Giovedì 13 Maggio 2021 | 20:29

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Il ruolo degli (ex) Populisti nel «Romanzo Quirinale»

Il ruolo degli (ex) Populisti nel «Romanzo Quirinale»

 
La riflessione
Dal Covid l’ultima beffa alle donne

Dal Covid l’ultima beffa alle donne

 
Il punto
Ambiente ferito, la lezione di Papa Wojtyla

Ambiente ferito, la lezione di Papa Wojtyla

 
il dibattito
Giustizia sotto i riflettori: i partiti affilano le armi

Giustizia sotto i riflettori: i partiti affilano le armi

 
La riflessione
Metà giugno, è questa la nuova data da segnare

Metà giugno, è questa la nuova data da segnare

 
L'analisi
La tentazione del «Liberi tutti» e il senso di responsabilità

La tentazione del «Liberi tutti» e il senso di responsabilità

 
Verso l'estate
Ora il turismo riscopra l'antica legge dell'ospitalità

Ora il turismo riscopra l'antica legge dell'ospitalità

 
L'editoriale
La festa dell'Europa per una nuova Europa

La festa dell'Europa per una nuova Europa

 
L'editoriale
Il primo beato fra i magistrati nel momento più difficile

Il primo beato fra i magistrati nel momento più difficile

 
Il punto
Stellantis, su Melfi equivoci e silenzi

Stellantis, su Melfi equivoci e silenzi

 
L'analisi
Le leggi non si fanno dal palco dei concerti

Le leggi non si fanno dal palco dei concerti

 

Il Biancorosso

Verso il derby
Bari, si punta a ritrovare tra i disponibili il difensore esterno Celiento

Bari, si punta a ritrovare tra i disponibili il difensore esterno Celiento

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaOccupazione
Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

 
BariIl caso
Cassa Prestanza a Bari, sit in di protesta di lavoratori e pensionati del Comune davanti la Procura

Cassa Prestanza a Bari, sit in di protesta di lavoratori e pensionati del Comune davanti la Procura

 
HomeEmergenza migranti
Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo 13 migranti

Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo di 13 migranti

 
BatLa curiosità
Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

 
FoggiaSicurezza stradale
Foggia, tre incidenti stradali nel pomeriggio

Foggia, tre incidenti stradali nel pomeriggio

 
MateraLa novità
Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

 
TarantoSicurezza sul lavoro
Taranto, fuga di gas questa mattina nell’area Altiforni dell'ex Ilva

Taranto, fuga di gas questa mattina nell’area Altiforni dell'ex Ilva

 
BrindisiCarabinieri
Francavilla, le molestie corrono sul filo del telefono

Francavilla, le molestie corrono sul filo del telefono

 

i più letti

L'analisi

La concorrenza trova un amico ma forse non un tesoro

In Italia, la parola «concorrenza», fatta eccezione per i soliti «quattro gatti» (in senso non spregiativo, si chiaro) invaghiti della piena libertà, non ha mai potuto contare su cospicue legioni di fedeli e supporter

economia circolare

Le idee producono conseguenze. Accade anche alle idee malsane, chiosava, caustico, John Maynard Keynes (1883-1946), a quelle spesso appartenenti a qualche economista semisconosciuto e defunto da un pezzo. In effetti, l’economia è una battaglia di idee, prima che un terreno competitivo dove i produttori di beni e servizi si contendono il favore dei consumatori. Se le idee vanno nel verso giusto, evviva: la crescita è assicurata. Se le idee vanno, invece, nel verso sbagliato, addio sviluppo, addio benessere, addio miglioramento delle condizioni di vita per la gente comune.
Tra le idee che, negli ultimi secoli, hanno determinato il più diffuso e spettacolare progresso dell’umanità, il principio della concorrenza economica, da associare ovviamente al principio della libertà politica occupa, quasi certamente, un posto rilevante.
Ma, in Italia, la parola «concorrenza», fatta eccezione per i soliti «quattro gatti» (in senso non spregiativo, si chiaro) invaghiti della piena libertà, non ha mai potuto contare su cospicue legioni di fedeli e supporter. Maggiore fortuna hanno incontrato concetti ideologici e pratiche gestionali come il corporativismo, il dirigismo, il colbertismo, l’assistenzialismo, il protezionismo, il populismo, il localismo, il tribalismo (quest’ultimo stadio finale di tutti gli «ismi» precedenti). Infatti.

I magri risultati di cotanta indifferenza, se non di contrarietà, ai precetti della concorrenza sono, purtroppo, sotto gli occhi di tutti. La concorrenza, invece, non è solo la più collaudata procedura di conoscenza e scoperta mai sperimentata dagli esseri umani, ma costituisce un baluardo indispensabile per la stessa libertà politica. «A cosa servirebbe la libertà di stampa - domandò un giorno provocatoriamente l’economista austriaco Ludwig von Mises (1881-1973) - se lo stato fosse il proprietario di tutte le tipografie?». Già a cosa servirebbe?
Eppure, accennavamo sopra, in Italia non solo la parola «concorrenza» non eccita, non seduce quasi nessuno, ma spesso viene accolta con un senso di malcelato fastidio da vasti settori della comunità politica e dall’establishment in genere, ossia da quella Razza Padrona e da quella Razza Predona che ingrassano grazie alla protezione assicurata loro dai vari Poteri Forti.
Eppure non c’è nulla di più rivoluzionario del concetto di concorrenza, che oltre a identificarsi con l’obiettivo della democrazia economica, ha il pregio di mettere sempre in discussione privilegi e rendite, incrostazioni feudali e favoritismi clientelari, monopoli privati e monopoli pubblici.

A proposito di monopoli. Luigi Einaudi (1874-1961) fece il diavolo a quattro nell’Assemblea Costituente per introdurre nella Costituzione una clausola anti-monopolistica, ma la sua proposta venne bocciata senza riserve, perché, come ebbe a spiegare successivamente Giuliano Amato, era radicata la convizione che la tutela della concorrenza corrispondesse alla salvaguardia di interessi privati, non pubblici.
L’esatto contrario di quanto avviene. Se c’è uno strumento che tutela gli interessi generali (a partire da quelli dei consumatori) a scapito di quelli privati, il suo nome è proprio concorrenza. Addirittura la concorrenza, per citare l’ambiziosa espressione trotzkista, richiama l’idea della rivoluzione permanente, perché prefigura un assetto produttivo sempre in divenire, in movimento, ontologicamente pronto all’innovazione e al cambiamento, congegnato per sconfessare dogmi e ipse dixit di varia natura, anche economica.
Guido Carli (1914-1993) fu un divulgatore inascoltato del vangelo della concorrenza, da lui ritenuta l’unico argine contro la tracimazione dell’industria pubblica a spese dei contribuenti. Alla scuola di Carli si è formato Mario Draghi, l’attuale presidente del Consiglio.

Appena ne ha l’occasione, Draghi non si risparmia nel tessere le lodi della concorrenza. Specie di questi tempi, mentre sta crescendo l’attesa per la ripartenza post-pandemica.
Draghi sa che non basta il Recovery Plan per rimettere in moto il Paese e per onorare, successivamente, le nuove cambiali sottoscritte, se al piano straordinario per la ripresa non seguirà una svolta sul versante politico-legislativo, una svolta tesa a divorziare dalla sub-cultura dei monopoli per sposare la cultura della concorrenza. La concorrenza, dunque, ritrova un amico, ma forse non ancòra un tesoro. Purtroppo non sempre ai segnali inequivocabili che arrivano da Palazzo Chigi fanno eco proposte e direttive similari da parte dell’intera squadra ministeriale. Esempio? Il golden power, ossia i poteri speciali affidati al governo per scrutinare (e dire l’ultima parola al riguardo) gli accordi tra le società italiane e le società straniere. Fino a quando questi poteri vengono esercitati su accordi e acquisizioni in settori strategici (difesa, telecomunicazioni eccetera), nulla quaestio. Ma se il raggio d’azione del golden power dovesse estendersi a quasi tutti i settori produttivi - come potrebbe verificarsi - , beh, allora lo scenario verrebbe sovvertito da cima a fondo, con buona pace di tutte le preghiere per l’affermazione dell’ideale concorrenziale.

Draghi fa bene a fare pedagogia economica da Palazzo Chigi. Alcuni ministri, però, dovrebbero far tesoro delle sue lezioni per evitare di sabotare, in corso d’opera, le idee del loro Principale. Sarebbe davvero il colmo se il governo guidato dal massimo tifoso della concorrenza producesse atti e provvedimenti ostili alla concorrenza medesima, e congeniali al potere discrezionale della classe politica, come la matassa del golden power di ultima generazione potrebbe lasciare intendere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie