tutti i processi con testimoni

 
La nomina
Diocesi Bari-Bitonto, Monsignor Satriano sarà il nuovo arcivescovo

Diocesi Bari-Bitonto, Monsignor Satriano sarà il nuovo arcivescovo

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, Maita: «Foggia temibile, ma cerchiamo i tre punti»

Bari, Maita: «Foggia temibile, ma cerchiamo i tre punti»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Bari, scuole chiuse: appello da primaria «Non abbiamo fondi per pc e tablet»

Bari, scuole chiuse: appello da primaria «Non abbiamo fondi per pc e tablet»

 
PotenzaLe dichiarazioni
Coronavirus, Bardi: «In Basilicata i numeri sono ancora tollerabili»

Coronavirus, Bardi: «In Basilicata i numeri sono ancora tollerabili»

 
TarantoCoronavirus
Sindaco Taranto: via a test sierologico volontario per dipendenti comunali

Sindaco Taranto: via a test sierologico volontario per dipendenti comunali

 
FoggiaCoronavirus
Covid Foggia, focolaio in Rsa: 30 contagiati, 22 pazienti e 8 operatori

Covid Foggia, focolaio in Rsa: 30 contagiati, 22 pazienti e 8 operatori

 
Materala manifestazione
Matera, protesta contro Dpcm con megafoni e «croci»

Matera, protesta contro Dpcm con megafoni e «croci»

 
Brindisila ricerca
Chirurgo ospedale Brindisi dona plasma iperimmune: «Bel gesto nella lotta contro il Covid»

Chirurgo ospedale Brindisi dona plasma iperimmune: «Bel gesto nella lotta contro il Covid»

 
Covid news h 24sanità
Andria, emergenza Covid: Asl BAT assume 9 medici

Andria, emergenza Covid: Asl BAT assume 9 medici

 
Leccenel Salento
Gallipoli, circolo ricreativo resta aperto nonostante il dpcm: multa al titolare

Gallipoli, circolo ricreativo resta aperto nonostante il dpcm: multa al titolare

 

Agricoltura

Scende a 35 centesimi il prezzo del latte, allevatori pugliesi stremati

Impossibile farcela: l'appello di Coldiretti Puglia, «Si deve aggiungere il premio Qualità»

latte

Un conflitto che non finisce mai. La guerra tra Op, organizzazioni di produttori di latte, gli allevatori per intenderci, e le grandi aziende che raccolgono il prodotto per trasformarlo in mozzarelle, burro, formaggi, registra un’altra puntata. La notizia è di pochi giorni fa. Accade che Coldiretti Lombardia e Italatte, società di proprietà della multinazionale francese Lactalis e che in Italia raggruppa marchi storici del settore lattiero-caseario come Galbani, Invernizzi, Parmalat, Cademartori, stipulano un accordo per la fornitura di latte che prevede una riduzione graduale del prezzo alla stalla fino a 35 centesimi al litro entro la fine dell’anno.

Ma questo non è tutto. Il 1° aprile 2015, l’Unione europea poneva la parola fine alle «quote latte», ossia un limite alla produzione di latte per ciascun allevatore. In pratica, ogni Stato membro dell’Ue doveva produrre una quantità di latte prefissata e concordata. L’allevatore che, fino al 2015, produceva una quantità di latte oltre un valore soglia andava incontro a una tassazione. Questo regime ha termine il 1º aprile 2015. Con l’accordo raggiunto tra Coldiretti lombarda e Lactalis, a parere delle organizzazioni di produttori, si introdurrebbe in modo surrettizio il regime delle quote latte. L’accordo introduce un sistema di penali in caso di eccedenze di produzione nel periodo invernale, proprio quando le stalle producono tanto latte. In sostanza, una tassa pari a 6 centesimi al litro. Va detto, e gli stessi attori principali lo riconoscono, che la crisi economica legata al covid ha determinato una contrazione del consumo di latte e derivati per cui le imprese corrono ai ripari. Ovviamente la notizia sta facendo il giro del web e impazza sui gruppi social degli allevatori di terra di Bari. Le Op Produttori agricoli di Noci, Op Produttori Laterza, Op Produttori delle Murge Pugliesi e Op Parco Murgia latte sono sul piede di guerra. Ascoltiamo tutti i protagonisti della vicenda, un allevatore di Noci, un docente universitario e un agronomo, un componente del Cda di Granarolo Spa che risiede a Casamassima, Coldiretti Puglia.

«Si tenga conto che produrre un litro di latte in azienda costa già 40 centesimi tra foraggio, consumi di energia elettrica e altre spese vive. Mi devono spiegare come faccio a vendere un litro di latte a 35,5 centesimi. Non è immaginabile. Viene da pensare che qualcuno stia puntando a farci chiudere le aziende per impossessarsene a pochi spiccioli per trasformarle in filiere produttive su scala industriale come accaduto a grandi marchi». Enzo Roberto è un imprenditore agricolo di Noci, ha 50 ettari di terreno al confine tra Gioia e Laterza e circa 180 bovini da latte. In un gruppo whattsapp chiuso e ristretto agli allevatori esterna tutta la sua indignazione e parla senza mezzi termini di «dittatura nel settore lattiero-caseario». «Attualmente noi vendiamo un litro di latte a 40 centesimi al litro più la qualità ossia chi produce un latte di buona qualità riesce a vendere a 44 centesimi. Questi prezzi rivenienti dall’accordo sono dettati dal nulla. Non c’è nulla che abbia potuto provocare una riduzione. Lactalis si è accordata con Coldiretti Lombardia», sbotta. La sua organizzazione di produttori conta circa 60 aderenti. <<Questi squilibri non riguardano solo il settore lattiero-caseario ma anche il mercato del grano, tutto l’agro-alimentare>>. In concreto i suoi timori: <<entro il 15 ottobre, tutte le aziende compresa Granarolo, sono convinto che prenderanno spunto da Lactalis. Faccio presente che Granarolo è la seconda azienda italiana per volume di latte ritirato dagli allevatori. Vedrete che prenderà spunto da questa decisione e ridurrà il prezzo. In automatico, le strutture casearie più piccole del circondario vorranno pagare meno».

La sua rabbia: «Il produttore è quello che prende schiaffi, parliamoci chiaro. Alla fine il proprietario della stalla diventerà un dipendente di una multinazionale. Un grande imprenditore di Noci ha già acquistato due intere aziende più piccole che non ce l’hanno fatta a sopravvivere. Hanno venduto». Poi sulle quote latte: «Le hanno eliminate ma con questo accordo si impongono i quantitativi. Se nel 2020, faccio un esempio, un allevatore ha prodotto mille litri, nel 2021 non può produrne 1200 perché i 200 litri in surplus ce li pagano a un prezzo simbolico. Non sta né in cielo né in terra».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie