Venerdì 21 Giugno 2019 | 02:21

NEWS DALLA SEZIONE

A partire dalle 23
Bari, ponte di viale Traiano in attesa del collaudo: prova da carico nella notte

Bari, ponte di viale Traiano in attesa del collaudo: prova da carico nella notte

 
Calcio
Frode sportiva: la finanza nella sede del Bitonto e del Picerno

Combine Bitonto-Picerno: Gdf in sedi società, 8 indagati

 
«Bonsai sul ponte»
A Gravina i bonsai fioriscono nell’habitat rupestre

A Gravina i bonsai fioriscono nell’habitat rupestre

 
Il caso
Casamassima, tenta di rapire bimbo dall’auto del padre: preso

Casamassima, tenta di rapire bimbo dall’auto del padre: arrestato 34enne

 
Il forum della Gazzetta
Il Politecnico sceglie il rettore «Più fondi. E basta con i baroni»

Il Politecnico sceglie il rettore «Più fondi. E basta con i baroni»

 
Sere d'estate
Bari, anziani e karaoke: così ci si diverte a Pane e Pomodoro

Bari, anziani e karaoke: così ci si diverte a Pane e Pomodoro

 
Le indagini
Bari, bancarotta società Gruppo Degennaro: 4 indagati

Bari, bancarotta per la società Gruppo Degennaro: 4 indagati

 
Novità in città
Mercati settimanali, a luglio e agosto tornano le bancarelle serali

Mercati settimanali a Bari: a luglio e agosto tornano le bancarelle serali

 
Operazione della Dda
Scommesse in mano ai clan: a Crotone 11 anni a un barese

Scommesse in mano ai clan: a Crotone 11 anni a un barese

 
L'episodio
Bari, ruba bici e aggredisce proprietario con un bastone: arrestato tunisino

Bari, ruba bici e aggredisce proprietario con un bastone: arrestato tunisino

 

Il Biancorosso

Il mercato
Bari, quasi fatta per il portiere Frattali: viene dal Parma

Bari, quasi fatta per il portiere Frattali: arriva dal Parma

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatSolidarietà
Turbanti colorati per le donne oncologiche, la donazione a Bari

Turbanti colorati per le donne oncologiche, la donazione a Bari

 
PotenzaAmbiente
Eolico, il Governo impugna l'ultima legge della Basilicata

Eolico, il Governo impugna l'ultima legge della Basilicata

 
HomeL'incidente
Castellaneta Marina, scooter sbatte contro marciapiede: morto 30enne

Castellaneta Marina, scooter sbatte contro marciapiede: morto 30enne

 
TarantoToghe sporche
Rossi: «Le correnti non c’entrano. La colpa è dei personalismi»

Caos Csm, Rossi: «Le correnti non c’entrano. La colpa è dei personalismi»

 
BariA partire dalle 23
Bari, ponte di viale Traiano in attesa del collaudo: prova da carico nella notte

Bari, ponte di viale Traiano in attesa del collaudo: prova da carico nella notte

 
FoggiaElezioni
Università Foggia, si ritira candidato corsa a due per il rettore

Università Foggia, si ritira candidato corsa a due per il rettore

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, in giro con la droga nei pantaloni: arrestato 27enne

Carovigno, in giro con la droga nei pantaloni: arrestato 27enne

 
MateraSanità
Matera contro Policoro per il servizio di psichiatria

Matera contro Policoro per il servizio di psichiatria

 

i più letti

Libri

Per arginare il digitale? Basta la «parola»

La recensione del saggio della didatta barese Amalia Gisotti Giorgino

Per arginare il digitale? Basta la parola

La prima curiosità è la dedica. Recita così: «Ai giovani di oggi». Non è consueta, nelle dediche dei libri, un’attenzione così mirata, che travalica i propri affetti e il circolo ristretto delle amicizie personali. Ai giovani, al loro linguaggio, al loro costume relazionale, alla loro educazione nei rapporti interpersonali si rivolge, in effetti, Amalia Gisotti Giorgino nel suo saggio dal titolo programmatico Il valore della parola e il Web, pubblicato da Cacucci Editore.
Il libro vanta una presentazione preziosa a firma di Francesco Sabatini, presidente onorario dell’Accademia della Crusca, il quale introduce alla lettura sottolineandone gli aspetti pedagogici ed etici. L’Autrice infatti fa tesoro della sua lunga esperienza di docente nella scuola e poi anche nell’università e si concentra sui valori, sulle finalità del comportamento anche linguistico e sul sostanziale paradosso dell’era digitale: la dicotomia tra parola e strumento di divulgazione. Tutta la riflessione ruota intorno alla dimensione etica della parola e si concentra sulla persona e la sua dignità, tanto da estremizzare e persino condannare lo sviluppo talvolta distorto del digitale.


Prendendo atto – non senza disappunto – del «dominio incontrastato dell’informatica» ormai anche nella scuola, la Gisotti Giorgino insiste sulla padronanza della lingua perché la parola significa relazione. Ogni persona vive in relazione e il cammino educativo di ciascuno si sviluppa in un incontro appunto di relazione.
La famiglia e la scuola: ecco il versante etico e pedagogico nella educazione all’uso responsabile della parola perché la padronanza della parola, sia scritta sia orale, diventa strumento del dialogo nella relazione interpersonale. Articolata e severa la disamina della situazione al riguardo. Non si fanno sconti ai limiti educativi della scuola, che ormai sembra addirittura assecondare il primato del digitale, arretrando rispetto alle sue funzioni primarie: «La figura del maestro viene meno e con lui la relazione educativa», sentenzia l’Autrice. Il nuovo modello è l’universo digitale e la tecnologia – si sottolinea nel libro – non è più solo strumento. L’altro fronte è la famiglia, che lascia fare, lascia usare le tecnologie come nuova frontiera per il successo e l’affermazione di sé in una relazione. A farne le spese è anzitutto la lingua, non più concepita come «cemento di una comunità», ma anche la persona perché i social alla fine soddisfano il bisogno di autostima, di autorealizzazione, di sicurezza e di relazione con le conseguenze inevitabili dello stalking, del cyberbullismo, dell’analfabetismo emotivo. «È fallita oggi la comunicazione emotiva», chiosa la Gisotti Giorgino.


Non si tratta di posizionare Zuckerberg contro Gutenberg, cioè di riconoscere una contrapposizione epocale tra la parola relazionale (la scrittura, la lettura e quindi la letteratura, l’arte, la fantasia) e la parola digitale e perennemente connessa, quanto piuttosto di educare in maniera permanente all’uso degli strumenti informatici. Nessuna nostalgia per il passato pretecnologico, ma – questo l’obiettivo del libro – «riflettere sugli effetti collaterali che questo straordinario sviluppo può indurre nei più assidui consumatori, cioè le giovani generazioni». I social non sono demonizzati, ma sicuramente non sono esaltati; osannato è invece il modello pedagogico per così dire tradizionale, quello che educa alla lettura perché «non si può scrivere bene se non si legge» e che quindi rilancia esercizi definiti desueti: il dettato, l’analisi grammaticale, il riassunto. Tutte forme per resistere alla seduzione dell’informatica e imporre il primato della lingua, peraltro minacciata da eccessivi anglicismi. Di più: l’Autrice si dichiara apertamente contraria ai corsi universitari interamente in inglese, perché distingue la lingua della relazione da quella del lavoro. Auspica poi forme definite di corresponsabilità educativa tra scuola e famiglia e una formazione digitale riservata ai docenti.
La parola è dunque concepita come condizione di crescita umana e, proprio per questo, i cambiamenti che la tecnologia digitale produce soprattutto sui giovani riguardano la responsabilità etica e normativa. Suggerimento finale: «La tecnologia rimanga solo uno strumento e non un sistema di vita. E oserei dire – precisa la Gisotti Giorgino – uno strumento che all’uopo possa essere finalizzato ad accrescere la conoscenza della parola». Insomma, un libro controcorrente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie