Martedì 24 Novembre 2020 | 02:32

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Covid, rientra l'allarme in casa di riposo ad Alberobello: ora solo 1 positivo

Covid, rientra l'allarme in casa di riposo ad Alberobello: ora solo 1 positivo

 
Da domani
Emergenza Covid ad Acquaviva una postazione drive-through per i tamponi

Emergenza Covid ad Acquaviva una postazione drive-through per i tamponi

 
Covid 19
Monopoli, sale a 15 il numero di anziani morti nella Rsa «Regina Pacis»

Monopoli, sale a 15 il numero di anziani morti nella Rsa «Regina Pacis»

 
La curiosità
Nuova sfida delle Grotte di Castellana i turisti saranno «presi per la gola»

Nuova sfida delle Grotte di Castellana i turisti saranno «presi per la gola»

 
Emergenza sanitaria
Diffusione Covid in Puglia, conoscere le cause per indicare gli strumenti di contrasto: esperti a lavoro

Diffusione Covid in Puglia, conoscere le cause per indicare gli strumenti di contrasto: esperti a lavoro

 
L'emergenza
Covid, alta incidenza contagi: sindaci di Acquaviva e Gravina chiudono scuole fino al 3 dicembre

Covid, alta incidenza contagi: sindaci di Acquaviva e Gravina chiudono scuole fino al 3 dicembre

 
Il caso
Bimba di Monopoli affetta da Sma: i dubbi degli esperti: «Da verificare l’efficacia dopo i 6 mesi di età»

Bimba di Monopoli affetta da Sma, i dubbi degli esperti: «Da verificare l’efficacia dopo i 6 mesi di età»

 
buona sanità
Bari, bimbo di 5 anni guarisce da Seu: mobilitati per 4 mesi dieci reparti del Giovanni XXIII

Bari, bimbo di 5 anni guarisce da Seu: mobilitati per 4 mesi dieci reparti del Giovanni XXIII

 
la seconda ondata
Covid, una strage silenziosa: in Terra di Bari oltre 300 morti

Covid, una strage silenziosa: in Terra di Bari oltre 300 morti

 
Il caso
Bari Semitech, arriva il fallimento: «Una fine quasi annunciata»

Semitech a Bari, arriva il fallimento: «Una fine quasi annunciata»

 
Il virus
Dal virus informatico alla pandemia Covid: ecco perché servono distanziamento e Dpi

Dal virus informatico alla pandemia Covid: ecco perché servono distanziamento e Dpi

 

Il Biancorosso

SERIE C
Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Covid 19, positiva addetta ai pasti: chiusa scuola dell'infanzia a Lecce

Covid 19, positiva addetta ai pasti: chiusa scuola dell'infanzia a Lecce

 
BariIl caso
Covid, rientra l'allarme in casa di riposo ad Alberobello: ora solo 1 positivo

Covid, rientra l'allarme in casa di riposo ad Alberobello: ora solo 1 positivo

 
FoggiaIl caso
Sparatoria in un quartiere popolare di Foggia: un ferito

Sparatoria in un quartiere popolare di Foggia: un ferito FOTO

 
TarantoL'evento
Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

 
BatA Barletta
Natale al tempo del Covid 19, Boccia: «Con 700 morti al giorno è fuori luogo parlare di cenoni»

Natale col Covid, Boccia: «Con 700 morti al giorno fuori luogo parlare di cenoni. Aree provinciali? Non cambia»

 
PotenzaIl caso
Potenza, i pilomat «vandalizzati» costano cari al Comune

Potenza, i pilomat «vandalizzati» costano cari al Comune

 
BrindisiVita amministrativa
Brindisi, bufera al Comune: sul bilancio Forza Itala e il Pd ai ferri corti

Brindisi, bufera al Comune: sul bilancio Forza Itala e il Pd ai ferri corti

 
Potenzadati regionali
Covid in Basilicata, 281 nuovi positivi su circa 2mila test durante il week end e altri 4 decessiA Matera tamponi drive in con la Marina

Covid Basilicata, + 281 positivi su circa 2mila test durante week end e + 4 decessi. A Matera tamponi drive in con la Marina

 

i più letti

CRIMINALITÀ

Bari, dopo il lockdown estorsioni a «basso costo»: piccoli tributi e piccole rate

La stagnazione delle attività economiche, a causa del lungo «coprifuoco,» ha messo in crisi interi settori gestiti dai clan. Gli episodi del San Paolo e di Santo Spirito sono solo la punta dell’iceberg

soldi

Crisi post pandemia e l’estorsione diventa «equa e solidale». La recessione dopo il lockdown sta mordendo alla gola l’economia e il commercio e cambiando il volto della Gomorra barese. Interi settori «produttivi» gestiti dai clan stentano ad uscire dall’immobilismo. E dopo la fase 3 ecco spuntare le estorsione a basso costo: piccoli tributi a piccole rate. La camorra barese ha capito che non conviene soffocare i «clienti» anzi approfittando della crisi di liquidità sta recitando il ruolo del benefattore, dello zio d’America. Poche centinaia di euro per volta, prestiti da restituire con cadenza più o meno regolare, un flusso modesto per ogni singolo versamento e senza una scadenza precisa, lasciando tutto nel vago.

Sistema «slow» Un sistema estorsivo ed usuraio «slow», che si propone come equo, solidale e sostenibile, nella logica del malaffare dal volto umano. Una strategia quella del «guinzaglio largo» per non soffocare i «clienti», dedicata in special modo a piccole imprese, botteghe artigiane, negozi, mini market. Le cose non stanno andando bene neppure per le famiglie di camorra più potenti, gli Strisciuglio, i Parisi, i Capriati, i Mercante-Diomede i Di Cosola.

I numeri Il distanziamento sociale ha provocato una flessione nell’andamento della delittuosità, riferita ai reati principali, che nel primo quadrimestre 2020 si è attestato al 31,17% rispetto allo stesso periodo del 2019. I casi di estorsione sono scesi del 23,44%. Da gennaio ad aprile le denunce sono state 49 rispetto alle 64 del primo quadrimestre dello scorso anno. La rilevanza del fenomeno è nei numeri evidenziati ad esempio dall’ultima relazione semestrale della Direzione investigativa antimafia. I casi segnalati in Puglia tra la il 2015 e il 2019 sono stati 4028 ed hanno portato alla denuncia o all’arresto di 4988 presunti ricattatori. In una immaginaria classifica dei reati più denunciati, l’estorsione viene dopo solo rapine e ricettazioni.

Di nuovo al lavoro La fine del coprifuoco ha riaperto i recinti e i clan, come già detto, sono tornati al lavoro ridimensionando però le loro pretese. Il racket delle estorsioni e dei prestiti a tassi usurai è un fenomeno criminale in significativa ascesa negli ultimi anni, soprattutto in alcune zone ad alta densità mafiosa, che garantisce introiti sicuri e rappresenta un valido strumento di fidelizzazione della clientela. Il fenomeno è sempre più esteso, sfaccettato e radicato e non mira ad entrare solo nei negozi e nei cantieri, ma anche nelle famiglie e nella vita personale dei singoli individui. Domanda e offerta si incontrano in vari modi. I protagonisti sono solo gli esattori dei clan ma ci sono anche piccoli criminali che a volte mantengono a volte millantano contatti con la grande criminalità organizzata. Cedere al ricatto in alcuni casi può voler dire finire in una specie di buco nero, capace di inghiottire interi patrimoni.

Il caso del San Paolo Ma c’è chi dice no. Come i gestori della «Pizzeria da Nicola» in Zona Cecilia, Nicola, Raffaele e Stanislao che si sono rifiutati di piegarsi all’estorsione denunciano i loro ricattatori. Sono diventati testimoni di giustizia, hanno venduto l’attività e ricominciato altrove la loro vita. Altri al San Paolo hanno avuto lo stesso coraggio: imprenditori edili, titolari di pescherie e autoricambi. Si sono rifiutati di pagare e hanno continuato a lavorare mentre chi li aveva minacciati è finito in carcere. Battere il racket si può anche se il fenomeno è molto radicato.

L’analisi Ci può essere estorsione ed usura senza mafia a Bari, ma non può esserci mafia senza racket. E non ogni forma d’estorsione e di usura è racket. Il racket del pizzo nella città dei 12 clan (la relazione semestrale della Direzione distrettuale antimafia inserisce nella categoria le famiglie di camorra Strisciuglio, Misceo, Mercante-Diomede, Fiore-Risoli, Anemolo, Di Cosola, Lorusso, Palermiti-Parisi, Di Cosimo-Rafaschieri, Capriati e Velluto, alcune in auge altre sul viale del tramonto) ha caratteristiche e regole che, lo distinguono dalle semplici attività estorsive. Regola prima. Il racket non ricatta «una tantum» ma secondo scadenze regolari (ogni mese, ogni cinque, con le feste comandate, Natale, Pasqua, Ferragosto). Regola numero due: «Pagare tutti per pagare meno», se in un quartiere ci sono cento esercizi commerciali, cento cantieri edili, la richiesta di pizzo non può essere fatta solo a dieci di loro. Regola numero tre. L’importo della «tassa» deve essere proporzionale alle dimensioni dell’impresa ricattata. I clan non possono fare a meno di queste entrate perché non possono fare a meno del racket. Il racket è il momento in cui si realizza l’identità della mafia e del mafioso, è l’essenza stessa della mafia: forza di intimidazione, carisma, potere di controllo.

L’infiltrazione Il problema per la vittima non è solo quello di cedere una parte del proprio reddito ma attraverso il pizzo e la restituzione del prestito, lasciare entrare la malavita in azienda. L’estorsore e il cravattaro possono a un certo punto avanzare altre pretese, magari chiedere di entrare in società con una quota di denaro sporco. Si crea così un secondo livello più profondo di contaminazione. Il passepartout utilizzato dalla malavita per entrare nel mondo della imprenditoria locale spesso è proprio il piccolo ricatto. «Le estorsioni - afferma la Dia - costituiscono a Bari ancora la più emblematica forma di controllo del territorio. Nel caso in cui sono riconducibili a bande di giovani delinquenti, vengono spesso realizzate in forma violenta, anche ricorrendo all’uso delle armi. Sostanzialmente diversi appaiono, invece, - spiegano gli analisti - i metodi adottati dai più alti livelli criminali, che mirano ad acquisire posizioni di monopolio o il controllo economico del territorio».

L’usura Il confine tra estorsione ed usura a volte è molto labile. Chi non versa la prima rata della protezione, deve versare la seconda con gli interessi che crescono per ogni ritardo di pagamento. E poi ci sono i dati. Nel bilancio delle imprese del commercio, sotto la voce «oneri fissi», insieme a taccheggio, furti e rapine ci sono anche e soprattutto estorsioni ed usura. Fenomeni criminali che continuano a pesare in maniera insopportabile sulla situazione patrimoniale, finanziaria ed economica del mondo del commercio barese. Stando ad una indagine della Confcommercio, realizzata con il supporto di GfK Italia (istituto di ricerca su mercato e consumatori) l'effetto di questi reati starebbe provocando sui fatturati delle imprese perdite di milioni di euro.

Imprenditori vittime La ricerca ha permesso di stabilire che ben il 58% degli imprenditori pugliesi e in particolare della provincia di Bari avrebbero avuto una esperienza diretta o indiretta con la criminalità (il dato nazionale è fermo al 23%). Il 40% dei baresi avrebbe percepito un peggioramento nei livelli di sicurezza, con il 61% convinto che i furti siano aumentati (rispetto al 47% nazionale). Il 43% avrebbe paura delle rapine (contro il 33% nazionale), il 26% dell'usura (18%), ben il 29% delle estorsioni (in Italia il dato è fermo al 16%). Tra i commercianti che hanno dichiarato di essere stati oggetto di minacce o intimidazioni dirette, in testa ci sono i gestori di negozi alimentari (1 1%) seguiti dai responsabili di pubblici esercizi con il 10 %, venditori ambulanti e benzinai.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie