Martedì 28 Gennaio 2020 | 05:08

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
L’oggetto del desiderio ora è la torta pubblica

L’oggetto del desiderio ora è la torta pubblica

 
L'analisi
Quadro politico invariato, il governo tira il fiato

Quadro politico invariato, il governo tira il fiato

 
Il commento
Stadi, calcio e tifo metafora della guerra

Stadi, calcio e tifo metafora della guerra

 
L'editoriale
Un test glocale con riflessi anche in Puglia

Un test glocale con riflessi anche in Puglia

 
Il commento
In Cina si combatte il coronavirus con il turbo-ospedale: costruito in 10 giorni

In Cina si combatte il coronavirus con il turbo-ospedale: costruito in 10 giorni

 
L'analisi
Italia stanca dell’infinita campagna elettorale

Italia stanca dell’infinita campagna elettorale

 
Il commento
La razza predona all’assalto di libri, edicole e giornali

La razza predona all’assalto di libri, edicole e giornali

 
L'analisi
Binario morto al Sud: ora bisogna fermare questo scandalo

Binario morto al Sud: ora bisogna fermare questo scandalo

 
Il commento
Maggio leccese con Dior e la sua regina salentina

Maggio leccese con Dior e la sua regina salentina

 
L'analisi
Macron-pensioni: la posta in gioco

Macron-pensioni: la posta in gioco

 
Il punto
Una soluzione di sistema in una forza anti-sistema

Una soluzione di sistema in una forza anti-sistema

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Perrotta salva il Bari al Granillo: 1-1 in casa della Reggina. La diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatL'accusa
«Mio fratello pestato in cella»: la denuncia della sorella dell'andriese Filippo Griner

«Mio fratello pestato in cella»: la denuncia della sorella dell'andriese Filippo Griner

 
Potenzaregione basilicata
Potenza, manca il numero legale, sciolta riunione del consiglio regionale

Potenza, manca il numero legale, sciolta riunione del consiglio regionale

 
FoggiaL'intervento
San Severo, riprende la raccolta rifuti dopo l'incendio dei mezzi della Buttol

San Severo, riprende la raccolta rifuti dopo l'incendio dei mezzi della Buttol

 
HomeIl giallo
Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio

Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio (FOTO)

 
TarantoIl caso
Omicidio in sala giochi: 3 condanne a 30 anni a Taranto

Omicidio in sala giochi: 3 condanne a 30 anni a Taranto

 
BrindisiIl salvataggio
Brindisi, cucciolo di foca spiaggiato a Torre San Gennaro: ha bisogno di cure

Brindisi, cucciolo di foca spiaggiato a Torre San Gennaro: ha bisogno di cure

 
MateraIl caso
Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

 
LecceNel centro storico
Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

Lecce, Ztl: parte la rivolta dei commercianti

 

i più letti

L'analisi

Il «popolo di formiche» ora vive tra i muretti a secco

I manufatti in pietra sono stati indicati nel rapporto annuale del Censis come simbolo di un’Italia, operosa e spesso invisibile

muretto a secco

foto d'archivio

Costruiti con la pazienza e con le pietre, una sull’altra, prima rimosse dalla terra e poi accuratamente raccolte, con un’attenta pratica ancestrale per creare con semplicità acconci recinti, sorretti da un’elementare geometria: sono i muretti a secco, nati dalla magia della pietra, dalla laboriosa fatica dei contadini, dalla forza e dall’orgoglio di un cantiere familiare a cielo aperto.

Testimoni di una civiltà rurale assai lontana ma forse ancora utile a questo Paese se il Censis, nel suo annuale rapporto, li ha indicati come simbolo di un’Italia, operosa e spesso invisibile, che ogni giorno mette in campo progetti ed iniziative per frenare lo sgretolamento della comunità nazionale.
È la fitta rete di imprese innovative nei quali migliaia di giovani tentano una nuova esperienza imprenditoriale, in un contesto finanziario e amministrativo generalmente povero, dove però una buona intuizione può diventare una buona impresa. Sono i tanti festival, le sagre, gli eventi culturali di ogni genere che affermano l’identità di una comunità locale e creano un’ occasione economica per l’attrazione turistica, un luogo di elaborazione di prospettive e di confronto intellettuale, spazi per la tecnologia, la ricerca, l’innovazione, l’educazione. Sono alcuni segmenti produttivi capaci di resistere alla crisi con la sapienza artigianale applicata su scala industriale.

Dunque anche l’Italia post-moderna, per risollevarsi, ha bisogno di tornare a sfogliare lo scarno dizionario della civiltà dei padri, riscoprendo parole e virtù come la pazienza, la perseveranza, il sacrificio, la cultura del lavoro, l'amore per il creato, il rispetto per l'ordine naturale, l'attenzione al bello, il senso del dovere, la capacità di seminare, di creare legami di fratellanza e solidarietà in un tempo “liquido” come altri mai.
Grazie all’analisi del Censis potrebbe dunque di nuovo farsi strada la consapevolezza che, anche in Italia, l’uomo contemporaneo ha archiviato troppo in fretta i conti con il proprio passato per accorgersi che il mondo contadino era ed è depositario di una cultura millenaria che non doveva andare dispersa.

Senza voler “mitizzare” quella società, senza alcuna assoluzione per i suoi evidenti “vizi” e le sue tante “chiusure” e senza alcun elogio per la povertà , va detto che quella era una cultura che puntava naturalmente sulla conservazione, credeva nel riutilizzo, amava ritrovare tutto, non gettava via nulla, un po' per necessità, per cultura, per educazione, per intuito e per quel meraviglioso senso pratico delle cose che accompagnava la fatica di gente abituata a lavorare in silenzio.
La cultura della legalità era legata al buon senso dei genitori, alla saggezza dei vecchi. Era la cultura dell’educazione familiare, nata e cresciuta nel rispetto, nella volontà di compiere buone azioni, di migliorare giorno dopo giorno la qualità della vita, di vivere bene, di fare “i figli cristiani” come ripetevano i padri per significare il senso profondo della missione delle loro vite. Si agiva nella naturale convinzione di valori che diventavano patrimoni di tutti, con poche regole, ma largamente amate e rispettate.

Insomma un Paese fragile come l'Italia si salva cominciando a rimettere in piedi i sassi che da sempre tengono tutto insieme. Come insegnavano i “costituenti” della nostra civiltà contadina e i loro i nostri muretti a secco che abbracciavano ulivi secolari, viti, fichi d’india, carrubi e mandorli. Proprio un anno fa l’Unesco ha iscritto l’arte dei muretti a secco nella lista degli elementi immateriali dichiarati "Patrimonio dell'umanità" in quanto rappresentano "una relazione armoniosa fra l'uomo e la natura". Il rapporto Censis ci ricorda che gli artigiani di quelle colonne portanti della nostra civiltà, hanno urgente bisogno di trovare eredi in un Paese chiamato di nuovo a rimboccarsi le maniche per continuare a credere in sé stesso e nel suo futuro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie