Mercoledì 25 Novembre 2020 | 04:17

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Un terremoto che scatenò la nuova razza predona

Un terremoto che scatenò la nuova razza predona

 
L'analisi
Dalla corsa al vaccino una lezione per la ripresa

Dalla corsa al vaccino una lezione per la ripresa

 
IL PUNTO
Puglia crocevia dell’evoluzione 5S dal «Vaffaday» al governismo

Puglia crocevia dell’evoluzione 5S dal «Vaffaday» al governismo

 
Il commento
Dal boom economico al dopo pandemia

Dal boom economico al dopo pandemia

 
L'ANALISI
Oggi e domani alla ricerca della fede perduta

Oggi e domani alla ricerca della fede perduta

 
La riflessione
Tutti noi e la Gazzetta: una relazione speciale

Tutti noi e la Gazzetta: una relazione speciale

 
L'editoriale
Storie politiche e prepolitiche della sfida del centrodestra

Storie politiche e prepolitiche della sfida del centrodestra

 
L'analisi
Liberare l’Europa dai veti incrociati

Liberare l’Europa dai veti incrociati

 
L'editoriale
Se Natale diventa l’unico vaccino già disponibile

Se Natale diventa l’unico vaccino già disponibile

 
Il caso
Bari, lezione sessista all'Università: il Rettore «Chiedo scusa a tutte le donne»

Bari, lezione sessista all'Università: il Rettore «Chiedo scusa a tutte le donne»

 
Il commento
Centomila terroni tornati sono il Sud che vincerà

Centomila terroni tornati sono il Sud che vincerà

 

Il Biancorosso

SERIE C
Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
Covid 19 a Barletta, troppe salme in attesa al cimitero: il Comune lo chiude

Covid 19 a Barletta, troppe salme in attesa al cimitero: il Comune lo chiude

 
BariLa polemica
Bari, prof sospeso dopo frasi sessiste replica al Rettore: «Nessun passo indietro, parole fraintese»

Bari, prof sospeso dopo frasi sessiste replica al Rettore: «Nessun passo indietro, parole fraintese»

 
TarantoIl siderurgico
Conte: «A ore definiamo l'accordo con Mittal per l'ex Ilva»

Conte: «A ore definiamo l'accordo con Mittal per l'ex Ilva». Il sindaco di Taranto: «Preoccupati dal negoziato»

 
FoggiaIl virus
Decessi per Covid 19, in Puglia è Foggia in testa dopo i dati del weekend

Decessi per Covid 19, in Puglia è Foggia in testa dopo i dati del weekend

 
LecceMusica
Ecco «Cut the Tongue»: brividi intensi di progressive rock

Ecco «Cut the Tongue»: brividi intensi di progressive rock

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus Basilicata, 268 positivi su 1826 tamponi. Nel weekend 16 i morti

Coronavirus Basilicata, 268 positivi su 1826 tamponi. Nel weekend 16 i morti. Calo nelle terapie intensive

 
MateraL'indagine
Matera, uccise 84enne dopo lite per spostare rifiuti: arrestato 55enne (aveva reddito cittadinanza)

Matera, uccise 84enne dopo lite per spostare rifiuti: arrestato 55enne (aveva reddito cittadinanza)

 
BrindisiOperazione dei Cc
Cellino San Marco, arrestato stalker 52enne: per gelosia perseguitava la sua ex

Cellino San Marco, arrestato stalker 52enne: per gelosia perseguitava la sua ex

 

L'editoriale

Il potere vero che si rafforza a ogni esigenza

Da tempo, già da prima che il virus regalatoci dalla Cina provocasse l’effetto di una bomba tra i vari poteri dello Stato, si percepiva un lento, inesorabile travaso di poteri dal legislativo all’esecutivo

Coronavirus, ecco il piano Rsa della Regione Puglia: tapponi a tappeto e aree Covid

Si dice: la pandemia è peggio di una guerra e, come accade nelle guerre, l’unità nazionale è fondamentale. Traduzione: governo e opposizione devono smetterla di darsele di santa ragione, meglio abbracciarsi sul ring come due pugili al termine dell’ultima scazzottata. Ergo: avanti tutta verso un esecutivo bipartisan, verso un governissimo con «tutti dentro», anche perché - si aggiunge - bisogna ridare centralità al parlamento, che, nei periodi di emergenza, viene emarginato e mortificato senza pietà.
D’accordo. Le democrazie o sono parlamentari o non sono. Ci sono, è vero, democrazie presidenziali, basate sull’elezione popolare del Capo dello Stato, ma anche in questi sistemi, vedi negli Stati Uniti, la funzione delle assemblee legislative viene esaltata senza se e senza ma. Quando ciò non succede, ossia quando il parlamento conta poco o nulla, ad esempio nei modelli presidenziali del Sud America, parlare di democrazie è quanto meno azzardato. Più corretto sarebbe adoperare la definizione di democrature, o di democrazie autoritarie.

Ma torniamo all’Italia. Da tempo, già da prima che il virus regalatoci dalla Cina provocasse l’effetto di una bomba tra i vari poteri dello Stato, si percepiva un lento, inesorabile travaso di poteri dal legislativo all’esecutivo. Governo sempre più mattatore a colpi di decreti. Parlamento sempre più impotente sotto i colpi dei provvedimenti ministeriali. Il fattore emergenza accentuava questa rimodulazione dei poteri a tutto vantaggio di Palazzo Chigi e dicasteri.
Ma davvero si chiama governo il vero asso pigliatutto, il decisore, il beneficiario di ultima istanza di questa condizione di emergenza permanente in cui sembra piombata (non soltanto) l’Italia, specie ora che il Coronavirus ha trasformato i cittadini tutti in (potenziali) malati da assistere?

Certo, le emergenze, tutte le emergenze, tendono a spostare il potere reale dal parlamento al governo. Ma, si sorvola sul fatto che, a stretto giro di posta, il potere reale finisce per trasferirsi sempre dal parlamento all’amministrazione. Alla fine della fiera diventa quest’ultima la padrona, l’unica interprete ed esecutrice di quella «legislazione motorizzata» che caratterizza i momenti di conflitto militare o di allarmi socio-sanitari, come carestie e pandemie. L’amministrazione, non solo in democrazia, è l’unico potere che non cade mai. Chi, nei casi estremi, ha la fortuna di disporre di un ceto amministrativo di buon livello, può consolarsi in attesa di tempi migliori. Ma chi non dispone di questa fortuna, chi deve confrontarsi con un’amministrazione iper-politicizzata, o con un’amministrazione ossessionata dal criterio della procedura anziché dall’obiettivo del risultato, non può fare altro che farsi il segno della croce. Sì, perché fare le leggi (poche e chiare, possibilmente) è importante, ma ancora più importante è sapere chi le suggerisce, chi le scrive e chi le applica. Tre funzioni che incorporano un’unica risposta: l’amministrazione. È l’amministrazione il fulcro di ogni decisione e di ogni sua esecuzione. Altro che questioni di collaborazione, competizione, scontro tra governo e parlamento. Discutere di prevaricazione del governo sul parlamento o, in alcuni casi, di rivincita di quest’ultimo sul primo, può portare acqua al mulino dello scontro politico, può servire ad arroventare i già accesi confronti televisivi, ma di sicuro non contribuisce a un’operazione profilattica protesa alla verità.

È l’amministrazione la vera primadonna di ogni stato d’eccezione tipo quello in cui si ritrova lo Stivale. Ma, purtroppo, il Belpaese non può affidarsi né a una tecnostruttura iperprofessionalizzata sulla falsariga dell’amministrazione pubblica francese, né a una tecnostruttura responsabilizzata sul modello della tradizionale disciplina tedesca. Ecco perché anche il miglior governo, in Italia, rischia sempre di annegare sull’onda dell’insufficienza amministrativa, sia progettuale sia fattuale.
La vicenda del Mes è, come si suol dire, emblematica. Siamo sicuri che il no ai soldi europei che servirebbero a rianimare una sanità in affanno (eufemismo) sia esclusivamente frutto di un pregiudizio ideologico anti-europeo? E se invece fosse figlio della consapevolezza che l’amministrazione italica, soprattutto a livello periferico, non è in grado di confezionare e presentare progetti credibili degni di essere finanziati?

Giovanni Giolitti (1842-1928) fu il primo uomo di governo a comprendere l’importanza, per il Paese, di un’amministrazione di alta qualità. Tanto lo statista piemontese, «ministro della malavita» per Gaetano Salvemini (1873-1957), fu cinico e spregiudicato nell’ingaggio e nella selezione di parlamentari e sindaci, tanto fu rigoroso e attento nell’arruolamento di collaboratori e burocrati. Giolitti, che proveniva dall’amministrazione, pescò il meglio dal Consiglio di Stato e dalla Corte dei Conti. Personaggi come Carlo Schanzer (1865-1953), Augusto Ciuffelli (1856-1921), Felice Barnabei (1842-1922), autentici fuoriclasse, contribuirono a realizzare un felice «progetto burocratico di governo» che fece arrossire qualche pasdaran del «primato della politica», ma che di sicuro dotò l’Italia del tempo di una legislazione assai moderna, all’avanguardia persino rispetto alle altre democrazie europee.
All’Italia odierna manca quel tipo di amministrazione. Manca, per giunta, nella fase più drammatica della storia recente. Governo, parlamento, propositi di unità nazionale, ragionamenti condivisibili e propositi auspicabili. Ma l’amministrazione «giolittiana» dov’è?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie