Venerdì 18 Settembre 2020 | 15:42

NEWS DALLA SEZIONE

l'operazione
Coronavirus, poco rispetto delle norme: a Bari polizia setaccia la movida, sanzioni

Coronavirus, poco rispetto delle norme: a Bari polizia setaccia la movida, sanzioni

 
contratti
Policlinico Bari, stabilizzati 26 lavoratori precari

Policlinico Bari, stabilizzati 26 lavoratori precari

 
contagi
Coronavirus, focolaio a Polignano: sindaco rinvia apertura scuole

Coronavirus, focolaio a Polignano: sindaco rinvia apertura scuole

 
Il caso
Terlizzi, il giallo di Claudia «Una ricostruzione illogica»

Terlizzi, il giallo di Claudia: «Una ricostruzione illogica»

 
Ripartenza
Bari, troppa gente in giro senza protezioni: l’effetto movida ancora non si placa

Bari, troppa gente in giro senza protezioni: l’effetto movida ancora non si placa

 
controlli della Polizia locale
Polignano, positivo al Covid e in quarantena va al market: denunciato

Polignano, positivo al Covid e in quarantena va al market: denunciato

 
Economia
Popolare Bari verso convocazione assemblea nel fine settimana

Popolare Bari verso convocazione assemblea nel fine settimana

 
focolaio
Polignano, aumentano i casi di Coronavirus in città: sono 90, 4 ricoveri

Polignano, aumentano i casi di Coronavirus in città: sono 90, 4 ricoveri

 
contagi
Bari, nasce la prima centrale operativa per il controllo dell'epidemia da Covid-19

Bari, nasce la prima centrale operativa per il controllo dell'epidemia da Covid-19

 
verso le regionali
Coronavirus, a Bari elettori in quarantena chiedono di votare da casa

Coronavirus, a Bari elettori in quarantena chiedono di votare da casa

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, mister Auteri: «Esordio impegnativo in casa della Virtus Francavilla»

Bari calcio, mister Auteri: «Esordio impegnativo»
Marras: «Obiettivo promozione»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materal'iniziativa
Cinema: tutto pronto per la prima edizione del Matera Film Festival

Cinema: tutto pronto per la prima edizione del Matera Film Festival

 
BatIl caso
Canosa, «No a ristoranti o bar nell’ex Filantropica»

Canosa, «No a ristoranti o bar nell’ex Filantropica»

 
TarantoAmbiente
Taranto, impianti dell’Amiu. Regione in campo

Taranto, impianti dell’Amiu: regione in campo

 
BrindisiL'evento
Brindisi, per il «Giro d’Italia» del 9 ottobre scuole chiuse e viabilità modificata

Brindisi, per il «Giro d’Italia» del 9 ottobre scuole chiuse e viabilità modificata

 
Foggianel foggiano
Vieste: dieci migranti sbarcano all'alba sulla costa, ci sono anche bimbi piccoli

Vieste: dieci migranti sbarcano all'alba sulla costa, ci sono anche bimbi piccoli

 
PotenzaIl caso
Potenza, licenziato per il Covid . «È stato in Sardegna...»

Melfi, operaio licenziato perché ha preso il Covid: «È stato in Sardegna»

 

i più letti

il macchinario

Xylella, un getto di vapore per eliminare la sputacchina: progetto Uniba

Ideato dall'ateneo e dall’istituto di ricerca privato Dyrecta Lab di Conversano

xylella

Un macchinario, ideato dall’Università di Bari e dall’istituto di ricerca privato Dyrecta Lab di Conversano (Bari), promette di eliminare dal terreno, con un getto di vapore, le uova di sputacchina, l'insetto vettore del batterio Xylella che uccide gli ulivi. Il progetto è stato presentato questa mattina in conferenza stampa dal gruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, dal prof.Alessandro Massaro dell’Università di Bari che fa parte del gruppo di lavoro coordinato da Francesco Porcelli, docente di Entomologia del Dipartimento di Scienze del Suolo, della pianta e degli alimenti (DiSSPA), e da Angelo Maurizio Galiano, amministratore di Dyrecta Lab. Il macchinario, il cui costo varia dai 50 a 100mila euro, è in grado - secondo quanto riferito dai ricercatori - di ridurre sino al 99% le popolazioni dei vettori di Xylella fastidiosa pauca «in maniera sostenibile dal punto di vista economico e ambientale».

Esiste già un prototipo della macchina, brevettato a fine 2018, ed è stata realizzata già una fase di sperimentazione sul campo. Si tratta di un rimorchio da utilizzare tra febbraio e marzo, periodo di incubazione dell’insetto sul terreno. Secondo i dati delle prime sperimentazioni, il 99% delle uova del vettore vengono distrutte attraverso la vaporizzazione ad altissime temperature. Il macchinario prima analizza il terreno, dopo aver immagazzinato i dati necessari si passa alla fase del getto di vapore.

«Se necessario - hanno spiegato i ricercatori - possono essere utilizzati anche trattamenti diversi in base alla tipologia dei terreni, anche impiegando prodotti chimici ma solo se necessario». La meccanica della macchina è, quindi, costruita per distribuire una sequenza ravvicinata di fattori di mortalità che, se fossero rilasciati singolarmente, andrebbero applicati più volte. Il macchinario è in grado di «bonificare» sino a 3 metri al secondo di terreno. Il percorso compiuto dal macchinario viene tracciato con un Gps: la misura della strada percorsa è indipendente dalla velocità e regola precisamente le quantità da distribuire. Tutto questo è nell’ottica di limitare i costi di uso e di ottimizzare le dosi. Il macchinario può essere installato anche su furgoni per permettere ai Comuni di ripulire le cunette, luoghi rifugio per la deposizione delle uova della sputacchina. «La macchina è fatta per essere economica e sostenibile», hanno spiegato Galiano e Porcelli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie