Lunedì 02 Agosto 2021 | 07:01

NEWS DALLA SEZIONE

editoria
Da domani la Gazzetta si ferma

Da domani la Gazzetta si ferma

 
il punto
Le strategie dei partiti con la galassia dei no vax

Le strategie dei partiti con la galassia dei no vax

 
Il punto
La giustizia si riforma «solo» con l’armonia draghiana

La giustizia si riforma «solo» con l’armonia draghiana

 
Esperti a confronto
Bari, in città il futuro si chiama «mare»

Bari, in città il futuro si chiama «mare»

 
la riflessione
A che serve davvero il lasciapassare sanitario

A che serve davvero il lasciapassare sanitario

 
la riflessione
Quei cari banditori, altro che fake news

Quei cari banditori, altro che fake news

 
il punto
Se il vaccino diventa una questione politica

Se il vaccino diventa una questione politica

 
L'analisi
Mattarella, i suoi primi 80 anni e la partita quirinale

Mattarella, i suoi primi 80 anni e la partita quirinale

 
Il commento
Le notti magiche seduti sul divano di casa

Le notti magiche seduti sul divano di casa

 
La riflessione
Lo Stato dice ai giovani del Sud «Dovete emigrare»

Lo Stato dice ai giovani del Sud «Dovete emigrare»

 
il punto
Quell’inferno cantieri sulla via delle vacanze

Quell’inferno cantieri sulla via delle vacanze

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

 
PotenzaLa curiosità
È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

 
MateraEditoria
Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

 
TarantoEditoria
Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

 
BariIl caso
Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

 
Homeeditoria
Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

 
Foggianel foggiano
I carabinieri salvato il gatto dal fuoco

I carabinieri salvano il gatto dal fuoco

 
Batcontrolli sul litorale
Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

 

i più letti

L'editoriale

Con o senza mascherina, il tempo libero è tornato

Andare o restare? Viaggiare o stazionare? Sarà opportuno raggiungere un «altro» luogo oppure, presi dal timore di contagi, dobbiamo restare nella nostra tana?

Lecce, il Covid «cancella» i turisti stranieri

Ma ora che l’Italia risorge al primo week end di bianco totale, ora che pregusta altri canti liberatori per la Nazionale, quali sono gli interrogativi del dopo-pandemia? Se i politici litigano sullo stato d’emergenza, se i virologi disputano sulle dosi eterologhe del vaccino, la gente pensa alle vacanze. La parola vuol dire vuoto, distrazione, divagazione, assenza di impegni, sospensione di preoccupazioni. Sicché, per quanto aumenti la miseria e diminuiscano le aspettative di vita, nei bilanci si impone il quesito: cosa e come potrò fare in estate? Andare o restare? Viaggiare o stazionare? Sarà opportuno raggiungere un «altro» luogo, allontanarsi dalla propria abitazione per visitare un’altra città, paese, continente? Oppure, presi dal timore di contagi, dobbiamo per precauzione risiedere, restare nella nostra tana? Oppure ancora, eleggere una seconda casa a isola felice del compromesso?


Circa 2 italiani su 3 andranno in vacanza nei prossimi mesi. I più resteranno nei patrii confini. Come per l’80% dei turisti è accaduto nell'estate 2020. E per il 2021? Grazie alla campagna vaccinale e al green pass, le mete possibili del Vecchio continente si moltiplicano: dai paesi dell’UE a Islanda, Norvegia, Gran Bretagna, Irlanda del nord, Svizzera ecc.
Importante è sciamare. L’imperativo non si cura di green pass o mascherine, richiami e varianti. Né della «libertà di respiro». Al massimo, fa i conti con i bilanci delle famiglie. Perché le vacanze sono entrate a pieno diritto nel paniere della vita. Comprometterle sarebbe un altro colpo duro all'economia e alle due leve della modernità: il movimento e il tempo libero.
Il primo è una conquista troppo grande, che esprime la voglia dell’uomo di conoscere, di vivere, di sperimentare. Ma anche il tempo libero è voglia di essere: leggere, scrivere, chiacchierare, ascoltare, passeggiare, giocare, praticare uno sport, un’amicizia, un hobby. Tutto questo, in un breve volgere, non è stato più o, meglio, non è apparso più come tale.
Per diverse ragioni. Ce lo siamo in parte negato perché soffocati dal mal di Covid, che ci risospinge dentro. Un po’, però, ce l’hanno sottratto. Oppure ce l’hanno vietato o ne hanno «raccomandato» un uso parco.


Il tempo libero, che la distanza sociale e i principi di precauzione hanno circoscritto e costretto al lumicino, è stata una conquista della epopea del lavoro, che ai momenti liberati dalla fatica riserva quel sovrappiù da consumare.
In principio c’era il loisir, il piacere, come lo chiamano i francesi. Il tempo libero è il «surplus proletario», in questi anni goduto a piene mani, segno di una crescita e di un benessere economici e psicologici non indifferenti e della conquistata capacità di saper fruire di altri beni che non siano quelli indispensabili alla nostra sussistenza. Il tempo libero è diventato una pietra miliare della democrazia, un prerequisito a nessuno negato.


In pochi mesi però abbiamo dilapidato il vantaggio di una civiltà e di culture che si erano prima tutelate dai disastri e dalle rovine delle guerre con il welfare state e poi si erano distese e arrotolate sui consumi. L'uno e gli altri sembrano svaniti in una economia della sopravvivenza in cui intravediamo dei rimbalzi, ma in un mix letale, in cui fanno capolino redditi di emergenza, sussidi, provvidenze, ristori.


Ma non è tempo di necrologi. Semmai di riconquista e di riconoscimenti. A cominciare da quelle che appaiono le due categorie più deprivate di movimento e tempo libero: i giovani e gli anziani. Ai primi abbiamo negato l’adolescenza, sospiri, incontri, sguardi, relazioni. Ai secondi la terza età, carezze, sorrisi, serenità. Agli uni e agli altri dobbiamo augurare che la risorgenza sia cauta e misurata. Per una ripresa economica e un ristoro fisico-morale di tutti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie