Martedì 21 Gennaio 2020 | 21:50

NEWS DALLA SEZIONE

il punto
Le tre vittorie decisive della Prima Repubblica

Le tre vittorie decisive della Prima Repubblica

 
L'analisi
Nord Africa, il pungolo dell’Italia all’Europa

Nord Africa, il pungolo dell’Italia all’Europa

 
il punto
Le regioni hanno 50 anni ma nessuno fa festa per loro

Le regioni hanno 50 anni ma nessuno fa festa per loro

 
L'analisi
I predoni della democrazia all’assalto dei Comuni

I predoni della democrazia all’assalto dei Comuni

 
Il commento
Puglia, la cultura fa capitale ma 18 aspiranti non fanno rete

Puglia, la cultura fa capitale ma 18 aspiranti non fanno rete

 
Il commento
Bari capitale del mediterraneo ma a sua insaputa. purtroppo

Bari capitale del mediterraneo ma a sua insaputa. Purtroppo

 
Il commento
Abbattiamo il muro che condanna l’Italia

Abbattiamo il muro che condanna l’Italia

 
Il caso
Assunzioni truffaldine a spese di Pantalone

Assunzioni truffaldine a spese di Pantalone

 
Il punto
Ma una salute d’acciaio ha bisogno di tre condizioni

Ma una salute d’acciaio ha bisogno di tre condizioni

 
L'analisi
L’agro-assedio delle mafie ai fondi comunitari

L’agro-assedio delle mafie ai fondi comunitari

 
L'analisi
Divergenze parallele sul celibato dei preti

Divergenze parallele sul celibato dei preti

 

Il Biancorosso

mercato
Bari, ingaggiato centrocampista Laribi, in prestito dal Verona

Bari, ingaggiato centrocampista Laribi, in prestito dal Verona

 

NEWS DALLE PROVINCE

GdM.TVSequestro e denuncia
Bari, lavori all'ex Kursaal: i rifiuti finivano in acqua sul lungomare

Bari, lavori all'ex Kursaal: i rifiuti finivano in acqua sul lungomare

 
TarantoLa sentenza
Caso Scazzi, processo ai falsi testimoni: 4 anni a Ivano Russo, 5 anni a Michele Misseri

Caso Scazzi, 11 condanne per le bugie al processo: 5 anni a Ivano Russo, 4 anni a Michele Misseri

 
Leccel'appuntamento
«Something», i Beatles e il loro 1969: a Lecce il libro di Donato Zoppo

«Something», i Beatles e il loro 1969: a Lecce il libro di Donato Zoppo

 
Potenzaserie c
Tifosi investiti: curva del Potenza in lutto, niente trasferta

Tifosi investiti: curva del Potenza in lutto, niente trasferta

 
BrindisiNel Brindisino
Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

 
Batil caso
Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

 
Materaprocura di matera
Furti per 500mila euro in scuole Puglia e Basilicata: 2 arresti e 5 denunce

Furti per 500mila euro in scuole Puglia e Basilicata: 2 arresti e 5 denunce VD

 
FoggiaIl caso
Foggia, danneggiata Camera del Lavoro Cgil: «Serve reazione»

Foggia, danneggiata Camera del Lavoro Cgil: «Serve reazione»

 

i più letti

L'analisi

I nostri ragazzi sono asini? Eppure leggono di più

L’ultimo Rapporto Ocse ha presentato tutte le cifre negative sulla capacità «d’intendere e di volere» dello studente medio italiano

I nostri ragazzi sono asini? Eppure leggono di più

Se è vero che pochi italiani capiscono quello che leggono, anche questo articolo sarà incompreso. Ma proviamo a cambiare l’ordine e il senso delle notizie circolate in questi giorni: davvero possiamo credere che i ragazzi «made in Italy» siano davvero così asini rispetto al resto del mondo? E che quelli meridionali lo siano ancora di più?

I giornali di ieri sono stati inondati di commenti relativi all’ultimo Rapporto Ocse, presentato con tutte le cifre negative sulla capacità... d’intendere e di volere dello studente medio italiano. Non per far difesa di casta e di origine geografica, ma il risultato di questo sondaggio desta un po’ di sorpresa. Da dove saranno andati a prendere gli 11.785 studenti italiani, divisi in 550 scuole, che hanno fatto da campione per la statistica? Sono risultati - stando alla media delle risposte - inferiori nella capacità di leggere rispetto agli altri giovani (tra il 23mo e il 29mo posto della classifica), mentre ai primi posti figurano gli studenti cinesi e di Singapore. La classifica poi peggiora se si prendono gli studenti del Sud Italia: addirittura la capacità di capire va a picco anche rispetto agli anni precedenti.

Vogliamo credere alla serietà di questo Rapporto internazionale, per carità. Ma a volte i commentatori raccolgono i dati e imbastiscono editoriali che lanciano inutili strali. Infatti, basterebbe dire che solo 24 ore prima erano state rese note ben altre statistiche, quelle di una ripresa della vendita dei libri, addirittura un più 6% del fatturato delle piccole case editrici nei primi 11 mesi del 2019. Incredibile: o leggono solo gli anziani e presbiti o i libri si vendono e i giovani non li capiscono. Cosa che può anche essere possibile, ma - pensate - i ragazzi di oggi leggono e scrivono sul web e sui dannati cellulari molto più di quanto non facessero gli adolescenti di qualche anno fa. È una comunicazione spesso banale, idiota, come volete. Ma non sempre e non tutta. Sempre lettura è!
Studiano di meno? Mah, sembra strano il fatto che nella stessa classifica, i nostri italioti coi brufoli (a proposito, che fine hanno fatto? Si vedono più tatuaggi che brufoli) risultano bravi in matematica, disciplina che certo non si apprende per miracolo, ma per fatica e impegno.

«Perché festeggiamo “Thanksgiving” noi americani? Scusa non ricordo il motivo», chiedeva l’altro giorno una biondissima americana che per un anno frequenta un liceo a Bari per un programma di scambi interculturali. «È la vecchia tradizione del ringraziamento per il raccolto!», è stata la risposta. «Ah, grazie. Ma voi italiani sapete tutto!». Piccolo siparietto che non è universale, ma serve a spiegare quante carenze siano diffuse al mondo. Anche le scuole più accessoriate che il Sud Italia non ha nemmeno mai sognato (anche qui c’è stato un sondaggio con dati nei giorni scorsi, ad opera della Fondazione Agnelli) trasudano ignoranza.

L’Italia ha la mania di gettarsi il fango addosso, di vivere con bassissima autostima (fatta eccezione che per qualche «campione» come Salvini, Di Maio e Renzi). L’Italia ha la mania di non sapersi valutare (anche qui, fatta eccezione per Salvini, Di Maio, Renzi). L’Italia è affetta dalla sindrome dello sminuirsi (uffa, anche qui le dovute eccezioni di nome Salvini, Di Maio, Renzi). E quindi chi ha risposto al Rapporto sull’incapacità di leggere? I ragazzi italiani che sgobbano - ce ne sono, credeteci - che faticano ogni giorno tra un bus e un vocabolario; che piangono lacrime amare quando non sono valutati per il loro sforzo? O i nostri amministratori che a volte, tra una gaffe e l’altra, usano i copia e incolla per i discorsi, o leggono la nostra voglia di futuro e non la capiscono?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie