Giovedì 22 Agosto 2019 | 08:58

NEWS DALLA SEZIONE

Trasportato in codice rosso
Bari, bimbo di 3 anni scivola da scoglio e rischia di annegare: è grave

Bari, bimbo di 3 anni scivola da scoglio e rischia di annegare: è grave

 
Nel centro storico
Bitonto, scippa borsa ad anziana e fugge: arrestato 33enne

Bitonto, scippa borsa ad anziana e fugge: arrestato 33enne

 
Aperto il fascicolo
Polignano a Mare, minacce all’assessore: indagini dopo le dimissioni

Polignano a Mare, minacce all’assessore: indagini dopo le dimissioni

 
Lavori antichi
Santeramo, 22enne realizza un sogno: «manca il lavoro? Allora faccio il fornaio»

Santeramo, 22enne realizza un sogno: «manca il lavoro? Allora faccio il fornaio»

 
La testimonianza
Bari città turistica? «Qui è impossibile cambiare i miei franchi»

Bari città turistica? «Qui è impossibile cambiare i miei franchi»

 
il bilancio
Turismo a Bari, boom all'aeroporto: in 4 giorni 77mila passeggeri

Turismo a Bari, boom all'aeroporto: in 4 giorni 77mila passeggeri

 
Il caso
Grumo, autistico cade giù dal balcone, la sorella: «Era violento ma il 118 non lo ha fermato»

Grumo, autistico giù dal balcone, la sorella: «Era violento ma il 118 non lo ha fermato»

 
Polizia locale
Bari, sequestrati 70 chili di pesce e carne congelata in ristorante

Bari, sequestrati 70 chili di pesce e carne congelata in ristorante

 
In piazza Marena
Bitonto, bar incendiato due volte: il Comune sostiene raccolta fondi

Bitonto, bar incendiato due volte: il Comune sostiene raccolta fondi

 
Nodi critici
Crisi di governo, la Cgil lancia l’allarme Puglia: «Troppe vertenze aperte»

Crisi di governo, la Cgil lancia l’allarme Puglia: «Troppe vertenze aperte»

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, Antenucci il punto fermochi lo affiancherà domenica?

Bari, Antenucci il punto fermo, chi lo affiancherà domenica?

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaI controlli
Laghi di Monticchio, chiuso ristorante: aveva lavoratore in nero

Laghi di Monticchio, chiuso ristorante: aveva lavoratore in nero

 
TarantoDomenico Bello
Mottola, trovato morto dopo 9 giorni 32enne scomparso

Mottola, trovato morto dopo 9 giorni 32enne scomparso

 
MateraLe fiamme
Montescaglioso, incendio nei boschi domato con 20 lanci dei Canadair

Montescaglioso, incendio nei boschi domato con 20 lanci dei Canadair

 
BariTrasportato in codice rosso
Bari, bimbo di 3 anni scivola da scoglio e rischia di annegare: è grave

Bari, bimbo di 3 anni scivola da scoglio e rischia di annegare: è grave

 
LecceMusica
Notte Taranta, domani a Martano l'ultima tappa del festival itinerante

Notte Taranta, con Aqp il Concertone sarà più green e plastic free

 
BrindisiPoi donato in beneficienza
Brindisi, pesce troppo piccolo: sequestrati 120 kg dalla Guardia Costiera

Brindisi, pesce troppo piccolo: sequestrati 120 kg dalla Guardia Costiera

 
BatL'operazione dei cc
Trani, trovato con una pistola e 1,5 grammi di cocaina: arrestato

Trani, trovato con una pistola e 1,5 grammi di cocaina: arrestato

 
FoggiaL'idea di due gelatai
Zapponeta, per preparare gelati usano la bava di lumaca invece dell’acqua

Zapponeta, per preparare gelati bava di lumaca al posto dell’acqua

 

i più letti

La protesta dei bagnanti

Bari, fogna a Pane e Pomodoro: «Presto i lavori»

A dicembre la gara d’appalto dell’Acquedotto pugliese per risolvere il problema degli sversamenti della fogna nel tratto di mare cittadino con la previsione che i lavori termineranno entro la fine del 2023

Bari, fogna a Pane e Pomodoro: «Presto i lavori»

BARI - Ma si può mai vietare di fare il bagno per colpa della fogna a chi viene in vacanza a Bari dopo che «Lonely Planet», la rinomata guida viaggi, l'ha qualificata 5ª migliore meta europea per l'estate? E ai baresi, si può negare l'accesso alla costa sud della loro città?
La polemica è tornata d’attualità dopo la manifestazione di protesta organizzata sulla spiaggia libera comunale «Pane e Pomodoro» dal Comitato dei frequentatori del lido, i quali lamentano il sostanziale blocco del programma di lavori che elimini gli sversamenti dei liquami in quel tratto di mare dopo gli acquazzoni.

«Ho chiesto all’Acquedotto pochi giorni fa lo stato dell'arte del progetto che risolverà definitivamente i problemi della rete a monte della condotta Matteotti, quelli che ora ci costringono a vietare la balneazione a “Pane e Pomodoro” e a “Torre Quetta”. Mi hanno confermato che a dicembre parte la gara, i lavori dureranno circa tre anni dall'avvio dei cantieri».
Ad assicurarlo, dopo il sit-in, è il sindaco Antonio Decaro. «Non è con le polemiche che si raggiungono gli obiettivi, ma cercando le soluzioni ed i finanziamenti. E ora ci sono entrambi. La Conferenza di servizi si è conclusa, le nostre autorizzazioni ci sono tutte; il progetto ora è in validazione da parte di una società esterna milanese, ma i tempi sono confermati. D'altronde le polemiche vengono alimentate da chi lavorava nell'amministrazione comunale dell'epoca in cui “nacque” la spiaggia di “Pane e Pomodoro” (guidata all’epoca dall’attuale presidente dell’Acquedotto Pugliese, Simeone Di Cagno Abbrescia - n.d.r.)».
Va anche precisato che il sindaco «fissa» il termine lavori al 2023 mentre i contestatori parlano del 2026.

Le spiagge «Pane e Pomodoro» e «Torre Quetta» sono legate, alla lontana, da un simile destino: sono sorte entrambe laddove sversano a mare liquami. A «Pane e Pomodoro», in caso di acquazzoni si aprono le paratie e si scaricano a mare i liquami fognari che arrivano dalla condotta Matteotti. A Torre Quetta, gli sversamenti sono arrivati dopo la rottura dell'impianto di sollevamento fognario di Torre del Diavolo; nel mese di luglio, si è rotto per due volte a distanza di pochi giorni.
Che cosa accade in questi casi? Lo sversamento della fogna in mare fa scattare il divieto di balneazione con un'ordinanza emessa dal sindaco. È poi l'Arpa, l'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente, ad eseguire i campionamenti dell'acqua e a consentire nuovamente la balneazione quando i valori inquinanti non saranno più al livello di allarme.
Proprio a luglio, in occasione dello sversamento da Torre Quetta in poi, il sindaco Decaro ha fatto la voce grossa con l’Acquedotto pugliese: «Oggi stesso – scrisse Decaro in un post su Fb del 17 luglio - ho chiesto all’Acquedotto Pugliese di fare tutto quanto è possibile per impedire ulteriori sversamenti dall'impianto di Torre del Diavolo e contemporaneamente di accelerare il progetto finanziato con 29 milioni di euro per i lavori per risolvere definitivamente i problemi della rete a monte della condotta Matteotti, che mettono in crisi l'altra spiaggia cittadina, Pane e Pomodoro».

Il progetto che il sindaco chiede di accelerare rientra in una serie di lavori che Acquedotto e Comune hanno presentato assieme a maggio con un investimento totale di 125 milioni di euro. Oltre al potenziamento dei depuratori, 20 milioni di euro sono stati stanziati proprio per i progetti di prolungamento delle condotte sottomarine per allontanare le acque depurate dalla costa. Ma soprattutto, gli interventi di Aqp puntano a risolvere il problema «condotta Matteotti». Un primo intervento di 2,3 milioni di euro è stato già realizzato, sotto la spinta dell'amministrazione comunale e con Regione e Autorità Idrica Pugliese. È servito ad eliminare le interferenze dirette di fognatura nera con il canale «Picone» in varie vie della città. «Insistemmo noi per una video ispezione in quella zona. Ma il problema comunque fu risolto in parte, con una riduzione della carica batteriologica dei liquami» spiega Decaro.

Il secondo progetto, invece, è quello dei 29 milioni di euro al quale fa riferimento il sindaco nel suo «post». Riguarda una rivisitazione più strutturata delle reti fognanti di Carrassi, Picone e Madonnella.
«Un grande lavoro necessario e definitivo». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie