Venerdì 23 Agosto 2019 | 00:58

NEWS DALLA SEZIONE

Bari, boss Montani torna in cella: sparò per vendicare morte del figlio

Bari, boss Montani torna in cella: sparò per vendicare morte del figlio

 
Operazione dei Cc
Poggiorsini, sfruttavano extracomunitari a 70 cent l'ora: arrestati due agricoltori

Poggiorsini, sfruttavano extracomunitari a 70 cent l'ora: arrestati due agricoltori

 
L'inchiesta
Bari e il turismo, viaggio fra info point chiusi o nascosti

Bari e il turismo, viaggio fra info point chiusi o nascosti

 
L'allarme
Bari, il racket distrugge due tendoni dell'uva. «Mandate l'Esercito»

Bari, il racket distrugge due tendoni dell'uva. «Mandate l'Esercito»

 
Trasportato in codice rosso
Bari, bimbo di 3 anni scivola da scoglio e rischia di annegare: è grave

Bari, bimbo di 3 anni scivola da scoglio e rischia di annegare: è grave

 
Nel centro storico
Bitonto, scippa borsa ad anziana e fugge: arrestato 33enne

Bitonto, scippa borsa ad anziana e fugge: arrestato 33enne

 
Aperto il fascicolo
Polignano a Mare, minacce all’assessore: indagini dopo le dimissioni

Polignano a Mare, minacce all’assessore: indagini dopo le dimissioni

 
Lavori antichi
Santeramo, 22enne realizza un sogno: «manca il lavoro? Allora faccio il fornaio»

Santeramo, 22enne realizza un sogno: «manca il lavoro? Allora faccio il fornaio»

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoInquinamento
Emissioni a Taranto, forse riaperte scuole ai Tamburi. Cisl: camino «fuma» ancora

Emissioni a Taranto, forse riaperte scuole ai Tamburi. Cisl: camino «fuma» ancora

 
PotenzaInquinamento
Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

Maratea, allarme liquami: nuovo stop bagni a Fiumicello

 
FoggiaLa condanna
Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

Foggia, 8 chili marijuana in frigo: patteggia due anni

 
BrindisiIl provvedimento
Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker

Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker
A Massafra in cella 46enne

 
LecceSalento e movida
Lecce, l'amarezza dei gestori delle discoteche dopo il blitz: noi estranei

Lecce, l'amarezza dei gestori delle discoteche dopo il blitz: noi estranei

 
MateraDalla Gdf
Matera, arrestato un uomo sulla 106: aveva 142 gramm di hashish

Matera, arrestato un uomo sulla 106: aveva 142 gramm di hashish

 

i più letti

Coincidenze politiche

Zingaretti e Vendola, a Bari comizi da separati in casa

Venerdì 17 maggio, i vecchi compagni della Federazione giovanile del Partito comunista italiano, Nicola Zingaretti e Nichi Vendola, si ritrovano a Bari. Per due incontri diversi, in due sale cinematografiche attigue l'Anche Cinema e il Galleria

Zingaretti e Vendola, a Bari comizi da separati in casa

Foto Viagginews

BARI - La politica è cinema. E coincidenze. Venerdì 17 maggio, i vecchi compagni della Federazione giovanile del Partito comunista italiano, Nicola Zingaretti e Nichi Vendola, si ritrovano a Bari. Per due incontri diversi, in due sale cinematografiche attigue, distanti solo alcune centinaia di metri. E già in questo c’è un richiamo a tutta la storia della sinistra, delle passioni e delle visioni che arrivano intatte dal Novecento.

Zingaretti, neosegretario del Pd, sarà all’ex Cinema Royal (ora AncheCinema), per presentare il capolista alle Europee, il magistrato Franco Roberti, con Michele Emiliano e tutta la classe dirigente dem. Vendola, icona della sinistra alternativa e mentore del progetto “La Sinistra” che riunisce Si, Rifondazione e associazioni, parlerà dal palco del cinema Galleria, con al fianco i candidati Paola Natalicchio e Sandro Fucito. I due compagni si ritrovano così vicini e allo stesso tempo divisi nel capoluogo pugliese, ma l’imbarazzo sarà tutto di chi - con il cuore che batte a sinistra - dovrà scegliere dove andare, non potendo replicare la forsennata ubiquità di Pippo Franco al derby di Roma, ne Il tifoso, l’arbitro e il calciatore (l’ex vendoliana Laura Boldrini, invece, a livello nazionale ha scelto di accomodarsi al Nazareno…).

Marciano divisi, dunque, Nicola e Nichi, per colpire uniti il populismo, e dare un segnale di riscossa proprio in Puglia, dove il messaggio identitario di Matteo Salvini ha messo radici e registra costanti avanzamenti nelle istituzioni e soprattutto nel tessuto sociale.

Nicola e Nichi, però, sono stati protagonisti di rilievo del fulgore romano della sinistra giovanile comunista (Vendola fu candidato alle politiche del 1987 in quota Fgci, ma non fu eletto). Quella generazione visse la Bolognina e il superamento della storia del Pci, con la svolta di Occhetto e la Rifondazione conseguente di Armando Cossutta, Ersilia Salvato, Lucio Libertini e Sergio Garavini. Nella Capitale si dipanò la storia di un movimento giovanile che sarebbe adesso indecifrabile agli occhi di un ventenne. Nella stagione dei paninari e del Commodore 64, come ha ricordato in un mirabile articolo Luca Telese, «Zingaro» fronteggiava con le armi della politica e una creatività irripetibile la rivalità con gli autonomi di Via dei Volsci. Il responsabile culturale del tempo nella Fgci era Nichi Vendola. Zingaretti era il teorico di una organizzazione capillare della struttura, aveva un rapporto costante con gli iscritti, Vendola era il seduttore immaginifico, con le metafore e la già raffinata narrazione progressista. Zingaretti fu il teorico delle prime liste aperte progressiste all’Università di Roma, con la formula «Di-a-da sinistra» che superava la tradizionale stella rossa, con l’obiettivo di arginare il centrodestra del tempo che vedeva insieme alla Sapienza i camerati di Fare Fronte, con la regia di Gianni Alemanno e del Fronte romano, e Comunione e Liberazione. Vendola consigliava buone letture «corsare» agli iscritti e metteva in imbarazzo l’ortodossia manifestando a Mosca per i diritti degli omosessuali.
Nicola e Nichi (ma con loro c’erano anche Franco Giordano che aveva una casa con Vendola, Stefania Pezzopane o il giovane militante Diego Bianchi in arte Zoro) furono testimoni di una metamorfosi della sinistra, che iniziava a guardare all’arcipelago dei diritti, agli immigrati (Zingaretti ebbe l’intuizione di inventare una sorta di dipartimento «Nero e non solo» dopo un soggiorno nella multietnica Parigi). 

Adesso Nicola e Nichi sono alle prese con discussioni ben differenti del posizionamento della Fgci sul Nicaragua e cercano di «dare un senso» alla sinistra sfrattata dai suoi inserimenti tradizionali dal «laburismo populista» di Salvini, ormai idolo incontrastato di masse di iscritti Cgil dopo l’approvazione di Quota 100. Dovranno, in conclusione, trovare la quadra per costruire una alternativa al governo giallo-verde e in questa direzione, come suggeriscono i compagni baresi di Piazza Grande, Nicola e Nichi, con il governatore pugliese Michele Emiliano, cercano di tracciare una nuova linea in un «campo largo progressista» nel quale ci sono anche ex berlusconiani, l’assessore regionale Leo Di Gioia che vota alle Europee la Lega, e le sirene di una intesa con i grillini. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie