Venerdì 18 Giugno 2021 | 16:29

NEWS DALLA SEZIONE

L'editoriale
Con o senza mascherina, il tempo libero è tornato

Con o senza mascherina, il tempo libero è tornato

 
La curiosità
Se i candidati alla maturità sbagliano... mascherina

Se i candidati alla maturità sbagliano... mascherina

 
il punto
Il ritorno del tricolore per gli azzurri e per tutti noi

Il ritorno del tricolore per gli azzurri e per tutti noi

 
L'analisi
Guelfi bianchi e guelfi neri quella lezione dimenticata

Guelfi bianchi e guelfi neri quella lezione dimenticata

 
L'analisi
Coprifuoco finito, riecco tutti i mali del sabato sera

Coprifuoco finito, riecco tutti i mali del sabato sera

 
il punto
Il patriottismo «dolce» e l’amara odissea di due pugliesi

Il patriottismo «dolce» e l’amara odissea di due pugliesi

 
L'analisi
Gigi Riva, l’omaggio

Gigi Riva, l’omaggio

 
la riflessione
Se l’Italia chiude il corridoio della Cina verso l’Europa

Se l’Italia chiude il corridoio della Cina verso l’Europa

 
Dopo i fatti di Melfi
Dal linguaggio violento alla violenza politica

Dal linguaggio violento alla violenza politica

 
Taranto in C
La rinascita di una città ha a che fare con lo sport

La rinascita di una città ha a che fare con lo sport

 
L'editoriale
Una riforma della giustizia per ridare fiducia ai cittadini

Una riforma della giustizia per ridare fiducia ai cittadini

 

Il Biancorosso

verso il futuro
Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl Bollettino
Potenza, 14 positivi su 660 tamponi esaminati

Potenza, 14 positivi su 660 tamponi esaminati

 
LecceLa tragedia
Surbo, intrappolato tra le fiamme: muore 64enne

Surbo, intrappolato tra le fiamme: muore 64enne

 
BatGiustizia svenduta
Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione.

Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione

 
BatLa curiosità
Barletta, la chiesa di Sant'Andrea come non la avete mai vista

Barletta, la chiesa di Sant'Andrea come non la avete mai vista

 
MateraIl caso
Matera, donna di 90 anni truffata dal finto nipote del cuore

Matera, donna di 90 anni truffata dal finto nipote del cuore

 
FoggiaLa storia
Foggia, poliziotto accompagna all'altare una nigeriana che salvò 23 anni fa

Foggia, poliziotto accompagna all'altare una nigeriana che salvò 23 anni fa

 
Brindisinel brindisino
Oria, furgone in retromarcia senza freni: tragedia sfiorata

Oria, furgone in retromarcia senza freni: tragedia sfiorata

 
TarantoMonitoraggio
Taranto, in carcere 34 positivi ma uno solo è ricoverato

Taranto, in carcere 34 positivi ma uno solo è ricoverato

 

i più letti

L'analisi

Il ruolo degli (ex) Populisti nel «Romanzo Quirinale»

L’anomalia repubblicana sarà che il pallino non sarà in mano al partito che alle ultime politiche ha raccolto il primato dei voti

Si discute di Palazzo Chigi ma si pensa  al Quirinale

Si avvicina la fine del settennato del presidente Sergio Mattarella e inevitabilmente impazzano le trame del nuovo «Romanzo Quirinale». L’anomalia repubblicana sarà che il pallino non sarà in mano al partito che alle ultime politiche ha raccolto il primato dei voti: la crisi del M5S, con decine e decine di defezioni alla Camera e al Senato, unita alla rarefatta presenza tra i grandi elettori che indicheranno i Consigli regionali, ha opacizzato la stella grillina.

Il secondo effetto, collegato alla post pandemia e alla svolta del debito Ue, sarà la riconnessione delle forze marcatamente populiste nel 2018 con una logica «repubblicana» e non più anti-establishment, grazie alla base di partenza dell’ampia coalizione che sostiene il premier Mario Draghi: Lega e 5S in questi anni post elezioni hanno assunto un profilo molto differente rispetto alla piattaforma antisistema e critica dell’Ue che aveva caratterizzato una campagna elettorale tra le più eccentriche degli ultimi decenni.

Da qui le grandi manovre in corso, con scenari e previsioni, accordi e incontri carbonari, al fine di costruire irreprensibili maggioranze presidenziali che nelle prossime settimane verranno fatte e disfatte decine di volte. In questa ottica vanno inquadrati i dialoghi tra i vertici del Pd e i leader sovranisti, Matteo Salvini della Lega e Giorgia Meloni di Fdi.

Ci sono state riunioni separate, anche perché i “Dioscuri delle destre” vivono una stagione nella quale la rivalità quotidiana è un dato di contesto. Il senso politico di un tavolo tra dem e Carroccio o tra dem e destrinazionali è però evidente: nel Pd si inizia a sondare il terreno per un percorso condiviso e più ampio possibile da esplorare in autonomia, abbandonando lo schema giallo-rosso che sta annaspando nelle dinamiche delle prossime comunali di autunno. In più il centrosinistra (più 5S) non ha la forza parlamentare per eleggere un presidente della Repubblica ascrivibile alla propria area, come nel caso di Giorgio Napolitano o dello stesso Mattarella.

I numeri, secondo un recente conteggio di Youtrend vedono centrosinistra e centrodestra quasi equivalersi: 467 per i primi, 441 per i secondi. Poi ci sono 100 elettori ascrivibili ai piccoli partiti e al magma del gruppo misto, nel quale sono confluiti tanti dissidenti grillini. Per questo sono già al lavoro i pontieri, allertati dal rischio di vedere una scelta determinante per l’equilibrio dell’Italia politica e per l’autorevolezza del Paese negli scenari globali, sottoposta al gradimento del parlamentare eletto nei collegi esteri, come Ricardo Merlo, o alle bizze del pugliese Lello Ciampolillo.

La Lega, di contro, nella partita per il Quirinale avrà due binari: quello moderato e sensibile alle logiche mitteleuropee, impersonato da ministro Giancarlo Giorgetti e quello più spregiudicato del segretario Matteo Salvini, che ha già dichiarato di essere per Draghi al Colle, se l’ex presidente della Bce dovesse decidere di non portare a termine la legislatura a Palazzo Chigi.

Andrà avanti ancora a ranghi sparsi il M5S, che non ha - al momento - la forza mediatica che produsse nel 2013 la candidatura dell’accademico Stefano Rodotà, grazie all’imprimatur legalitario di Beppe Grillo e dei media giustizialisti. Finché non si scioglieranno i nodi della leadership di Giuseppe Conte, sarà difficile per i pentastellati giocare un ruolo di primo piano (anche se non va trascurato il canale di comunicazione - mai interrotto - tra i due ex vicepremier del Conte uno, Luigi Di Maio e Matteo Salvini).

Si porta avanti con il lavoro di sondare il campo avverso il Pd, anche perché tra le proprie fila si ripetono in piccolo le trame che portarono ai clamorosi insuccessi di Franco Marini e Romano Prodi: ora, infatti, fanno un pensierino al Quirinale il ministro della Cultura Dario Franceschini e l'ex segretario Walter Veltroni, attaccato con rara perfidia dal debenedettiano “Domani”.
E così, tra la destra che non mette sul campo le sue carte (“I nostri nomi? Non se ne fanno per non bruciarli”, ha chiosato prudentemente la Meloni) e la sinistra impegnata nella solita liturgia delle auto-congiure, crescono le quotazioni per una nuova soluzione istituzionale "in rosa”. Quale? Quella che porta all’attuale titolare del ministero di Via Arenula, la costituzionalista Marta Cartabia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie