Lunedì 30 Marzo 2020 | 20:57

NEWS DALLA SEZIONE

Il punto
L’euro-intesa si troverà ma l’italia deve cambiare

L’euro-intesa si troverà ma l’Italia deve cambiare

 
L'analisi
È ancora poco per sventare il pericolo «bomba sociale»

È ancora poco per sventare il pericolo «bomba sociale»

 
l'editoriale
Dalla penuria di mascherine ai futuri rischi del post-virus

Dalla penuria di mascherine ai futuri rischi del post-virus

 
Il commento
Io, giovane laureata fuori sede vi spiego perché sono arrabbiata

Io, giovane laureata fuori sede vi spiego perché sono arrabbiata

 
Il commento
Vizi e virtù a rovescio nell’Italia del contagio

Vizi e virtù a rovescio nell’Italia del contagio

 
L'analisi
Non sia il Sud a pagare la rinascita del Nord

Non sia il Sud a pagare la rinascita del Nord

 
Coronavirus
Puglia, la voglia matta di chiudere le edicole

Puglia, la voglia matta di chiudere le edicole

 
L'analisi
La modernità del papa che prega in latino

La modernità del papa che prega in latino

 
l'editoriale
Decrescita (in)felice: l’infodemia si è fermata

Decrescita (in)felice: l’infodemia si è fermata

 
L'analisi
Disobbedienza civile degli inutili idioti

Disobbedienza civile degli inutili idioti

 
l'editoriale
Un atto di giustizia, un fattore di serenità

Un atto di giustizia, un fattore di serenità

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, il portiere Marfella «La quarantena tra allenamenti e play, state a casa»

Bari calcio, il portiere Marfella «La quarantena tra allenamenti e play, state a casa»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa storia
Gioia del Colle, la storia di un autotrasportatore: «Vivo nel camion così proteggo la mia famiglia»

Gioia del Colle, la storia di un autotrasportatore: «Vivo nel camion così proteggo la mia famiglia»

 
TarantoIl caso
Arcelor Mittal, Usb denuncia: «A Taranto alto rischio contagio, azienda sorda»

Arcelor Mittal, Usb denuncia: «A Taranto alto rischio contagio, azienda sorda»

 
BrindisiIl focolaio
Coronavirus, contagi record a Carovigno: 21 positivi e 6 morti. «Fate più tamponi»

Coronavirus, contagi record a Carovigno: 21 positivi e 6 morti. «Fate più tamponi»

 
PotenzaLieto fine
Potenza, trovata anziana che si era allontana da casa di riposo

Potenza, trovata anziana che si era allontana da casa di riposo

 
Homeemergenza coronavirus
Soleto, focolaio contagio in casa di riposo: altri 2 anziani morti

Soleto, focolaio in casa di riposo: altri 2 anziani contagiati morti

 
Materaspeculazione
Emergenza Coronavirus, a Matera sindacati denunciano aumento prezzo beni di prima necessità

Emergenza Coronavirus, a Matera sindacati denunciano aumento prezzo beni di prima necessità

 
Foggiala decisione
Sequestro conti Tirrenia, stop collegamenti con le Tremiti

Sequestro conti Tirrenia, stop collegamenti con le Tremiti

 
Batemergenza coronavirus
Trani, Ordine avvocati: «Pieno sostegno al mondo della Sanità»

Trani, Ordine avvocati: «Pieno sostegno al mondo della Sanità»

 

i più letti

Il commento

Dal tempo di Manzoni ai moderni untori

Il «Corona virus» come gli altri viaggia con noi con le merci, con i mezzi di comunicazione fisica. Ma la paura fa peggio, viaggia con i mezzi di comunicazione, con le voci, con le congetture, con le invenzioni

Lecce, paziente cinese in ospedale con problemi respiratori: paura coronavirus

Manzoni auspicava, con falsa modestia, d’essere letto o, meglio, che a leggere i suoi Promessi sposi fossero venticinque volenterosi intenditori. Che potessero essere intenditori lo si desume dall’attribuzione al gran Lombardo di una falsa modestia del tutto giustificata. Uno che scrive l’«Addio ai monti» di Lucia raminga e terrorizzata, ma non rassegnata alle manovre di Don Rodrigo, uno che inventa il cinematografo prima del cinema creando quella sceneggiatura del commiato della promessa sposa al suo focolare paesaggistico, corredato dal magnifico monologo interiore, ha tutto il diritto del sussiego e di ritrarsi nell’ombrosità del genio con una captatio benevolentiae meticolosamente ragionieristica: venticinque lettori.

Mi è venuto in mente Manzoni in occasione della epidemia scatenata dal «Coronavirus» nel bel mezzo dell’immane subcontinente cinese, ancora denominato Repubblica popolare, già immane cellula del comunismo integralistico, già epocale sfida al capitalismo mondiale, al consumismo planetario e al semplice buon senso. Mi è venuto in mente il Manzoni della Colonna infame, il saggio storico da lui scritto con acutezza serenamente pignola, legato al periodo storico in cui è ambientato il romanzo I promessi sposi. In questo libello di prodigiosa fattura storico letteraria si narra del processo intentato a Milano durante l’anno 1630, anno della terrificante epidemia di peste di cui a lungo si racconta anche nel romanzo, intentato contro i presunti untori. Costoro, per infernale determinazione di inaudita malvagità avrebbero, con misteriose alchimie e per ancor più misteriose ragioni, «unto» la popolazione innocente. Da questa malvagità è attivata la rassegnata disperazione della madre di Cecilia e discende, con la morte di Don Rodrigo, il lieto fine della passione di Renzo per Lucia e la soave rassegnazione alla volontà di Dio di quest’ultima. Padre Cristoforo benedicente. Ma chi fu ad attizzare l’accusa terribile ai presunti untori? Una «donnicciola del popolo» come Manzoni definisce tale Caterina Rosa. L’epilogo è noto: i due presunti «untori», condannati a morte con il supplizio della ruota, lasciarono questo mondo di pettegoli e delatori di invenzioni, in un luogo in cui, a seguito di questa infame soperchieria, fu eretta la «Colonna infame». A monito delle future generazioni.

Tra queste ne albeggiò una e, poi altre, più decise e coraggiose che trasferirono sulla memoria dei giudici perfidi e ignoranti l’aggettivo infame, liberando di quella vergogna la reputazione degli innocenti, il «Commissario di Sanità» Guglielmo Piazza e il povero barbiere Giacomo Mora. È il 1700 inoltrato e i barbieri avranno altre, meritevoli incombenze loro attribuite da Beaumarchais, da Mozart e Rossini.

Oggi suona l’allarme della pandemia, una epidemia che riguarda l’intero pianeta, che viaggia con la velocità che all’interno del pianeta abbiamo inventato per noi, per le merci, per le cose. Ma, anche per gli oggetti del pensiero, per le idee, per le notizie. Per le voci. Il virus, il «Corona virus» come gli altri viaggia con noi con le merci, con i mezzi di comunicazione fisica. Ma la paura fa peggio, viaggia con i mezzi di comunicazione, con le voci, con le congetture, con le invenzioni. Con le falsità. E queste sono attivate dalla malvagità che sola può essere arrivata dell’ignoranza e dalla volgarità. Poi gli untori moderni non esportano i virus, non vogliono contagiare il pianeta con loro, Intendono diffondere la paura, lo spettacolo immane e terribile della paura.
Ma ci sono i medici, i dottori, ci sono gli scienziati, coloro che rispettano il dettato aristotelico che li rende padroni della technè, dell’arte, cioè, che li abilità a padroneggiare molto le scienze. A maggior gloria della civiltà umana. I medici, quelli che negli ospedali, nei laboratori, nelle corsie dei reparti, studiano, confortano, curano, ascoltano. La mania della ipercomunicazione untoriale moderna non li tocca. Calma, invocano calma e riflessione. Il tempo poi, il tempo di studiare, combattere, curare e vincere. Augusto Murri, tanti anni or sono, ammoniva i suoi studenti a Bologna: «Che ci si ammali è naturale, noi dobbiamo curare, guarire quando si può. Amare sempre!». E in questa idea dell’amore c’era la vera natura della arte medica. Poi Murri aggiungeva. «E non state lì a dire e ascoltare sciocchezze». Per la verità, lo scienziato usava un termine più crudo. Ma questo lo uso io per definire i moderni untori che, invece di convincere tutti a lavarsi bene le mani spargono in giro un mucchio di «puttanate».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie