Giovedì 14 Novembre 2019 | 11:43

NEWS DALLA SEZIONE

I dati
Acquaviva, al via "Radiografia del Cuore della Puglia": confronto tra 10 comuni

Acquaviva, al via "Radiografia del Cuore della Puglia": confronto tra 10 comuni

 
L'attacco
Il marittimo di Molfetta sparato in Messico sta bene: presto abbraccerà i familiari

Il marittimo di Molfetta sparato in Messico sta bene: presto abbraccerà i familiari

 
Periferie
Bari, San Girolamo di sangue 10 anni al killer di «la Befana»

Bari, San Girolamo di sangue 10 anni al killer di «la Befana»

 
Occupazione
Ex Om Carelli, Selektika investe 20 mln: impiego per 128 lavoratori

Ex Om Carelli, Selektika investe 20 mln: impiego per 128 lavoratori

 
Nel 2014
Bari, uccise pusher per droga non pagata: condannato 43enne. Favorì clan Strisciuglio

Bari, uccise pusher per droga non pagata: condannato 43enne. Favorì clan Strisciuglio

 
L'operazione della polizia
Bari, ruba scarpe da H&M e tenta la fuga: arrestato 35enne

Bari, ruba scarpe da H&M e tenta la fuga: arrestato 35enne

 
Il caso
Bari, truffò i suoi clienti: pena ridotta in appello per ex prof Uniba

Bari, truffò i suoi clienti: pena ridotta in appello per ex prof Uniba

 
La città a rischio
Bari, piazza Cesaree Battisti buia regno di spacciatori e baby gang

Bari, piazza Cesare Battisti buia regno di spacciatori e baby gang

 

Il Biancorosso

serie c
Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

Vivarini e il «modulo cangiante»: così il Bari diventa un'orchestra

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariI dati
Acquaviva, al via "Radiografia del Cuore della Puglia": confronto tra 10 comuni

Acquaviva, al via "Radiografia del Cuore della Puglia": confronto tra 10 comuni

 
PotenzaLa città che cambia
Potenza, riaperto al traffico il ponte di Montereale

Potenza, riaperto al traffico il ponte di Montereale

 
TarantoLa decisione
Medicina, borse di studio e incentivi economici per chi frequenta a Taranto

Medicina, borse di studio e incentivi economici per chi frequenta a Taranto

 
LecceL'evento
Lecce, il regista Ferzan Ozpetek «ambasciatore» dell’Unisalento

Lecce, il regista Ferzan Ozpetek «ambasciatore» dell’Unisalento

 
BrindisiOmicidio colposo
Francavilla, tubo lasciato nell’addome di un paziente, ma non da loro: assolti in 5

Francavilla, tubo lasciato nell’addome di un paziente, ma non da loro: assolti in 5

 
BatFatture inesistenti
Barletta, società cartiere di fatture false: 53 indagati

Barletta, società cartiere di fatture false: 53 indagati

 
FoggiaLotta alla droga
Vieste, in auto con 1 kg di cocaina purissima e 20mila euro: arrestato

Vieste, in auto con 1 kg di cocaina purissima e 20mila euro: arrestato

 
MateraIL Quirinale
Matera flagellata da maltempo, Mattarella chiama il sindaco

Matera flagellata da maltempo, Mattarella chiama il sindaco

 

i più letti

La cerimonia

Capurso, casa confiscata alla mala ora diventa mensa per i poveri

Ecco la seconda vita dei beni confiscati al clan Gallo, grazie al progetto RiCibiamo

Capurso, casa confiscata alla mala ora diventa mensa per i poveri

BARI -  Un progetto solidale per il recupero sociale di un bene confiscato alla criminalità organizzata. Giornata particolarmente significativa quella vissuta dalla comunità grazie a un progetto promosso dall’amministrazione comunale che ha consegnato ufficialmente un appartamento in largo Piscino 3, confiscato al clan Gallo, all’associazione «Civitas Mariae» per destinarlo a sede operativa del progetto «RiCibiamo».

Un’iniziativa partita come esperimento nel 2015 che ha subito avuto successo anche nell’ambito delle buone pratiche regionali. Una ridistribuzione dei pasti eccedenti nelle mense scolastiche (ma non solo) che finisce nella rete solidale locale per i cittadini in stato di necessità. Dal 2018 è coordinato dall’associazione di promozione sociale «Civitas Mariae» che ora ha anche una «casa» operativa. Alla cerimonia di consegna hanno preso parte, oltre al padrone di casa, il sindaco Francesco Crudele, il prefetto Marilisa Magno, il questore Giuseppe Bisogno, il colonello Fabio Cairo, comandante provinciale dei carabinieri, don Vito Piccinonna, direttore della Caritas diocesana, il sindaco di Triggiano Antonio Donatelli e quello di Cellamare Gianluca Vurchio, Michele Abbaticchio, quale vicepresidente di «Avviso pubblico», oltre a numerose autorità militari, religiose e rappresentanti dei consigli comunali e dell’associazionismo. Ha introdotto l’evento il giornalista Luca Basso per poi passare il testimone ad Antonio Stornaiolo (testimonial con Emilio Solfrizzi della campagna regionale contro lo spreco alimentare) che ha devoluto il suo gettone di presenza (un rimborso spese simbolico) in favore proprio della «Civitas Mariae», guidata da Michele Rizzo.

«RiCibiamo» è un progetto di rete tra i Comuni di Capurso, Adelfia, Triggiano e Cellamare, finanziato dalla Regione con un contributo di 50mila euro, metà dei quali destinati proprio al centro capursese. Al taglio del nastro, insieme con sindaco Crudele e prefetto Magno, anche il vicesindaco dei ragazzi Alessandro Mazzarano. A tutti i presenti è stata consegnata le maglietta celebrativa dell’evento, indossata con disinvoltura anche dal prefetto Magno, la quale si è augurata che «gli insegnanti spieghino agli alunni quello che oggi stiamo compiendo in un luogo restituito allo Stato e alla società». Anche il primo cittadino Francesco Crudele ha sottolineato la particolare valenza dell’evento sotto il profilo solidale e della legalità. Mediamente, ogni giorno sono almeno 40 i pasti recuperati dalle mense scolastiche e distribuiti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie