Mercoledì 25 Novembre 2020 | 04:20

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Un terremoto che scatenò la nuova razza predona

Un terremoto che scatenò la nuova razza predona

 
L'analisi
Dalla corsa al vaccino una lezione per la ripresa

Dalla corsa al vaccino una lezione per la ripresa

 
IL PUNTO
Puglia crocevia dell’evoluzione 5S dal «Vaffaday» al governismo

Puglia crocevia dell’evoluzione 5S dal «Vaffaday» al governismo

 
Il commento
Dal boom economico al dopo pandemia

Dal boom economico al dopo pandemia

 
L'ANALISI
Oggi e domani alla ricerca della fede perduta

Oggi e domani alla ricerca della fede perduta

 
La riflessione
Tutti noi e la Gazzetta: una relazione speciale

Tutti noi e la Gazzetta: una relazione speciale

 
L'editoriale
Storie politiche e prepolitiche della sfida del centrodestra

Storie politiche e prepolitiche della sfida del centrodestra

 
L'analisi
Liberare l’Europa dai veti incrociati

Liberare l’Europa dai veti incrociati

 
L'editoriale
Se Natale diventa l’unico vaccino già disponibile

Se Natale diventa l’unico vaccino già disponibile

 
Il caso
Bari, lezione sessista all'Università: il Rettore «Chiedo scusa a tutte le donne»

Bari, lezione sessista all'Università: il Rettore «Chiedo scusa a tutte le donne»

 
Il commento
Centomila terroni tornati sono il Sud che vincerà

Centomila terroni tornati sono il Sud che vincerà

 

Il Biancorosso

SERIE C
Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
Covid 19 a Barletta, troppe salme in attesa al cimitero: il Comune lo chiude

Covid 19 a Barletta, troppe salme in attesa al cimitero: il Comune lo chiude

 
BariLa polemica
Bari, prof sospeso dopo frasi sessiste replica al Rettore: «Nessun passo indietro, parole fraintese»

Bari, prof sospeso dopo frasi sessiste replica al Rettore: «Nessun passo indietro, parole fraintese»

 
TarantoIl siderurgico
Conte: «A ore definiamo l'accordo con Mittal per l'ex Ilva»

Conte: «A ore definiamo l'accordo con Mittal per l'ex Ilva». Il sindaco di Taranto: «Preoccupati dal negoziato»

 
FoggiaIl virus
Decessi per Covid 19, in Puglia è Foggia in testa dopo i dati del weekend

Decessi per Covid 19, in Puglia è Foggia in testa dopo i dati del weekend

 
LecceMusica
Ecco «Cut the Tongue»: brividi intensi di progressive rock

Ecco «Cut the Tongue»: brividi intensi di progressive rock

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus Basilicata, 268 positivi su 1826 tamponi. Nel weekend 16 i morti

Coronavirus Basilicata, 268 positivi su 1826 tamponi. Nel weekend 16 i morti. Calo nelle terapie intensive

 
MateraL'indagine
Matera, uccise 84enne dopo lite per spostare rifiuti: arrestato 55enne (aveva reddito cittadinanza)

Matera, uccise 84enne dopo lite per spostare rifiuti: arrestato 55enne (aveva reddito cittadinanza)

 
BrindisiOperazione dei Cc
Cellino San Marco, arrestato stalker 52enne: per gelosia perseguitava la sua ex

Cellino San Marco, arrestato stalker 52enne: per gelosia perseguitava la sua ex

 

La riflessione

Il bello in mascherina di chi getta la maschera

Da quando usciamo mascherati, abbiamo sagome diverse

Il bello in mascherina di chi getta la maschera

Da quando usciamo mascherati, abbiamo sagome diverse. Il vicino di casa dal baffo sexy si è trasformato in un insignificante commercialista con occhialini tondi; la mora aggressiva che è alla cassa del panificio, con cuffietta e mascherina, ha assunto l'aria di una suora-laica-infermiera, tra l'altro un po' ingrassata. Quanto toglie alla nostra identità quella parte inferiore del viso che il virus ci costringe a mandare in quarantena rispetto agli occhi del mondo? Il tema è decisamente secondario rispetto a tutto quello che sta accadendo, in un anno che manco l'invasione delle cavallette o dei marziani di Orson Welles potevano farci presagire. Sembra di vivere in un film (speriamo a lieto fine), sembra di ripercorrere le ere più buie del passato.

Guardatevi attorno: molti di noi hanno già l'aspetto di zombie, ancora prima che scatti l'ora disgustosa e cretina – parafrasando il presidente della Regione Campania De Luca! - della notte di Halloween. Alcuni psichiatri lanciano l'allarme depressione, altri dicono che il mondo non dorme, che stiamo abusando di melatonina, che servono aiuti psicologici e non solo economici. Il male oscuro dilaga tra noi e pure il “respiro corto” (hai voglia a fare yoga...): tanto per confermare che i corsi e ricorsi storici esistono, ecco che si diffonde un piccolo brano scritto dal poeta e scrittore austriaco Stefan Zweig, il quale – erano i tempi della prima guerra mondiale – descriveva appunto il respiro corto e agitato di milioni di essere umani dicendo che “Più breve è ora il sonno del mondo... più lunghe le notti e più lunghi i giorni”. E ci risiamo, anche se per fortuna siamo in tempi di pace e non ci scoppiano granate sotto i piedi o non ci bombardano sulla città (ci manca solo quello!). E però il virus che dilaga ci intimorisce. Come reagire? Impossibile una ricetta unica, a ciascuno la forza di scovare nell'infinito mare di risorse che è l'animo umano e di trovare la forza per “scavalcare” il periodo e proiettarsi verso tempi migliori.

Se proprio non ci riusciamo, tentiamo con la fantasia, che alla fine fa parte del nostro corredo naturale intoccabile persino dalla più potente carica di goccioline. E allora, eccoci a guardare il mondo mascherato, a inventare personaggi, a trasformare visioni. Se vi sembra un gioco perverso per distanziarvi (verbo non casuale) malamente dalla realtà, lasciate stare. Ma se v'intriga, provateci. Perché in fondo, lasciando in pace Pirandello e le sue profetiche maschere (“Incontrerai lungo il tragitto della tua vita tante maschere e pochi volti”), il nostro “coprifaccia” attuale non è poi tanto distante dall'essere nati umani. Non ci credete? Andate a cercare l'origine della parola “persona”: ebbene, viene proprio da una piccola voce dotta etrusca, phersu, che era riferita alla maschera teatrale. Incredibile, qui il cerchio si chiude: siamo persone, siamo maschere e ora siamo pure imbavagliati dalle mascherine. Che destino. Gianni Rodari ci avrebbe fatto una filastrocca.

Uomini e donne perdono charme, riconosciamolo. Sorridiamo sotto la chirurgica e chi ci sta guardando non lo capisce (addio ironia); parliamo sotto la Fp2 e il nostro interlocutore non sente (addio comprensione); ci imbellettiamo, ci tiriamo le rughe, ma chi ci osserva chiede se usiamo “quella con la valvola” perché protegge di più. Che tempi aridi... in assenza di droplets! Ma giocare con l'immaginazione, che – ricordiamolo – Cartesio metteva al primo posto nel percorso verso la ragione, si può. Yes, you can. Puoi divertirti e sorprenderti nel vedere che il collega incontrato in assemblea ha assunto la possanza mussoliniana ora che lo scalpo della calvizie domina il volto mascherato; o che tua suocera è talmente magra da richiedere mascherine su misura e da somigliare ad Angelina Jolie quando pesava 34 chili. Mille altre vaghe e ilari affinità possono riempire il vuoto delle nostre serate pronte al coprifuoco. In un mondo che sembra un teatro e che un amore globale vero, un afflato non mascherato verso l'Altro, può rendere meno tragico. Il premier Conte si è rivolto alla ditta Fedez-Ferragni per diffondere il verbo della mascherina. Noi, con meno scalpore, rivolgiamoci a noi stessi: indossiamola e ridiamoci sopra. Anzi, sotto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie