Mercoledì 12 Agosto 2020 | 13:40

NEWS DALLA SEZIONE

L'ANALISI
La scommessa delle elezioni

La scommessa delle elezioni

 
L'EDITORIALE
Dalle mani sulla città alle mani sullo Stato

Dalle mani sulla città alle mani sullo Stato

 
La riflessione
Se anche Sarah Scazzi finisce in una fiction

Se anche Sarah Scazzi finisce in una fiction

 
Il commento
L'importanza di chiamarsi Andrea Pirlo (nato maestro)

L'importanza di chiamarsi Andrea Pirlo (nato maestro)

 
L'ANALISI
L’insostenibile leggerezza dell’essere incoscienti

L’insostenibile leggerezza dell’essere incoscienti

 
Il lutto
Franca Valeri, un monumento: addio all’attrice che aveva appena compiuto 100 anni

Franca Valeri, un monumento: addio all’attrice che aveva appena compiuto 100 anni

 
L'ANALISI
La fame di sapere alimentò il miracolo economico

La fame di sapere alimentò il miracolo economico

 
Analisi
Zona pedonale, zona assediata a Santo Spirito

Zona pedonale, zona assediata a Santo Spirito

 
Editoriale
Tagliate, tagliate i rami bicamerali qualcosina (non) resterà

Tagliate, tagliate i rami bicamerali qualcosina (non) resterà

 
Il commento
Il passato che non passa non aiuta a battere la crisi

Il passato che non passa non aiuta a battere la crisi

 
L'ANALISI
La Spesa pubblica è questione di qualità non di quantità

La Spesa pubblica è questione di qualità non di quantità

 

Il Biancorosso

serie C
Vivarini, Auteri e i «due» Bari

Vivarini, Auteri e i «due» Bari: grandi cambi o tanta fantasia

 

NEWS DALLE PROVINCE

Baricontagi
Coronavirus, l'appello di Decaro su Facebook: «Usate la mascherina»

Coronavirus, l'appello di Decaro su Facebook: «Usate la mascherina»

 
Bati fatti nel 2018
Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

 
Leccenel basso salento
Gagliano del Capo, si intrufola in casa di una donna e tenta di violentarla: arrestato

Gagliano del Capo, si intrufola in casa di una donna e tenta di violentarla: arrestato

 
Foggiala decisione
Foggia, notificata custodia in carcere per Cristoforo Aghilar, ultimo catturato dopo la maxi-evasione

Foggia, notificata custodia in carcere per Cristoforo Aghilar, ultimo catturato dopo la maxi-evasione

 
BrindisiTRAGEDIA
Brindisi, scontro auto-scoote: muore motociclista 51enne

Mesagne, scontro auto-scooter: muore motociclista 51enne

 
TarantoLA NOMINA
L'ex ciclista Sardone tra gli esperti di Emiliano: si occuperà di Taranto 2026

L'ex ciclista Sardone tra gli esperti di Emiliano: si occuperà di Taranto 2026

 
PotenzaIL CASO

Aiuti alle imprese colpite da crisi: c'è un caso Viggiano, il sindaco prende i soldi del bando comunale

 
MateraNel Materano
Policoro, gasolio venduto illecitamente: 8 indagati

Policoro, gasolio venduto illecitamente in stazione di servizio «abusiva»: 8 indagati

 

i più letti

L'editoriale

Università post covid? Più prof e strutture

Due proposte, quindi, partendo da una inezia: le parole del rettore Bronzini

Università post covid? Più prof e strutture

Far riferimento alla storia delle pandemie è suggestivo. Da Tucidide al recentissimo The End of October di Lawrence Wright (2020), passando per Boccaccio, Mary Shelley e Margaret Atwood, svariate narrazioni di epidemie hanno veicolato – o riformulato – miti apocalittici ancestrali, sia di matrice cristiana che classica, sumerica, nordica o vedica. Gli esempi sono, dunque, tanti e tutti raccontano la tragedia, mentre più rare sono le narrazioni sulle difficoltà al ritorno alla normalità. Nei nostri giorni, ancora dentro la scenografia di un paese sospeso nell’incertezza, il racconto è a tinte incerte. «Si riparte», è uno slogan traballante per il comportamento contraddittorio anche di noi cittadini. Lo dimostrano le mascherine appese a un orecchio, modello pirati del nuovo millennio, o ancor più, posizionate sul mento. Gesti diffusi quanto naturali che ritraggono un Paese in tenace equilibrio tra allarmismo e superficialità. Inoltre, alcuni paragoni non aiutano a rischiarare l’orizzonte. La questione su come mai si siano aperte le discoteche e si siano chiuse le università ha un sapore alquanto populista. Si impongono alcune precisazioni: le discoteche sono aziende private, spesso stagionali, con un vasto indotto ed è giusto porsi il problema dei lavoratori del settore. È una posizione del tutto plausibile senza che per questo si debba alludere a una scala di valori.

Le università pubbliche, invece, sono rimaste aperte nei limiti consentiti dalle leggi, dalle norme e, non dobbiamo negarlo, dalle forme di modernizzazione delle loro strutture su cui i governi dovrebbero avere il coraggio di fare autocritica per l’esiguità delle risorse riservate. Gli stabili e gli edifici delle università e delle scuole sono spesso gli stessi anche se, negli anni, le istituzioni pubbliche di ricerca e formazione hanno affrontato interventi di make-up legislativo tutti a costo zero. L’ultima riforma del sistema universitario è la legge Gelmini del 2010 ed è quindi necessario, a distanza di dieci anni, sottoporla a una valutazione. Non è certo colpa della legge Gelmini la pandemia, ci mancherebbe. Forse è opportuno, però, ricordare che quella riforma, occupava le università senza preoccuparsi della università: stabilì una trasformazione strutturale senza prevedere alcun investimento. In quel tempo le realtà universitarie furono così costrette a ridisegnarsi, ma, trovandosi senza risorse, furono solo scompaginate. L’esito è stato disastroso: le strutture cambiarono nome e funzioni senza che ciò andasse a vantaggio di una qualsivoglia modernizzazione. Le tante e diverse biblioteche universitarie, ad esempio, narrano bene quel passaggio. Gli edifici, spesso d’epoca, sono rimasti gli stessi benché siano mutati i nomi, le funzioni, le responsabilità e sia aumentato lo stesso patrimonio bibliografico. Spazi più angusti anche per l’incremento degli accessi rispetto agli esigui numeri per cui furono pensati e costruiti ben oltre settanta anni fa. Solo arrangiamenti pertanto. Le biblioteche sono importantissime per le città universitarie, raccolgono studenti e studiosi da tutto il mondo. Gli stessi che la sera potrebbero andare in discoteca.

Il numero degli studenti è aumentato, pur se sempre sotto la media europea, e sono invece contingentati gli investimenti in strutture e persino del personale nel settore della ricerca e della formazione; ciò conduce, ovviamente, alla conseguente privazione per il Paese di quel potenziale necessario a farci diventare concorrenziale nel mercato globale. Oggi salutiamo con un plauso gli sforzi del ministro Manfredi che è riuscito, sulla spinta di una necessaria modernizzazione del paese, a inserire il reclutamento di un significativo numero di ricercatori nei prossimi anni. Sarebbe auspicabile procedere – sono sicuro che il ministro ci stia pensando – a scelte più coraggiose e radicali, che tra l’altro non avrebbero un costo elevato per il bilancio del Paese: una potrebbe essere quella di prevedere nella prossima finanziaria un piano di reclutamento affinché tutti coloro che sono in possesso di abilitazione nazionale, vero e proprio concorso, possano, a tutti gli effetti, assolvere alle funzioni di professori. Fuori da qualsiasi ipocrisia: quei ricercatori svolgono già le mansioni di professori, ma sono bloccati dalle scarse finanze degli atenei. Perché lasciarli in panchina se il Paese annovera un fabbisogno? Aumentare il numero dei professori non è secondario se si considera che le aule sono obsolete e, spesso, non riescono a contenere il numero degli studenti ed è necessario progettare nuovi spazi per la formazione e la ricerca. Inutile recitare che oggi solo la conoscenza potrà farci uscire dalla crisi se non si fanno scelte consequenziali ed è opportuno dare ai cittadini un segnale concreto e coerente sull’importanza della formazione e della ricerca per il futuro del nostro Paese. Formazione e ricerca sono la soluzione. Lo dimostra la storia tragica della pandemia che, sarà bene rammentarlo, rimanda a crisi, ossia etimologicamente a scelta, cioè a punto di svolta, momento di separazione e di discernimento. Oggi l’assenza di un racconto chiaro e condiviso del futuro ne è la prova.

Due proposte, quindi, partendo da una inezia. Paragonare aziende private spesso di giovane costruzione ad istituzioni collocate in vetuste per quanto belle strutture non serve e falsa la prospettiva. Più utile invece sollecitare governi nazionali e regionali, competenti sul diritto allo studio, a interrogarsi sulla necessità di investire nell’ammodernamento delle strutture universitarie. Alla ipotetica crisi delle immatricolazioni si risponde in modo più convincente con interventi strutturali e non con soluzioni assistenziali a tempo. A Bari invece di una caserma in piazza Sant’Antonio, ad esempio, si dovrebbe immaginare un polo bibliotecario universitario che raccolga l’ingente patrimonio bibliografico per far studiare giovani e meno giovani in condizioni civili. Dopotutto se la pandemia, come si è detto, è stata una guerra e il nostro esercito era formato da scienziati e studiosi, sarebbe un bel segnale allinearsi ai tempi trasformando una caserma in una biblioteca. Lo imporrebbe la coerenza del linguaggio. Ecco allora le due proposte per il governo da porre sul tavolo Stato-Regioni: reclutiamo tutti i nuovi professori, ampliamo il numero delle aule e trasformiamo alcune delle caserme in biblioteche e laboratori. Sono quelli i protagonisti e i luoghi dove si potrà stilare a tinte nitide un racconto del post covid-19.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie