Venerdì 24 Maggio 2019 | 10:49

NEWS DALLA SEZIONE

Nel barese
Santeramo in Colle: rapina 14 negozi, arrestato 50enne, incastrato da telecamere

Santeramo: rapina 14 negozi, incastrato da telecamere

 
Il candidato
Comunali, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

Comunali Bari, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

 
Con Mayo Clinic
Tumori fegato: ospedale Castellana avvia partnership in Usa

Tumori fegato: ospedale Castellana avvia partnership in Usa

 
Di Monopoli
Ingegneria, a Bari laurea honoris causa all'imprenditore Vito Pertosa

Ingegneria, a Bari laurea honoris causa all'imprenditore Vito Pertosa

 
L'intervista
«A giugno arriva un decreto contro le morti bianche»

«A giugno arriva un decreto contro le morti bianche»

 
Il naufragio
Naufragio Norman Atlantic: permanenza del relitto ha danneggiato porto Bari

Norman Atlantic, gup dice no a nuovo sequestro. Autorità: danni al porto

 
Ambiente
Yacht a energia pulita: nella gara a Monaco c'è un team barese

Yacht a energia pulita: nella gara a Monaco c'è un team barese

 
sud-est barese
Xylella, da osservatorio regionale nuova mappa aree a rischio

Xylella, da osservatorio regionale nuova mappa aree a rischio

 
L'operazione
Assalto in banca a Bari: polizia arresta 7 persone tra la Puglia, Roma e Napoli

Assaltarono bancomat e portavalori a Bari: 7 arresti tra Puglia, Roma e Napoli

 
La guardia costiera
Bari, sequestrati oltre 6 quintali di tonno: il pesce dato in beneficenza

Bari, sequestrati oltre 6 quintali di tonno: pesce in beneficenza

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeLa sentenza
Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

 
TarantoDalla polizia
Taranto, ferì uomo davanti a circolo, arrestato 27enne

Taranto, ferì uomo davanti a circolo, arrestato 27enne

 
BrindisiLa segnalazione
Brindisi: cous-cous a mensa, i genitori protestano

Brindisi: cous-cous a mensa, i genitori protestano

 
BariNel barese
Santeramo in Colle: rapina 14 negozi, arrestato 50enne, incastrato da telecamere

Santeramo: rapina 14 negozi, incastrato da telecamere

 
LecceMelendugno
Tap, su tracciato nuovo progetto spuntano coralli: verifiche

Tap, su tracciato nuovo progetto spuntano coralli: verifiche

 
FoggiaInnovazione
Foggia, la polizia locale diventa hi-tech: multe con il tablet

Foggia, la polizia locale diventa hi-tech: multe con il tablet

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 
PotenzaStatale 653
Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

 

i più letti

L'intervento

Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

Salti della quaglia e campagna acquisti nella campagna elettorale per Bari e per la Regione

Francesco Paolo Sisto

Francesco Paolo Sisto

Non c’è nulla di più vivo, di più eccitante per un pittore che mostrare i ritratti che ha dipinto, le persone che ha catturato sulle sue tele, come fossero straordinari trofei. Aggirarsi fra quei corpi, ammirare quelle facce, una volta vive, ora sue e soltanto sue, lo rivitalizza come un vampiro dopato dalle purpuree emoglobine degli altri. Così deve sentirsi Michele Emiliano, dopo le sue performance (battute di caccia?) nel centrodestra.

Guarda il profilo di Simeone di Cagno Abbrescia, da lui nominato presidente dell’Acquedotto, e dice all’ospite stupefatto: «Questo che vedi è stato il pupillo di Pinuccio Tatarella. Pensa: due volte sindaco di Bari del centrodestra, parlamentare berlusconiano, eppure sono riuscito a farlo mio.».

All’immancabile «oooh» del suo interlocutore, il Pittore Emiliano risponde schivo, mostrando, con orgoglio percepibile, il secondo ritratto. Un uomo scuro, dall’aspetto ferocissimo: «Questo è Massimo Cassano, rampollo di genesi democristiana, consigliere regionale e senatore fittiano, sottosegretario con Alfano, tornato da Berlusconi e ora è mio! Sono o non sono bravo?», ricordando la presidenza dell’Arpal con cui lo ha attirato nel suo studio.

Ma l’orgoglio dell’artista non si placa, la sua foga oratoria si avvia verso due immagini più piccole, su cui poggia, orgoglioso, gli occhi avidi: «Questi sono due giovani modelli recenti: Vicky De Martino, nato con Forza Italia e poi passato con Fitto e da me disegnato grazie a Schittulli (il suo ritratto l’ho messo in un’altra stanza, è un po’ démodé...); e questo, non ancora rifinito, è il bozzetto di Irma Melini, eletta con Forza Italia, nemica giurata di Antonio Decaro e della Sinistra per cinque anni, e oggi - con la tavolozza faccio miracoli! - in rampa di lancio quale mia sostenitrice!».

L’ospite è frastornato da questo Mandrake della pittura mercantile, capace di trasformare la politica, come un impianto di riciclaggio capovolto, da materia prima in rifiuto pericoloso.

Pericoloso soprattutto per noi baresi, per noi pugliesi. La campagna elettorale di Bari e quella per la Regione del 2020 sono progressivamente e inesorabilmente diventate una questione morale. La coppia di fatto Decaro-Emiliano, che simula litigi per poi viaggiare mano nella mano, va ripudiata: randomizzando i misfatti, da Cassa Prestanza (ne parlerà ancora la consigliera Melini?) alle primarie del Pd, dalle assunzioni in zona Cesarini all’Arpal alle tragedie della Sanità e della Xylella, dal waterfront di San Girolamo alla desertificazione di via Sparano, è fondamentale restituire dignità alla politica della città e della Regione, a prescindere dal colore e dall’appartenenza.

Come dimostrano i fatti e il tempo dei fatti, i due giocano con il potere e solo per il potere, portatori insani di una malattia che diventa epidemia non appena qualcuno intuisce un tornaconto, magari solo promesso. Dove sono la fede, la speranza, la carità, virtù teologali che in politica dovrebbero essere importate con gioia e trasparenza, e non solo quella dell’articolo 97 della Costituzione?

E voi della sinistra buona, i cosiddetti «mai con Cassano», che fate, assistete in silenzio, correi omissivi di queste condotte inedificanti? Continuate, imperterriti, a fiancheggiare questo scempio della cultura, della meritocrazia, della coerenza? Presenterete la vostra lista tappandovi, per il potere costituito, naso e bocca?

Che questione morale sia. Che i baresi e i pugliesi scelgano, liberamente, ma consapevoli che da chi ci amministra oggi tutto è stato travolto, con autoreferenzialità e disinvoltura. E che è necessaria una chiamata alle armi, non quelle insidiose del pittore «acquirente di anime», ma quelle leali dei patrioti senza interessi personali, per restituire a Bari e alla Puglia il maltolto di questi, lunghi, troppo lunghi, anni.

Francesco Paolo Sisto
*Deputato, Coordinatore di Forza Italia per Bari Città metropolitana

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400