Martedì 22 Settembre 2020 | 13:53

NEWS DALLA SEZIONE

Il ricordo
Rossanda, la lotta di classe della signora in rosso

Rossanda, la lotta di classe della signora in rosso

 
Lettera alla Gazzetta
Breve vacanza a Ugento bilancio con rammarico

Breve vacanza a Ugento bilancio con rammarico

 
L'ANALISI
Il fantasma del virus che spariglia le carte

Il fantasma del virus che spariglia le carte

 
Il commento
Se a scuola cade l'occhio sulle nudità di Artemide

Se a scuola cade l'occhio sulle nudità di Artemide

 
L'editoriale
Dopo il voto Puglia e sud si mobilitino per la banda larga

Dopo il voto Puglia e Sud si mobilitino per la banda larga

 
L'analisi
Il gioco degli specchi della politica italiana

Il gioco degli specchi della politica italiana

 
L'editoriale
La lezione (disattesa) di super Renzo Piano

La lezione (disattesa) di super Renzo Piano

 
IL PUNTO
Da marzo a settembre la fragilità permanente

Da marzo a settembre la fragilità permanente

 
IL PUNTO
Fari accesi sul tacco. Dalla Puglia dipende tutto

Fari accesi sul tacco: dalla Puglia dipende tutto

 
L'Analisi
Caro bimbo del Sud ora potrai piangere meno

Caro bimbo del Sud ora potrai piangere meno

 
Il commento
Binario unico addio. Sarà la volta buona?

Binario unico addio. Sarà la volta buona?

 

Il Biancorosso

Calcio serie C
Il Bari accende la luce: la settimana degli esordi

Il Bari accende la luce: la settimana degli esordi

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggia«Alto Impatto»
Cerignola, droga e munizioni nei nascondigli della mala: vasta operazione della Ps

Cerignola, droga e munizioni nei nascondigli della mala: vasta operazione della Ps

 
BrindisiControlli dei CC
Ceglie Messapica, a spasso con 5 «cipolle» di cocaina: arrestato 26enne

Ceglie Messapica, a spasso con 5 «cipolle» di cocaina: arrestato 26enne

 
Barila sentenza
Spaccio a Modugno, condanne per pusher e donne custodi droga: inflitte pene fino a 18 mesi

Spaccio a Modugno, condanne per pusher e donne custodi droga: inflitte pene fino a 18 mesi

 
BatLavori pubblici
Bisceglie, manutenzione del Ponte Lama: arrivano 5 milioni

Bisceglie, manutenzione del Ponte Lama: arrivano 5 milioni

 
Potenzadati regionali
Coronavirus in Basilicata, 14 tamponi positivi su 577: 11 i pazienti ricoverati

Coronavirus in Basilicata, 14 tamponi positivi su 577: 11 i pazienti ricoverati

 
LecceViaggi della speranza
Gallipoli, migranti pakistani si riparano su isola Sant'Andrea: c'è anche bimbo di 11 anni

Gallipoli, migranti pakistani si riparano su isola Sant'Andrea: c'è anche bimbo di 11 anni

 
Materamaltrattamenti in famiglia
Matera, picchia la moglie e le distrugge il telefonino: arrestato 45enne violento

Matera, picchia la moglie e le distrugge il telefonino: arrestato 45enne violento

 
Tarantomobilitazione
Mittal Taranto, protesta dei lavoratori: blocco merci e presidio davanti portineria

Mittal Taranto, protesta dei lavoratori: blocco merci e presidio davanti portineria
Prefetto convoca sindacati

 

i più letti

Il punto

Il riscatto di Bergamo piagata e piegata dal Covid-19

«Giocheremo anche per la nostra gente e per la nostra città», aveva assicurato, l’allenatore, prima della sfida. Gasp, quello col sorriso mai in ferie

Il riscatto di Bergamo piagata e piegata dal Covid-19

Le parole della vigilia dell’Umile Gasperini - per tutti ormai solo Gasp - erano da scolpire: «Non perderemo, o vinceremo o impareremo». Non hanno vinto. Hanno imparato, hanno insegnato.

Dentro la superficie dello stadio della Luce di Lisbona non è mai stata in ombra l’altra dimensione del calcio, quella che interpreta la partita come rito catartico e manifestazione d'orgoglio.

La storia è stata fatta lo stesso. Perché l'Atalanta ha interpretato i quarti di finale consapevole che la Coppa dei Campioni (al bando il floscio anglicismo Champions) fosse anche la migliore vetrina per comunicare la voglia di riscatto di una Bergamo piagata dal Covid-19 e piegata dal dolore. «Giocheremo anche per la nostra gente e per la nostra città», aveva assicurato, l’allenatore, prima della sfida. Gasp, quello col sorriso mai in ferie. Quello che quando cominciò ad allenare i bambini dalla Sisport scriveva in una cartellina gli esercizi da far fare. Quello che, catapultato a Sud senza staff sulla panchina del Crotone senza campo di allenamento se non a trenta chilometri, cercò in un liceo classico il «prof» di ginnastica da trasformare in preparatore atletico (oggi ancora al suo fianco). Ieri sera il faraone della panchina dell'Atalanta ha dimostrato quel che ha sempre saputo: il calcio non è solo sport, ma un fatto che parla comunque, quando a praticarlo è una squadra vitale e coinvolgente nella coscienza collettiva. «Il pallone non restituisce, non cancella, ma può trasmettere una gioia». Che non ha niente a che fare con vittoria e sconfitta, ma con uno stato di grazia. Capace di esprimere un orgoglio di comunità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie