Domenica 24 Febbraio 2019 | 02:46

NEWS DALLA SEZIONE

L'episodio
Black out durante la prima della Madama Butterfly a Bari, il cast rimane in scena senza luce

Black out durante la prima della Madama Butterfly a Bari, il cast rimane in scena senza luce

 
Nel Barese
Muri imbrattati a Giovinazzo, autori e genitori rimuovono le scritte

Muri imbrattati a Giovinazzo, autori e genitori rimuovono le scritte

 
Unioni civili
Bari, il primo divorzio gay: e il Comune istituisce nuovo «albo»

Bari, arriva il primo divorzio gay: Comune istituisce nuovo «albo»

 
Operazione della Gds
Grumo, crac da 3,1 al frantoio: sequestrati beni, nei guai padre e figlio

Grumo, crac da 3,1 al frantoio: sequestrati beni, nei guai padre e figlio

 
La nave è bloccata
Bari, mercantile si arena sulla barriera frangiflutti del lungomare VIDEO

Bari, mercantile si arena su lungomare: equipaggio abbandona la nave VD

 
La sentenza
Bari, offese tra ragazzi via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

Bari, offese tra ragazzini via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

 
L'impatto
Bari, incidente su viale Kennedy: ferita bimba di 3 anni

Bari, incidente su viale Kennedy: ferita bimba di 3 anni

 
Ambiente
Bari, 3500 ricci sequestrati e rimessi in mare dalla Guardia Costiera

Bari, 3500 ricci sequestrati e rimessi in mare dalla Guardia Costiera VD

 
Salute femminile
Acquaviva, l'ospedale Miulli "in Rosa": porte aperte per visite gratuite e consulti

Acquaviva, l'ospedale Miulli "in Rosa": porte aperte per visite gratuite e consulti

 
Tecnologia
È Turi la città con la differenziata più «smart» di Puglia: schizza all'82,32%

È Turi la città con la differenziata più «smart» di Puglia: schizza all'82,32%

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'episodio
Black out durante la prima della Madama Butterfly a Bari, il cast rimane in scena senza luce

Black out durante la prima della Madama Butterfly a Bari, il cast rimane in scena senza luce

 
FoggiaPrimarie
Foggia, il centrodestra si misura per scegliere il candidato sindaco

Foggia, il centrodestra si misura per scegliere il candidato sindaco

 
PotenzaVoto il 24 marzo
Basilicata al voto, in corsa 5 aspiranti Governatori: centrosinistra a rischio

Basilicata al voto, in corsa 5 aspiranti Governatori: centrosinistra a rischio

 
BrindisiSan Pietro Vernotico
Scontro frontale nel Brindisino: muoiono 3 persone

Scontro frontale nel Brindisino:
muoiono 3 persone

 
LecceNel Salento
Perde il controllo dell'auto sulla Taviano-Matino: muore una 28enne

Perde il controllo dell'auto sulla Taviano-Matino: muore una 27enne

 
MateraA Tokyo
Matera 2019, il debutto in Giappone: «Investire sulla cultura»

Matera 2019, il debutto in Giappone: «Investire sulla cultura»

 
BatDavanti alla stazione
Barletta, rumeni ubriachi aggrediscono agenti: uno va in carcere

Barletta, rumeni ubriachi aggrediscono agenti: uno va in carcere

 

Il bilancio

Bari, rifiuti abbandonati: incastrati i "furbetti" grazie alle fototrappole

Dall'inizio dell'anno elevate già 552 sanzioni

Bari, rifiuti abbandonati: incastrati i "furbetti" grazie alle fototrappole

Sono 552 le sanzioni elevate su tutto il territorio cittadino dall’inizio del 2019 nell’ambito delle attività di controllo svolte dalla Polizia locale per il corretto conferimento dei rifiuti e per il contrasto all’abbandono selvaggio degli ingombranti.

Nella maggior parte dei casi le multe riguardano cittadini sorpresi a conferire i sacchetti dell’indifferenziato fuori orario (187), ma non mancano i baresi che ancora si ostinano a non differenziare (140), a buttare per terra mozziconi di sigarette, cartacce e fazzolettini (22), a non raccogliere le deiezioni dei propri cani (10).

Un capitolo a parte è quello delle sanzioni comminate a persone non residenti a Bari che sfruttano i cassonetti su strada per liberarsi di rifiuti prodotti altrove: sono infatti 130 i residenti in Comuni limitrofi colti in flagranza dagli agenti.

Sebbene la tendenza sia in diminuzione rispetto al passato, dal 1° gennaio all’8 febbraio anche 11 titolari di utenze commerciali sono stati multati per non aver conferito gli imballaggi di cartone secondo quanto previsto dalla vigente ordinanza sindacale.

A questi numeri si aggiungono infine 12 sanzioni per abbandono di rifiuti ingombranti e 40 per abbandono stradale di sacchetti nei quartieri serviti dalla raccolta porta a porta.

Per contrastare comportamenti scorretti e monitorare le zone della città, segnalate sia dai cittadini sia dagli operatori Amiu, dove con maggiore frequenza si verifica l’abbandono illegittimo di rifiuti di ogni tipo, prosegue inoltre l’impiego di fototrappole, grazie alle immagini delle quali sono stati individuati 120 responsabili, singoli cittadini e piccole aziende.

Più di 50 delle 120 complessive sono state elevate al di sotto del ponte della stazione della Bari Nord Palese Macchie dove il lunedì e il giovedì sosta l’Igenio, il mezzo mobile di Amiu che funge da centro di raccolta multi-materiale. Mentre le altre foto trappole sono state posizionate presso il mercato di via Vaccarella a Carbonara, in strada San Giorgio Martire e in stradella San Pasquale.

“Nonostante anche i bambini ormai conoscano le poche regole per il corretto conferimento dei rifiuti - commenta l’assessore all’Ambiente Pietro Petruzzelli - sono ancora troppi i baresi che credono di poter evitare di fare la differenziata o di ignorare le fasce orarie individuate per il conferimento dell’indifferenziato. La stragrande maggioranza dei cittadini ci segnala singoli comportamenti scorretti chiedendoci di sanzionarli, perché le cattive abitudini di pochi, purtroppo, incidono concretamente sulla percezione generale di igiene e pulizia e sulla qualità dell’ambiente urbano. Abbiamo fatto grandi passi in avanti grazie all’impegno quotidiano degli agenti della Polizia locale e all’utilizzo delle fototrappole, con cui riusciamo a individuare molti di coloro che non rispettano le regole pensando di fare i furbi, ad esempio  abbandonando i rifiuti sotto il ponte di Palese Macchie dove, due volte a settimana, si posiziona il mezzo mobile di Amiu che funge da centro di raccolta. Il fatto, poi, che oltre un quarto delle sanzioni si debba al fenomeno della migrazione dei rifiuti, è particolarmente grave perché quella tipologia di sanzione non solo contribuisce al degrado ma comporta costi aggiuntivi per il servizio comunale in termini di smaltimento.

 

Per questo, per il rispetto che dobbiamo alla nostra città e a tutti i baresi che dimostrano senso civico e responsabilità, continueremo senza sosta a sanzionare i comportamenti scorretti”

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400