Venerdì 21 Settembre 2018 | 23:49

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Impiegati chiusi in ufficio

Bari, centro per l'impiego sovraffollato:
«Gente viene per certificati inutili»

Code anche di 300 persone, è intervenuta anche la polizia per placare risse

Bari, centro per l'impiego sovraffollato: «Gente viene per certificati inutili»

(foto Luca Turi)

«Da qualche giorno viviamo come assediati all’interno dell’ufficio. La situazione è diventata insostenibile. Noi apriamo alle 9 ma già dalle 8-8,30 si creano lunghe code, anche di 250 persone. Ci sono stati giorni che abbiamo dovuto chiamare le forze dell’ordine perché sono scoppiate risse e sono intervenuti sia i Carabinieri, sia la Polizia». A parlare un impiegato del Centro per l’impiego di Bari: «Siamo presi d’assalto e il problema non accenna diminuire. Noi siamo praticamente quattro gatti e non ce la si fa più».
La carica di tutte queste decine di utenti al Centro per l’impiego (l’ex ufficio di collocamento per intenderci) è per chiedere due certificati che dovrebbero servire per permettere ai disoccupati di iscriversi ai prossimi corsi di formazione che la Regione sta varando.
«Queste persone arrivano e chiedono la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro – spiega l’impiegato -, si tratta del vecchio stato di disoccupazione per accedere alle agevolazioni del caso. Questo certificato siamo in grado di rilasciarlo in pochi minuti, il problema però è che tutti chiedono anche il patto di servizio e qui tutto si complica».
Il patto di servizio è una specie di «contratto» che il lavoratore, che si trova in stato di disoccupazione, sottoscrive con il Centro per l’impiego. Disciplinato dal decreto Jobs Act n.150, si ottiene alla fine di un percorso di orientamento, una serie di colloqui necessari per verificare lo stato di servizio e le esperienze del disoccupato e poterlo così avviare a tutte le iniziative necessarie per riportarlo nel mondo del lavoro, i laboratori e i corsi di formazione più utili per cercare di riqualificare il lavoratore stesso.
«Non è una certificazione che schiacci un pulsante e rilasciamo – sottolineano dal Centro per l’impiego – si deve fissare un appuntamento, fare un colloquio e poi si rilascia un profilo di occupabilità che fissa le competenze. Naturalmente quando cerchiamo di far capire questo concetto alle persone, spesso il nervosismo esaspera gli animi, ci accusano di essere degli sfaticati e non voler lavorare, mentre naturalmente non è così».
Ma perché questa corsa a chiedere tutta questa documentazione? «Il problema lo stanno creando gli enti di formazione che chiedono documenti inutili, almeno al momento. I corsi non stanno partendo. Dopo oltre due anni la Regione ha sbloccato le risorse per la formazione professionale e sta esaminando tutta una serie di progetti per la durata media di circa 210 ore. Chi viene da noi ci dice che seguirà corsi formativi in informatica, piuttosto che sartoria, lingue straniere, assistenza domiciliare, ma al momento gli enti vogliono solo accaparrarsi le preiscrizioni, perché i corsi non sono ancora stati approvati. Ci vorrà tempo perché l’iter regionale di verifica si completi ed altro tempo perché i corsi possano partire, ma nel frattempo le persone vengono tutte da noi per avere la documentazione inutile che gli enti chiedono. Cerchiamo di spiegare che non è obbligatorio presentare questo documento e sicuramente non ora, ma non vogliono sentire ragione. Tra l’altro oltre che alla nostra sede di via Devitofrancesco ci si può rivolgere agli altri centri per l’impiego in tutta la provincia, questo decongestionerebbe la nostra sede e sarebbe meglio anche per l’utente, ma in tutta risposta riceviamo solo grida ed accuse».
In questa situazione tutte le altre funzioni dell’ufficio sono come paralizzate. Il personale è interamente dedicato a disciplinare questo flusso continuo di persone.
«Quando si deve dar conto a 250-300 persone e siamo solo in quattro come si può pensare di far altro? È stato chiesto personale di rinforzo ma è rimasto tutto lettera morta. Ma la responsabilità è degli enti di formazione che millantano l’avvio di corsi, che non è sicuramente nell’immediato. Si tratta di corsi che per chi partecipa garantisce il contributo di 6 euro lordi ad ora, dopo anni che non se ne facevano più chiaramente l’assalto dei tantissimi disoccupati è anche comprensibile, ma noi siamo gravati da un carico di lavoro insostenibile e soprattutto in gran parte inutile, anche per gli utenti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

«Mai con Salvini» contro Casapound, rissa sfiorata nel quartiere Libertà

«Mai con Salvini» contro Casapound, rissa sfiorata nel quartiere Libertà

 
A Bari maxi delegazione da Mosca: incontro tra istituzioni e imprese

A Bari maxi delegazione da Mosca: incontro tra istituzioni e imprese

 
Scuola di Medicina Uniba, Al Bano alla cerimonia di inaugurazione

Scuola di Medicina Uniba
Al Bano alla cerimonia di inaugurazione

 
Bitonto, tentano furto in un centro deposito d'abbigliamento: tre arresti

Bitonto, tentano furto in un magazzino d'abbigliamento: tre arresti

 
Casamassima, anche se ai domiciliari spacciava cocaina: arrestato

Casamassima, anche se ai domiciliari spacciava cocaina: arrestato

 
Bari, arrestato a Madonnella 33enne armato: «Era pronto a sparare»

Bari, arrestato a Madonnella 33enne armato: «Pronto a sparare»

 
Ex Fibronit

Dopo la bonifica l'ex Fibronit
diventa il parco della gente

 
Vitali (FI): «Sull’ex senatore azzurroora la palla passa al partito nazionale»

Vitali (FI): «Sull’ex senatore azzurro ora la palla passa al partito nazionale»

 

GDM.TV

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale

Tuffi dalla scogliera, la finale a Polignano: lo spot è virale VD

 
Bari, arsenale d'armi sepolto nel terreno :sequestrate 6 pistole e 100 munizioni

Bari, scoperto arsenale sepolto in un terreno sulla statale 100 VIDEO

 
Palagiustizia, l'affondo di Bonafede«Falsità le accuse contro di me»

Palagiustizia, l'affondo di Bonafede
«Falsità le accuse contro di me»

 
Gli studenti del Poliba creano la PC5 2018 EVO: ecco la monoposto da corsa

Bari, la nuova monoposto da corsa
creata dagli studenti del Politecnico

 
I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: in arrivo la Red Bull Cliff Diving

I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: ecco la Red Bull Cliff Diving

 
La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

 
Pesca a strascico, il grande fratello inchioda 11 barche: in cella comandante di peschereccio

Pesca a strascico, multate 11 barche
in cella comandante di peschereccio

 
Fiera: gli spazi più amati dai 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento "military style" con l'esercito

Fiera: 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento «military style»

 

PHOTONEWS