Venerdì 14 Maggio 2021 | 08:58

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Il ruolo degli (ex) Populisti nel «Romanzo Quirinale»

Il ruolo degli (ex) Populisti nel «Romanzo Quirinale»

 
La riflessione
Dal Covid l’ultima beffa alle donne

Dal Covid l’ultima beffa alle donne

 
Il punto
Ambiente ferito, la lezione di Papa Wojtyla

Ambiente ferito, la lezione di Papa Wojtyla

 
il dibattito
Giustizia sotto i riflettori: i partiti affilano le armi

Giustizia sotto i riflettori: i partiti affilano le armi

 
La riflessione
Metà giugno, è questa la nuova data da segnare

Metà giugno, è questa la nuova data da segnare

 
L'analisi
La tentazione del «Liberi tutti» e il senso di responsabilità

La tentazione del «Liberi tutti» e il senso di responsabilità

 
Verso l'estate
Ora il turismo riscopra l'antica legge dell'ospitalità

Ora il turismo riscopra l'antica legge dell'ospitalità

 
L'editoriale
La festa dell'Europa per una nuova Europa

La festa dell'Europa per una nuova Europa

 
L'editoriale
Il primo beato fra i magistrati nel momento più difficile

Il primo beato fra i magistrati nel momento più difficile

 
Il punto
Stellantis, su Melfi equivoci e silenzi

Stellantis, su Melfi equivoci e silenzi

 
L'analisi
Le leggi non si fanno dal palco dei concerti

Le leggi non si fanno dal palco dei concerti

 

Il Biancorosso

Verso il derby
Bari, si punta a ritrovare tra i disponibili il difensore esterno Celiento

Bari, si punta a ritrovare tra i disponibili il difensore esterno Celiento

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariNel Barese
Carbonara, 46enne ucciso e abbandonato in un casolare: arrestato presunto omicida

Carbonara, 46enne ucciso e abbandonato in un casolare: arrestato presunto killer

 
FoggiaIl caso
Sdegno a Foggia, rubano tandem dell’Unione Ciechi e Ipovedenti: «Così ci tolgono la libertà»

Sdegno a Foggia, rubano tandem dell’Unione Ciechi e Ipovedenti: «Così ci tolgono la libertà»

 
PotenzaOccupazione
Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

Melfi, Stellantis: al via tavolo tecnico con Regione Basilicata

 
HomeEmergenza migranti
Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo 13 migranti

Santa Maria di Leuca, intercettata un’imbarcazione con a bordo un gruppo di 13 migranti

 
BatLa curiosità
Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

 
MateraLa novità
Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

 
TarantoSicurezza sul lavoro
Taranto, fuga di gas questa mattina nell’area Altiforni dell'ex Ilva

Taranto, fuga di gas questa mattina nell’area Altiforni dell'ex Ilva

 
BrindisiCarabinieri
Francavilla, le molestie corrono sul filo del telefono

Francavilla, le molestie corrono sul filo del telefono

 

i più letti

IL PUNTO

Pandemia, gli interventi dell’Università di Bari

In linea con il Decreto Milleproroghe 2021 , si è prolungato l’anno accademico fino al 15 giugno inserendo un altro appello in maggio oltre ad una ulteriore seduta di laurea nella prima metà di giugno

Palazzo Ateneo sito in Piazza Umberto I, 1, 70121 Bari

Palazzo Ateneo di Bari

In una lezione di letteratura lo scrittore Vladimir Nabokov sosteneva che la letteratura fosse nata il giorno che qualcuno gridò “a lupo, a lupo” e il lupo non c’era.

È accaduto anche ad uno studente che, leggendo su un post di Facebook, oggi fonte indiscutibile di verità, alcune indicazioni sull’attività didattica dell’Università degli Studi di Bari, è caduto nello sconforto. Invero lo studente con molta gentilezza mi aveva anticipato, con un mail inviato venerdì 9 aprile alle 23:23, il suo desiderio di inviare alla stampa le sue osservazioni.

Ho letto tardi il suo grido di dolore, cioè sabato sera. Chiedo scusa e lo ringrazio perché mi offre così l’opportunità di fare chiarezza.

L’Università di Bari dall’inizio della pandemia ha sempre curato le carriere dei propri studenti, difendendo la ricerca e la didattica, anche se le regole imposte dalla pandemia ci hanno costretto in un “recinto” di norme molto stretto. Tutte le misure adottate dall’Università sono allineate alle decisioni governative e regionali al fine di salvaguardare la salute dei 42.000 studenti e delle 4000 unità di personale.

La scorsa settimana si è deciso che lezioni, esami e sedute di laurea si sarebbero svolte in telematica fino al 31 maggio, qualora non fosse migliorato il quadro pandemico. Voglio ricordare che nel primo semestre tali attività, pur con molte limitazioni, sono state svolte in presenza.

Continuano invece ad essere garantiti i tirocini di area medico sanitaria e anche, quelli nelle strutture pubbliche o private, laddove sia possibile il rispetto delle regole dettate dalla pandemia. Per tutti gli altri tirocini è stato demandato ai singoli corsi di studio la possibilità di verificare la sostenibilità o la possibilità di organizzare percorsi alternativi ai tirocini in presenza.

In linea con il Decreto Milleproroghe 2021 , si è prolungato l’anno accademico fino al 15 giugno inserendo un altro appello in maggio oltre ad una ulteriore seduta di laurea nella prima metà di giugno e così permettendo ad un numero più alto di studenti di laurearsi in corso. Lo stesso provvedimento fu preso anche l’anno scorso.

Ancora: il sistema di tassazione, ad esempio, dell’Università di Bari è stato immaginato innalzando la no tax area dai 20.000 euro previsti dal MUR a 25.000 euro. Un intervento deciso, nonostante le importanti ricadute economiche sul bilancio, perché in un momento di grave difficoltà per il Paese abbiamo ritenuto giusto venire incontro alle famiglie e agli studenti.

La metà degli studenti iscritti alla nostra Università non paga tasse.
Le biblioteche continuano il loro servizio con le modalità consentite dai protocolli di sicurezza e le Sale Studio, con la piena osservanza delle norme di sicurezza, sono sempre state fruibili grazie a un sistema di prenotazione dei posti tramite app e per un numero raddoppiato di utenti.

In questo periodo sono salvaguardate le attività di ricerca nei laboratori, garantendo anche agli studenti impegnati a completare il loro lavoro di ricerca per la stesura della tesi, la piena agibilità delle strutture.
Tutti i provvedimenti adottati, vanto della nostra Università, hanno fatto si che non si sia mai registrato alcun focolaio di infezione nei propri locali anche grazie alla attenta vigilanza da parte di tutti, studenti in primis, che hanno sempre condiviso le scelte realizzate.

Spero solo che nel prossimo futuro il racconto sia supportato da fonti ufficiali affinché il grido ‘a lupo, a lupo’ non generi una letteratura “poco educativa”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie