Domenica 18 Novembre 2018 | 21:15

NEWS DALLA SEZIONE

L'indagine
Qualità della vita, Bolzano al top: male il Sud, Bari 103esima

Qualità della vita, Bari scende al 103esimo posto, Potenza perde 20 posizioni

 
La polemica sui social
Tutti contro le luminarie di Polignano, i commenti social: «Andate a rubare a S. Nicola»

Polignano, pro e contro le luminarie: «Andate a rubare a San Nicola». «Non siete obbligati» VOTA IL SONDAGGIO

 
Nel rione San Paolo
«Comizio» a Bari con la pistola in mano: arrestato 29enne

«Comizio» a Bari con la pistola in mano: arrestato 29enne

 
Aria di Natale
Bari, in arrivo un giardino a forma di stella e i mercatini natalizi

Bari, in arrivo un giardino a forma di stella e i mercatini natalizi

 
settimana della Cucina italiana nel mondo
Emiliano vola in Albania per promuovere la Puglia «come stile di vita»

Emiliano vola in Albania per promuovere la Puglia «come stile di vita»

 
Il dossier del «Sole 24 Ore» con «Statista»
Il Gruppo pugliese Maiora e la Prestige S.r.l.tra le aziende «leader della crescita 2019»

Il Gruppo pugliese Maiora e la Prestige S.r.l.
tra le aziende «leader della crescita 2019»

 
Decisione della Cassazione
Bari, appalti truccati all'Arca: arresto bis per l'ex direttore

Bari, appalti truccati all'Arca:
arresto bis per l'ex direttore

 
A Bari
Sopralluogo di Decaro, a fine anno riapre il Teatro Piccinni

Sopralluogo di Decaro, a fine anno riapre il Teatro Piccinni

 
Nei guai un circolo nautico
Specchio d'acqua occupato abusivamente, sequestro a Mola

Specchio d'acqua occupato abusivamente, sequestro a Mola

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

La sentenza in appello

Bari, corniciaio ucciso, ribaltata la condanna per suocero: «Non commise il fatto»

In primo grado condannato a 16 anni, torna libero dopo 4 anni. L'omicidio avvenne nel 2014

toghe, avvocati

BARI - La Corte di Assise di Appello di Bari ha assolto «per non aver commesso il fatto», ribaltando la sentenza di primo grado, il 70enne Rocco Lagioia, imputato per l'omicidio volontario del genero, il corniciaio 38enne di Valenzano, ex testimone di giustizia, Alessandro Leopardi, ucciso nell’ottobre 2014 e il cui corpo fu ritrovato dopo alcuni giorni carbonizzato e ridotto in frammenti.

Nei confronti di Lagioia i giudici hanno disposto l’immediata revoca della misura cautelare degli arresti domiciliari, alla quale era sottoposto da circa un anno dopo quasi 3 trascorsi in carcere. Lagioia, difeso dagli avvocati Giancarlo Chiariello e Marianna Casadibari, era stato ritenuto inizialmente colpevole di omicidio volontario e occultamento di cadavere e condannato nell’ottobre 2017 dalla Corte di Assise alla pena di 16 anni di reclusione. In appello la procura generale aveva chiesto il riconoscimento dell’aggravante della premeditazione, esclusa in primo grado, e la condanna a 24 anni di reclusione.
Stando alle indagini dei Carabinieri, Leopardi sarebbe stato ucciso il primo ottobre 2014, la stessa mattina della scomparsa subito denunciata dalla moglie, poi il corpo bruciato e abbandonato in campagna alcune ore più tardi. Gli investigatori hanno ritrovato il suo corpo carbonizzato e ridotto in frammenti quattro giorni dopo, il 5 ottobre, in una campagna non lontana dalla sua abitazione.

I difensori dell’imputato hanno sostenuto l’assenza di tracce riconducibili alla vittima nel luogo in cui, secondo la ricostruzione accusatoria, era stata ammazzata dal suocero, contestando anche l’orario presunto della morte: non la mattina, come ipotizzato dagli inquirenti, ma nel primo pomeriggio, momento in cui l’imputato è dimostrato che fosse altrove.
I giudici hanno quindi revocato i risarcimenti danni nei confronti dei familiari della vittima costituiti parti civili, i figli minorenni, i fratelli i genitori. Le motivazioni della sentenza si conosceranno tra 90 giorni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400