Giovedì 24 Giugno 2021 | 04:34

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Quegli esami per mio figlio con la sclerosi multipla

Quegli esami per mio figlio con la sclerosi multipla

 
La riflessione
La riforma della giustizia e la solitudine della ministra

La riforma della giustizia e la solitudine della ministra

 
L'analisi
Se il liberi tutti mette fine all'alleanza anti Covid

Se il liberi tutti mette fine all'alleanza anti Covid

 
La riflessione
La burocrazia non muore mai anche ai tempi della «SPID»

La burocrazia non muore mai anche ai tempi della «SPID»

 
La riflessione
Occorre seminare oggi per il turismo di domani

Occorre seminare oggi per il turismo di domani

 
L'analisi
Il messaggio dell’Europa normalizzata da Mario

Il messaggio dell’Europa normalizzata da Mario

 
L'editoriale
Con o senza mascherina, il tempo libero è tornato

Con o senza mascherina, il tempo libero è tornato

 
La curiosità
Se i candidati alla maturità sbagliano... mascherina

Se i candidati alla maturità sbagliano... mascherina

 
il punto
Il ritorno del tricolore per gli azzurri e per tutti noi

Il ritorno del tricolore per gli azzurri e per tutti noi

 
L'analisi
Guelfi bianchi e guelfi neri quella lezione dimenticata

Guelfi bianchi e guelfi neri quella lezione dimenticata

 
L'analisi
Coprifuoco finito, riecco tutti i mali del sabato sera

Coprifuoco finito, riecco tutti i mali del sabato sera

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, riuscito l'intervento per Andreoni

Bari calcio, riuscito l'intervento per Andreoni

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'incidente
Foggia, scontro tra due auto in viale Kennedy: ci sarebbero dei feriti

Foggia, scontro tra due auto in viale Kennedy: ci sarebbero dei feriti

 
TarantoLa protesta
Ex Ilva, sit-in degli ambientalisti, sulle t-shirt lo slogan: «I bimbi Taranto vogliono vivere»

Ex Ilva, sit-in degli ambientalisti, sulle t-shirt lo slogan: «I bimbi Taranto vogliono vivere». Sindacati: «Cig non idonea, presidio il 2 luglio»

 
Bari
Terlizzi, aggredì un vigile dopo la multa: commerciante ai domiciliari

Terlizzi, aggredì un vigile dopo la multa: commerciante ai domiciliari

 
PotenzaIl blitz
Vietri di Potenza, in casa munizioni, pistola e fucile: un arresto

Vietri di Potenza, in casa munizioni, pistola e fucile: un arresto

 
PotenzaCovid
Basilicata, 13 positivi su 684 tamponi analizzati

Basilicata, 13 positivi su 684 tamponi analizzati

 
BrindisiTesori dimenticati
«Il castello di Oria va restituito alla comunità»

«Il castello di Oria va restituito alla comunità»

 
LecceAttentato
Galatone, bomba carta danneggia un'abitazione disabitata

Galatone, bomba carta danneggia un'abitazione disabitata

 

i più letti

Il punto

Il Quirinale val bene la mossa dei sovranisti

Il primo dato politico è che, almeno stando ai numeri, il sovranismo italiano scoppia di salute grazie anche alla tenaglia (involontaria?) in cui ha stretto le forze moderate e progressiste

Il Quirinale val bene la mossa dei sovranisti

Si prepara a governare l’Italia, Giorgia Meloni. L’ha detto lei stessa, forte dei sondaggi che la danno lanciata - oltre Pd e M5S - all’inseguimento di una Lega da tempo in odor di flessione elettorale.
Il primo dato politico è che, almeno stando ai numeri, il sovranismo italiano scoppia di salute grazie anche alla tenaglia (involontaria?) in cui ha stretto le forze moderate e progressiste: il Carroccio «dentro» a rappresentare nella maggioranza la foga aperturista dei ceti produttivi settentrionali. Fratelli d’Italia fuori, da monopolista dell’opposizione. Si sovrappongono voci e contenuti, a volte, ma non i ruoli e così l’uno perde poco e l’altra cresce tanto. Ma tutti e due sperano in una sola cosa: il voto anticipato.
Quasi un’ovvietà per la Meloni che nulla deve all’esecutivo Draghi verso il quale non ha responsabilità né debiti. Diverso il discorso per Matteo Salvini che nel Governo c’è stato dal primo momento e che continua a difendere la propria strategia «entrista» nonché ad accarezzare (politicamente) il premier Mario Draghi, concedendosi licenze polemico-poetiche solo verso gli avversari storici. Che, poi, sono tutti gli altri.

E allora ecco la domanda delle domande: come fare a tornare al voto senza strappare con l’ex governatore Bce? Cosa che, oltretutto, non sortirebbe alcun effetto poiché i numeri leghisti non sono determinanti per la tenuta del governo. Di uscire non se ne parla, di convincere gli altri a strappare nemmeno. Dunque, Salvini ha in mano una sola carta: accompagnare il presidente del Consiglio, e pure con tutti gli onori, verso la meta aurea del suo pur breve percorso politico, il Quirinale. La data da cerchiare sul calendario è il febbraio del 2022, ma se potesse, Salvini lo farebbe domani mattina. È l’unico modo per ottenere il risultato sperato senza attendere la scadenza naturale del 2023. A quel punto si tratterebbe di capire solo chi fra lui e la Meloni - in tandem elettorale pressoché autosufficienti - potrebbe guidare il centrodestra nella battaglia campale. Anche qui al Matteo leghista conviene stringere i tempi per presentarsi all’appuntamento con percentuali superiori alla concorrenza interna, in ossequio a quella regola aurea del centrodestra per cui chi ha più voti guida il cocchio e gli altri si accomodano dietro. Se Forza Italia seguirà i due o si ritaglierà uno spazio più centrista lo si vedrà in seguito soprattutto con l’evolvere della complessa partita locale cui i destini nazionali sono sempre collegati («governiamo insieme in Regioni e Comuni importanti, non possiamo rompere l’alleanza», è il refrain che circola implacabilmente in tempi di strappi).

Dall’altra parte, cioè nell’area progressista, la speranza è esattamente quella opposta e cioè tenere in vita il governo Draghi il più a lungo possibile proprio per impedire ai sovranisti di tentare l’assalto elettorale. Il piano potrebbe non essere così difficile da indovinare: convincere Sergio Mattarella a «tirare» per un anno oltre il settennato, cioè fino alla scadenza naturale della legislatura, permettendo al premier di rimanere al proprio posto. Come giustificare la proroga? Gettando sul tavolo verde del dibattito l’asso delle riforme da mettere in cassaforte - con mano autorevole e amica (di Bruxelles) - nei tempi stabiliti. Ragioni di quasi «emergenza» nazionale, quindi, che motiverebbero a priori l’irrituale proroga per poi lanciare Draghi al Quirinale nel 2023, sperando che nel frattempo i sovranisti si siano sgonfiati e che tutti i guai interni a Partito democratico e Movimento 5 Stelle si siano in qualche modo risolti. Insomma, una sorta di «semestre bianco permanente» per evitare di far saltare il tappo.
Chi pensa che la politica dorma beata sotto la coperta del Covid si sbaglia di grosso. La madre di tutte le battaglie è appena ai suoi esordi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie