Lunedì 11 Novembre 2019 | 21:44

NEWS DALLA SEZIONE

Il punto
Governo, troppe le spinte centrifughe

Governo, troppe le spinte centrifughe

 
l'opinione
Stato padrone o Stato arbitro, in gioco il futuro di una città Stato

Stato padrone o Stato arbitro, in gioco il futuro di una città Stato

 
l'opinione
In trappola (d'acciaio) l'intero Mezzogiorno

In trappola (d'acciaio) l'intero Mezzogiorno

 
il commento
Così affossano il Mezzogiorno: tutto lo choc in una sera tv

Così affossano il Mezzogiorno: tutto lo choc in una sera tv

 
L'analisi
Sempre più difficile l’impresa di fare impresa

Sempre più difficile l’impresa di fare impresa

 
Il punto
Poveri giovani, se lavorate

Poveri giovani, se lavorate

 
L'analisi
Classi dirigenti di ieri e oggi: un confronto impietoso

Classi dirigenti di ieri e oggi: un confronto impietoso

 
L'analisi
Comunicazione permanente per assordare Palazzo Chigi

Comunicazione permanente per assordare Palazzo Chigi

 
L'analisi
Le parole di Draghi non diventino prediche inutili

Le parole di Draghi non diventino prediche inutili

 
L'opinione
L'altra Italia, quella più bella che non ha bisogno di odiare

L'altra Italia, quella più bella che non ha bisogno di odiare

 
Il commento
Se la festa di Halloween a Bari diventa una catastrofe

Se la festa di Halloween a Bari diventa una catastrofe

 

Il Biancorosso

dopo il derby
Vivarini guarda la classifica: «Dobbiamo alzare il passo»

Vivarini guarda la classifica: «Dobbiamo alzare il passo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariPuglia
Influenza, primi due casi a Bari: colpiti due bambini. Il ceppo è quello dei vaccini in uso

Influenza, primi due casi a Bari: colpiti due bambini. Il ceppo è quello dei vaccini in uso

 
MateraAllerta meteo
Maltempo, sindaco Matera ordina chiusura scuole martedì

Maltempo, sindaco Matera ordina chiusura scuole martedì

 
Tarantonel Tarantino
Grottaglie, in aeroporto trovato ordigno bellico inesploso

Grottaglie, in aeroporto trovato ordigno bellico inesploso

 
Lecceidee in cucina
Solidarietà a Balotelli: a Lecce nasce il «pasticciotto nero»

Solidarietà a Balotelli: a Lecce nasce il «pasticciotto nero»

 
BatLa denuncia
Andria, è allarme furti in ospedale

Andria, è allarme furti in ospedale

 
Brindisiil cantiere
Brindisi, ordigno bellico durante lavori al multisala: piano evacuazione per 50mila persone

Brindisi, ordigno bellico durante lavori al multisala: piano evacuazione per 50mila persone

 
Potenzail rapporto
Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

 

i più letti

L'opinione

Politica ed economia riscoprano la sociologia

«La sociologia, anche in quanto visione, diventa occasione cruciale per la costruzione di un ceto politico ed economico in grado di muoversi con agilità tra tradizione ed innovazione»

MONTECITORIO - La Camera dei deputati

Più sono evidenti disorientamento collettivo, mancanza di solidi ancoraggi culturali e mappe concettuali, più è utile il ricorso a chiavi interpretative capaci di recuperare il valore delle molteplici interazioni esistenti tra sistemi e sottosistemi sociali. Per comprendere la complessità dell’intreccio sviluppatosi tra politica, economia e società, specie nell’era della globalizzazione e della disintermediazione, è indispensabile riscoprire il ruolo pubblico della sociologia.

Da Tocqueville a Weber, da Pareto ad Habermas, possiamo contare su un numero elevato di classici che dimostrano già da molto tempo quanto sia utile analizzare queste interazioni con lenti interdisciplinari. La politica poggia su basi sociali, si articola in attività sociali, contribuisce alla tenuta della stabilità della società o al suo cambiamento. L’economia è il risultato di scelte fatte in ragione delle specificità dei singoli contesti. Essa risente del condizionamento di fattori endogeni ed esogeni. Come sostiene Swedberg, tutte le economie sono “embedded”, cioè incorporate nelle relazioni sociali. Il discorso vale anche per i sistemi politici. L’obiettivo è definire quei temi che possono essere affrontati nella loro complessità e dinamicità grazie ad un’impostazione senza limiti e confini, come appunto è quella garantita dalla sociologia, scienza avalutativa nata a metà dell’Ottocento mentre si stava formando lo Stato moderno, ma anche metodo d’osservazione ed interpretazione dei fatti sociali.

Si pensi ai temi del potere, della responsabilità, della partecipazione dal basso ai processi decisionali, del peso nella vita reale delle istituzioni e delle sue logiche (spesso svincolate da quelle partitiche), delle disuguaglianze sociali come conseguenza di condizioni economiche precarie e come effetto dell’interruzione della mobilità verso l’alto. Si pensi, altresì, al ruolo svolto dalla tecnologia, alla trasformazione del consumo e del mercato, che da luogo di semplice transazione giuridico-economica è diventato luogo di produzione di senso. Si pensi alla questione della sostenibilità e alla costruzione di modelli antropologici in grado di superare le troppe derive individualistiche.

Sia nel suo livello empirico, sia nella sua funzione di tematizzazione e perimetrazione del nucleo fondante le questioni più significative che la politica e l’economia devono affrontare e risolvere, la scienza che studia la società (più come sistema che come struttura) diventa un angolo visuale utile se si vuole contrastare l’eccesso di frammentazione e ridurre il primato dei particolarismi sugli interessi generali. La sociologia, anche in quanto visione, diventa occasione cruciale per la costruzione di un ceto politico ed economico in grado di muoversi con agilità tra tradizione ed innovazione. Le scienze sociali sono a loro agio in quest’opera di contestualizzazione ed anticipazione dei fenomeni. Servono a fare sintesi delle polarizzazioni al centro del discorso pubblico. Servono a studiare il cambiamento o come risultato di conflitti o come frutto dell’evoluzione. La sociologia sa vedere e prevedere. Sa farlo anche quando, per dirla con cavalli, si concretizza solo in una “disciplina ingenua”: più che metodo scientifico, articolata e diffusa forma di “immaginazione sociologica” stando all’etichetta creata da Mills.

Come può l’agire politico coincidere con l’agire sociale, come può l’economia sfruttare la sua natura di processo (e non di condizione) senza questa capacità previsionale? Sono tre le soluzioni possibili per favorire un ruolo più attivo della Sociologia rispetto alla politica e all’economia: la soluzione gerarchica che, a partire da Comte, assegna alla sociologia una posizione di maggiore rilevanza rispetto ad altre scienze; la soluzione residuale, sviluppatasi nel convincimento che la sociologia debba occuparsi di questioni di cui non si occupano altre discipline; la soluzione formale che, come dimostra il contributo dato da Simmel, fa coincidere la sociologia con l’analisi delle diverse forme di relazione esistenti. Conviene riflettere sulle differenze esistenti tra la sequenza proposta da Marx e quella proposta da Parsons. La prima sequenza prende le mosse dalla disponibilità di risorse economiche e approda ai valori culturali, transitando attraverso le forme di potere e le regole giuridiche. La seconda, invece, parte dal sistema valoriale per approdare alle risorse economiche, passando attraverso le regole giuridiche e le forme di potere.

Se la politica e l’economia non ricorrono al contributo del “logos” sulla “societas” non avranno una chiara direzione di marcia. Non produrranno narrazioni che associno alle logiche della crescita economica anche l’obiettivo della maggiore coesione sociale. Non genereranno fiducia nel futuro, sottraendo la collettività alla rassegnazione, alle spinte centrifughe, al cinismo dell’eccesso di pragmatismo, all’iniquità, al sospetto reciproco, alla desocializzazione, alla mancanza di sapere e conoscenza, all’assenza di radicamento al bene comune. Serve un nuovo pensiero politico ed economico. La sociologia può essere d’aiuto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie